F.I.G.C.

Federazione Italiana Giuoco Calcio

Attualità

L’annuncio di Platini: “Seguo il cuore, mi presenterò per un nuovo mandato alla UEFA”

"Ho scelto di seguire il cuore, voglio finire ciò che ho cominciato. Anche quando ero un giocatore, ho sempre voluto onorare i miei obblighi. Voglio rispettare fino alla fine il contratto, mi presenterò per un nuovo mandato alla UEFA e non alla FIFA”. Con queste parole Michel Platini, intervenendo a Montecarlo in occasione dell’evento che apre la nuova stagione del calcio di club, ha annunciato di voler restare alla guida della UEFA e di non volersi candidare, almeno per ora, alla presidenza della FIFA. "Come avete avuto modo di vedere – ha spiegato Platini alla presenza dei presidenti e dei direttori generali delle 54 federazioni europee e dell’intero Comitato Esecutivo, di cui fa parte l'ex presidente federale Giancarlo Abete, vice presidente della UEFA - stiamo lavorando ad alcuni progetti molto importanti e desidero vederli portati a compimento prima di prendere in considerazione l'ipotesi di nuove sfide. Se le federazioni lo vorranno, e da quanto ho potuto vedere stamani mi sembra che sia così, credo di avere davanti ancora molti anni prima che il mio contratto si esaurisca". A rappresentare la FIGC a Montecarlo, il vicepresidente federale vicario Maurizio Beretta, il direttore generale Antonello Valentini e il responsabile delle Relazioni Internazionali Sergio Di Cesare. "Posso battere Blatter, ma forse non lo sapremo prima di quattro, sei o dieci anni", ha concluso Platini rimandando la sfida con l’attuale presidente della FIFA, che a maggio si presenterà per un quinto mandato consecutivo alla guida del massimo organismo calcistico mondiale. Nel pomeriggio saranno sorteggiati i gironi della prossima Champions League che, dopo l’eliminazione del Napoli, vedrà ai nastri di partenza Juventus e Roma. Domani sarà poi la volta del sorteggio dell’Europa League.

Attualità

Milano è pronta ad ospitare la finale della Champions League 2016

"Milano è pronta ad ospitare nel 2016 la finale di Champions League, siamo molto soddisfatti del lavoro compiuto con il Comune e con il Consorzio dello stadio e sostenuto dalle garanzie del Governo siglate dal sottosegretario Delrio": Antonello Valentini, direttore generale della FIGC, annuncia di aver inviato oggi alla UEFA gli ultimi documenti per completare il dossier di candidatura. "Adesso la palla passa alla UEFA: sulla base della relazione tecnica degli Uffici,  il 18 settembre il Comitato Esecutivo  dovrà valutare l'intero dossier e decidere sull'assegnazione a Milano della finale di Champions del 2016", spiega Valentini. Nel rispetto della scadenza dettata dalla UEFA, il Comune di Milano e il Consorzio dello stadio hanno inviato oggi alla FIGC un documento ufficiale: "Nella lettera firmata dall'assessore Bisconti e dall'amministratore delegato di MI-stadio Cefaliello - ribadisce il direttore generale della Federcalcio - sono confermati gli impegni richiesti dalla UEFA". In particolare, per l'utilizzo e la riqualificazione di alcuni settori dello stadio (opere finanziate interamente dal Comune); per l'abbattimento dei divisori interni; per la realizzazione del  Champions Village all'interno della zona del trotto, con la collaborazione e il coinvolgimento della Snai, proprietaria dell'intera area. "Siamo convinti di avere le carte in regola per portare a Milano una manifestazione cosi prestigiosa" sostiene Valentini, ricordando che la FIGC è impegnata anche su un altro fronte di grande rilevanza per tutto il sistema sportivo italiano: "Roma è candidata a ospitare 4 gare degli Europei del 2020 e anche in questo caso il nostro dossier è di alto profilo. Insieme alla parte tecnica e sportiva, c'è tutto il fascino di una città unica al mondo, celebrata anche da una testimonianza che ha voluto firmare Paolo Sorrentino, premio Oscar per ‘La Grande Bellezza’". "Siamo fiduciosi come per Milano - conclude il direttore generale della FIGC - di ottenere dalla UEFA anche l'assegnazione di Euro 2020 per Roma". Sotto la presidenza di Michel Platini, il Comitato Esecutivo della UEFA (di cui fa parte l'ex numero uno della FIGC Giancarlo Abete)  si pronuncerà il 19 settembre a Ginevra.