F.I.G.C.

Federazione Italiana Giuoco Calcio

Il Calcio Femminile in Italia

L’attività calcistica femminile in Italia è un movimento in continua crescita, anche se con numeri ancora inferiori rispetto a quelli delle principali realtà europee e mondiali: sono 23.196 le calciatrici tesserate per la Federcalcio (12.129 le Under 18) e 659 le società registrate, delle quali 64 partecipanti ai campionati nazionali (Serie A e B).
 
Alla FIGC è demandata la strategia di sviluppo del settore e l’attività delle Nazionali, che annovera da questa stagione 5 Selezioni, dalla A all’Under 16 più la Nazionale di Calcio a 5 (per maggiori info vai a Le Nazionali Femminili). Nella stagione in corso, il 26 marzo 2015 il Consiglio Federale ha approvato le Linee programmatiche per lo sviluppo del Calcio Femminile con lo scopo di avviare un programma di rilancio del movimento calcistico femminile in Italia, finalizzato a produrre un miglioramento degli standard in termini quantitativi e qualitativi. (per maggiori info clicca qui)
L’attività agonistica femminile di club rientra invece all’interno delle competizioni della Lega Nazionale Dilettanti, che ne organizza lo svolgimento sia a livello Nazionale (Serie A e B) attraverso il Dipartimento Calcio Femminile, sia a livello periferico, attraverso i Comitati Regionali e le Delegazioni Provinciali (Serie C e D). Ai campionati di Serie A e Serie B, che vedono iscritti rispettivamente 12 e 52 club localizzati su tutto il territorio nazionale, si aggiunge il Campionato Primavera, riservato alle calciatrici nate dopo il 1° gennaio 1997. Partecipano alla Coppa Italia le società di Serie A e B, con la vincente che all’inizio della stagione successiva affronta la squadra campione d’Italia nella Supercoppa.
Per tutte le informazioni sui campionati clicca qui
 
Nelle competizioni internazionali per club, all’Italia sono riservati due posti nella UEFA Champions League Femminile, assegnati alle prime due società del campionato di Serie A.
 
livello giovanile, il Settore Giovanile e Scolastico della FIGC è impegnato in numerosi progetti rivolti all’attività di base, sia attraverso attività rivolte alle scuole che alle squadre giovanili delle società affiliate.
Tra le attività preminenti, vanno citate: il ‘Womens football day’, i ‘Campionati studenteschi/ Ragazze in gioco’, il programma di supporto tecnico e quello svolto nei Centri federali territoriali, il ‘Torneo per Rappresentative Regionali Under 15’ (che è anche la base di lavoro per i tecnici federali per la costituzione delle prime Nazionali Azzurre), l’evento ‘Calciopiù’.
Di particolare rilievo è l’avvio del progetto dei Centri Federali Territoriali per la valorizzazione del settore giovanile (clicca qui), un progetto che si rivolge anche alle giovani calciatrici e che da qui al 2020 permetterà il monitoraggio di 3500 ragazze, puntando in 10 anni ad inserire nel programma formativo più di 5000 calciatrici.
 
A metà tra l’attività agonistica e quella giovanile rientra invece il Torneo delle Regioni, promosso dalla LND e riservato alle Rappresentative Regionali Femminili Under 23, composte da calciatrici tesserate per i club di Serie C e D. Istituito nel 1990 rappresenta una competizione nazionale che permette a numerose calciatrici di club locali di mettersi in luce per le categorie superiori.
 
Inoltre dal 2014, la FIGC ha inserito la categoria ‘Calciatrice italiana’ nella Hall of Fame del Calcio italiano, il premio riservato alle leggende del nostro calcio: ne sono entrate a far parte Carolina Morace, premiata il 29 settembre 2015 a Matera, Patrizia Panico che ha ricevuto il premio il 22 Febbraio 2016 e Melania Gabbiadini, premiata il 17 Gennaio 2017 nella splendida cornice della Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze.

Danone Nation’s Cup
E’ il più grande torneo di calcio under 12 al mondo con 2,5 milioni di atleti tra i 10 e i 12 anni provenienti da oltre 40 paesi. La prima finale della Danone Nation’s Cup si è tenuta a Parigi ad Ottobre 2016. A rappresentare l'Italia è stata la formazione femminile della A.S. Roma, che nel mese di giugno si era aggiudicata la fase nazionale, superando le pari età di tutta Italia. Andando oltre il risultato sportivo, la squadra capitolina, che nel corso della kermesse parigina ha affrontato senza mai sfigurare compagini maschili, ha impressionato per quanto riguarda gli aspetti tecnici e di gioco collettivo, a dimostrazione del gran lavoro svolto in ottica di crescita e sviluppo del movimento femminile. All'ultimo atto del torneo le giovani calciatrici italiane hanno superato l'Ungheria, a cui hanno lasciato l'ultima posizione nel ranking finale.
L’edizione del 2017, che per il secondo anno per quanto attiene la manifestazione italiana sarà sviluppato dal Settore Giovanile e Scolastico, vede cinquantotto squadre, di cui ventitre professionistiche, oltre un terzo in più rispetto all'edizione della scorsa stagione, numeri che stanno a testimoniare il prestigio di questa iniziativa che rappresenta un'occasione di crescita e promozione per il calcio femminile.

Torneo delle Regioni
A metà tra l’attività agonistica e quella giovanile rientra invece il Torneo delle Regioni, promosso dalla LND e riservato alle Rappresentative Regionali Femminili Under 23, composte da calciatrici tesserate per i club di Serie C e D. Istituito nel 1990 rappresenta una competizione nazionale che permette a numerose calciatrici di club locali di mettersi in luce per le categorie superiori.
 
I Progetti nelle scuole:
 Il Settore Giovanile e Scolastico, in accordo con il MIUR, il CONI e  il CIP, promuove l’attività calcistica all’interno delle scuole italiane di ogni livello con particolare attenzione al monitoraggio e alla crescita del calcio femminile. Per l’anno scolastico 2016/2017 è stato rinnovato il progetto quadro “Valori In Rete”, destinato agli studenti e alle studentesse di tutti gli istituiti italiani, all’interno del quale saranno sviluppate le attività di calcio femminile legate a Giococalciando e Ragazze in Gioco.

Nel 2016 sono stati oltre 22.000 gli alunni e le alunne della scuola primaria che hanno preso parte al progetto “Il Gioco del Rispetto” e circa 80.000 gli studenti e le studentesse della scuola secondaria che hanno partecipato ai “Campionati Studenteschi”, registrando la partecipazione di 1859 istituti di cui 984 anche nelle categorie femminili (428 istituti nella categoria Cadette - Scuola Secondaria di 1° grado e 556 istituti nella categoria Allieve - Scuola Secondaria di 2° grado).

Dettaglio dei progetti 2016 – 17 per l’attività femminile:

Ragazze in Gioco è un programma tecnico-didattico finalizzato alla crescita e allo sviluppo del calcio femminile all’interno delle scuole medie. Il progetto prevede l’intervento di tecnici del Settore Giovanile e Scolastico a supporto dell’attività degli insegnanti per tutti gli istituti che intendono aderire all’iniziativa, con l’opportunità di estenderla in orario extracurricolare nei Centri Sportivi Scolastici o nelle Società Sportive che avranno sottoscritto un’apposita convenzione.

Ulteriori informazioni sono disponibili nella sezione dedicata sul sito www.valorinrete.it

Giococalciando, è un progetto destinato alle studentesse della classi IV e V delle Scuole Primarie  finalizzato all'organizzazione di attività ludico-motorie propedeutiche al gioco del calcio e incontri formativi realizzati dagli esperti del Settore Giovanile e Scolastico FIGC con bambine e docenti. Nel corso del programma è prevista l'attivazione di un percorso didattico-formativo in e-learning per favorire la conoscenza degli esercizi, delle tecniche di base e delle regole essenziali del gioco del calcio.

 
Organi della FIGC che sovrintendono l’attività femminile e ne coordinano le strategie:
 
COMITATO ESECUTIVO PER IL CALCIO FEMMINILE
Il Comitato Esecutivo è stato costituito a seguito di vari incontri fra le componenti federali e ratificato nella seduta del Consiglio Federale del 31 agosto 2015; composto da un ristretto numero di Consiglieri Federali e coordinato dal Presidente Federale ha l’obiettivo di dare impulso a livello politico per l’indirizzo delle nuove strategie per il Calcio Femminile.
 
Carlo Tavecchio Presidente FIGC
Andrea Abodi Presidente Lega Serie B
Antonio Cosentino Presidente L.N.D.
Damiano Tommasi Presidente A.I.C.
Renzo Ulivieri Presidente A.I.A.C.
 
Partecipa alle riunioni anche Vito Roberto Tisci, Presidente S.G.S.
 
COMMISSIONE FEDERALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL CALCIO FEMMINILE
 
La Commissione, nominata dal Consiglio Federale ogni quattro anni e composta dal Presidente Federale, dal Presidente della L.N.D., dai Presidenti delle componenti tecniche e da un rappresentante designato da ciascuna delle altre componenti, è stata istituita con Comunicato Ufficiale n.110 del 10 gennaio 2013. La prima riunione di insediamento si è tenuta il 6 marzo 2013.
Alle riunioni possono essere invitati il Coordinatore-referente del Dipartimento Calcio Femminile, un rappresentante delle società, un rappresentante degli atleti e uno dei tecnici rispettivamente indicati dal Presidente della L.N.D. e dai Presidenti delle componenti tecniche. 
 
AREA SVILUPPO - CALCIO FEMMINILE
La FIGC in data 2 febbraio 2015 ha costituito, all’interno dell’Area Sviluppo,  un’unità dedicata allo sviluppo e alla promozione del Calcio Femminile, alla quale è demandato il coordinamento per quanto riguarda:
 
  • Le attività afferenti al Calcio Femminile all’interno della F.I.G.C.;
  • Programmi di finanziamento per lo sviluppo (FIFA, UEFA, ecc.);
  • Attività territoriale tramite il Settore Giovanile e Scolastico;
  • Rapporti con il Dipartimento Calcio Femminile della L.N.D.;
  • Relazioni con le componenti tecniche;
  • Segreteria della Commissione Federale per la promozione e lo sviluppo del Calcio Femminile.
 
La funzionalità dell’unità è affidata a Patrizia Recandio.
 
DIPARTIMENTO CALCIO FEMMINILE DELLA LND
 
Il Dipartimento Calcio Femminile, istituito nel gennaio 2013 dal Consiglio Federale in luogo dell’ex Divisione e posto direttamente all’interno della Lega Nazionale Dilettanti, dipende dal Presidente LND, che può nominare un suo delegato.
Sandro Morgana è stato nominato nuovo delegato del Dipartimento Calcio Femminile per la gestione dell’attività agonistica. Il Consiglio è così composto: 2 rappresentanti di area NORD, 2 di area CENTRO e altrettanti di area SUD (Presidenti o delegati delle società). Il Presidente della LND nomina inoltre un Coordinatore scegliendolo tra i sei Consiglieri e un Segretario. Il Dipartimento svolge a sua volta funzioni di raccordo con i Responsabili Regionali del Calcio femminile che fungono da coordinatori delle attività nel territorio di competenza. Di seguito la composizione.
 
Delegato: Sandro Morgana
Coordinatore: Alessandra Signorile
Consiglieri: Vincenzo Picheo, Maurizio Dario Fantini, Pasquale De Lorenzis, Sonia Pessotto, Marco Palagiano
Segretario: Patrizia Cottini