F.I.G.C.

Federazione Italiana Giuoco Calcio

Attualità

L’annuncio di Platini: “Seguo il cuore, mi presenterò per un nuovo mandato alla UEFA”

"Ho scelto di seguire il cuore, voglio finire ciò che ho cominciato. Anche quando ero un giocatore, ho sempre voluto onorare i miei obblighi. Voglio rispettare fino alla fine il contratto, mi presenterò per un nuovo mandato alla UEFA e non alla FIFA”. Con queste parole Michel Platini, intervenendo a Montecarlo in occasione dell’evento che apre la nuova stagione del calcio di club, ha annunciato di voler restare alla guida della UEFA e di non volersi candidare, almeno per ora, alla presidenza della FIFA. "Come avete avuto modo di vedere – ha spiegato Platini alla presenza dei presidenti e dei direttori generali delle 54 federazioni europee e dell’intero Comitato Esecutivo, di cui fa parte l'ex presidente federale Giancarlo Abete, vice presidente della UEFA - stiamo lavorando ad alcuni progetti molto importanti e desidero vederli portati a compimento prima di prendere in considerazione l'ipotesi di nuove sfide. Se le federazioni lo vorranno, e da quanto ho potuto vedere stamani mi sembra che sia così, credo di avere davanti ancora molti anni prima che il mio contratto si esaurisca". A rappresentare la FIGC a Montecarlo, il vicepresidente federale vicario Maurizio Beretta, il direttore generale Antonello Valentini e il responsabile delle Relazioni Internazionali Sergio Di Cesare. "Posso battere Blatter, ma forse non lo sapremo prima di quattro, sei o dieci anni", ha concluso Platini rimandando la sfida con l’attuale presidente della FIFA, che a maggio si presenterà per un quinto mandato consecutivo alla guida del massimo organismo calcistico mondiale. Nel pomeriggio saranno sorteggiati i gironi della prossima Champions League che, dopo l’eliminazione del Napoli, vedrà ai nastri di partenza Juventus e Roma. Domani sarà poi la volta del sorteggio dell’Europa League.

Nazionale Under 21

Al via il raduno. Rugani: “La sfida con la Serbia determinante per il nostro futuro”

Si radunano alle 12.30 a Castel di Sangro i 25 Azzurrini convocati da Luigi Di Biagio per le sfide con Serbia e Cipro, due gare decisive per la qualificazione della Nazionale Under 21 ai play off del Campionato Europeo. Alle ore 17 la squadra sosterrà la prima seduta di allenamento per preparare il match con la Serbia in programma venerdì allo stadio ‘Adriatico’ di Pescara (calcio d’inizio alle ore 21).  "La gara di venerdì – avverte il difensore dell’Empoli Daniele Rugani, in campo ieri a Udine nella prima giornata del campionato di Serie A - è determinante e in un certo senso può avere anche un peso sul nostro futuro. Qualificarsi per la fase finale degli Europei sarebbe importante per noi perché ci darebbe visibilità e prestigio. Ci aspetta una partita dura perché la Serbia una squadra fortissima, con giocatori che giocano titolari in Champions League. Ce la metteremo tutta e speriamo di portare a casa la vittoria". L’elenco dei convocati Portieri: Bardi (Chievo Verona), Cragno (Cagliari), Leali (Cesena); Difensori: Antei (Sassuolo), Bianchetti (Empoli), Biraghi (Chievo Verona), Murru (Cagliari), Romagnoli (Roma), Rugani (Empoli), Sabelli (Bari), Zappacosta (Atalanta); Centrocampisti: Baselli (Atalanta), Battocchio (Virtus Entella), Benassi (Torino), Cataldi (Lazio), Crisetig (Cagliari), Dezi (Crotone), Molina (Atalanta), Sturaro (Genoa), Viviani (Latina); Attaccanti: Belotti (Palermo), Berardi (Sassuolo), Bernardeschi (Fiorentina), Longo (Cagliari), Trotta (Fulham). Le gare del Gruppo 9 Venerdì 5 settembre Ore 17 Cipro-Belgio Ore 21 ITALIA-Serbia Martedì 9 settembre Ore 17 Irlanda del Nord-Serbia Ore 17 ITALIA-Cipro La classifica: Serbia e Belgio 13 punti, ITALIA 12, Cipro 6, Irlanda del Nord 3 Il Programma della Nazionale Under 21 Oggi Raduno entro le ore 12.30 presso “SPORT VILLAGE HOTEL”  di Piana San Liberata – Castel di Sangro (AQ)   ore 17.00 allenamento presso Castel di Sangro (chiuso) Domani  ore 10.00 allenamento presso Castel di Sangro (chiuso) ore 13.00 incontro con la Stampa (calciatori) ore 17.00 allenamento presso lo Stadio “Teofilo Patini”- Castel di Sangro (aperto) Mercoledì 3 settembre ore 13.00  incontro con la Stampa (calciatori) ore 17.00 allenamento presso Castel di Sangro (chiuso) Giovedì 4 settembre  ore 10.00 Trasferimento presso Hotel “SPORTING VILLA MARIA”  di Contrada Pretaro  - Francavilla al Mare (CH)  ore 13.30 incontro con la Stampa (il Tecnico) ore 18.00 allenamento presso Stadio “Adriatico - G.Cornacchia”- Pescara (aperto Stampa i primi 15 min) Venerdì 5 settembre   ore 21.00    gara ITALIA-SERBIA Under 21 presso lo Stadio “Adriatico - G. Cornacchia”–  Pescara. Al termine della gara incontro con la Stampa.  Sabato  6 settembre  ore 10.30 allenamento presso C.S. Vestina di Montesilvano (chiuso) Domenica  7 settembre ore 10.00 trasferimento presso “SPORT VILLAGE HOTEL” – Castel di Sangro (AQ) ore 17.00 allenamento presso lo Stadio “Teofilo Patini” - Castel di Sangro (aperto) Lunedì 8 settembre ore 13.15 incontro con la Stampa (il Tecnico) ore 19.00 allenamento presso Stadio “Teofilo Patini”- Castel di Sangro (aperto Stampa i primi 15 min.) Martedì 9 settembre ore 17.00 gara ITALIA-CIPRO Under 21 presso lo Stadio “Teofilo Patini”- Castel di Sangro.                    Al termine della gara incontro con la Stampa, scioglimento del raduno e rientro di atleti e staff presso le rispettive sedi.  

Attualità

Tavecchio: “Va restituita forza alla Federazione, stiamo aprendo una stagione di riforme”

"Siamo reduci da una brutta esperienza agonistica ai Mondiali, stiamo per aprire una stagione di riforme, ma abbiamo la forza di essere una società di persone serie, di italiani con voglia di crescere. Io sono fiducioso, le componenti capiranno che è un momento delicato e non possiamo che ripartire unendo le forze". Queste le parole del presidente della FIGC Carlo Tavecchio, intervenuto questa mattina a ‘Radio Anch’io lo sport’ su RadioUno.  “Dobbiamo ricominciare a mettere al posto giusto la Federazione – ha dichiarato il numero uno della Federcalcio - con la propria autorità, dal punto di vista agonistico, strutturale e culturale. Da qui si deve partire, restituendo una forza alla Federazione, che negli ultimi tempi è diminuita. Bisogna avviare il processo delle riforme per quanto riguarda il campionato: è questa la madre di tutte le nostre battaglie”. I campionati di Serie A e B sono sempre più popolati da calciatori stranieri e la ricetta per far ripartire il calcio italiano è tornare ad investire nei vivai e a credere nei giovani, anche attraverso la nascita di nuovi centri federali: “Non si può andare avanti così – ha sottolineato Tavecchio - sappiamo che i giocatori dei 28 Paesi della comunità europea non possono essere toccati, hanno il titolo per giocare anche 11 su 11. Il problema è diverso con gli extracomunitari. Riceviamo quantità industriali di questi giovani che vengono collocati sui nostri mercati, molti hanno fortuna e altri no. Bisognerebbe intervenire sotto l'aspetto giuridico. ma non credo sia possibile. La Lega Dilettanti sta creando 19 Centri Federali per contare su un bacino d'utenza di 700 mila giovani da proporre al mondo professionistico, mettendo le società nelle condizioni di trovare, in questo mare di giovani giocatori, i futuri campioni". Il presidente federale è tornato anche sulla decisione di puntare su Antonio Conte, che oggi a Coverciano dirigerà il suo primo allenamento: “Abbiamo scelto un tecnico importante e ho fiducia totale in lui. Il nostro mister risponde al target europeo e  mondiale dei grandi allenatori, ho colto questa opportunità con  entusiasmo sperando di costruire nuove strategie per il sistema  Italia. Senza fare critiche al passato – ha aggiunto Tavecchio - prima c'erano scarsissimi  collegamenti fra gli allenatori e i Ct delle nazionali e questo era un fattore negativo. Conte ha ripreso in mano da zero la questione e noi  lo metteremo in condizione, insieme a un Team Manager come Oriali, con il  quale c'è una sinergia notevole, di fare una nuova stagione di  incontri a Coverciano".