F.I.G.C.

Federazione Italiana Giuoco Calcio

Esordio degli Azzurrini con l’Uruguay. Evani: “La forza del nostro gruppo contro il talento individuale”

E' il giorno dell’esordio con l’Uruguay nel Campionato Mondiale (oggi alle 20 locali, 13 italiane, diretta su Eurosport 2) che ieri ha preso il via nella Repubblica di Corea. Gli Azzurrini di Alberico Evani hanno sostenuto  una leggera seduta di allenamento a Suwon, località a pochi chilometri da Seul. Più o meno superati i problemi di adattamento al fuso orario (rispetto all’Italia, 7 ore avanti), i ragazzi di Alberico Evani, ai quali nel pomeriggio di ieri, esaurito l’impegno con il Brescia, si è aggiunto Filippo Romagna, si stanno preparando ad affrontare domani al Suwon World Cup Stadium la squadra sudamericana. Una formazione ostica, da circa 20 giorni in estremo oriente, con alle spalle una gara amichevole giocata contro la Cina per preparare al meglio questo appuntamento iridato.

Un evento a cui partecipano 24 nazioni e 506 giocatori, suddiviso in sei gironi, con l’Italia collocata nel gruppo D insieme a Uruguay, Sudafrica e Giappone. Della partita  si è parlato nel pomeriggio di ieri durante la conferenza stampa organizzata dalla Fifa, presenti gli allenatori delle due squadre, ‘Chicco’ Evani e Fabian Coito accompagnati dai rispettivi capitani Rolando Mandragora e Nicolas De La Cruz. “Ci aspetta una partita difficile – avverte il tecnico Azzurro – contro una squadra che in Sudamerica ha vinto il Campionato Sub 20 (in finale 2-1 contro Ecuador dopo aver eliminato l’Argentina) e questo significa che avremo di fronte tanta qualità. Nonostante il poco tempo avuto a disposizione, io ho tanta fiducia nei nostri ragazzi e confido nella forza del gruppo che sicuramente si farà valere sul campo”. Alla domanda sulle sue aspettative in questo Mondiale il capitano degli Azzurrini, Mandragora ha replicato: “ In un Mondiale è difficile fare previsioni: le nostre aspettative le costruiremo partita dopo partita”.

La ‘Celeste’ è una compagine che punta molto su questi Mondiali, almeno a quanto dichiarato dal suo allenatore Coito: “siamo venuti qui per vincere”, sfruttando l’onda lunga della vittoria conseguita al Sub 20 sudamericano, con  un ruolino di marcia fatto di 6 vittorie, due pareggi e una sola sconfitta. Una squadra ricca di talento tecnico individuale ma con scarsa propensione alla tattica collettiva. Normalmente gioca con un 4-2-3-1 che fa perno sull’azione dei suoi trequartisti Nicolas De La Cruz, e Rodrigo Amaral, giocatore del Nacional, azione supportata dagli inserimenti di Rodrigo Bentancur, neo acquisto della Juventus e di Federico Valverde, centrocampista del Real Madrid B. Sarà interessante assistere alla sfida nella sfida, tra Bentancure Mandragora, oggi avversari in campo ma prossimi compagni di squadra nella Juventus.

L’Uruguay in questi mondiali di categoria ha collezionato due secondi posti (1997 e 2013). L’Italia vanta 6 partecipazioni ed è riuscita a raggiungere tre volte i quarti di finale (1987, 2005 e 2009). La Serbia, campione in carica, non si è qualificata in questa edizione.
Oggi pomeriggio il Venezuela, con cui l’Italia ha pareggiato a Coverciano nell’ultima amichevole prima della partenza, ha battuto la Germania (2-0) e l’Inghilterra ha sconfitto pesantemente una delle favorite del Torneo, l’Argentina. Esordio positivo dei padroni di casa della Corea che battono per 3-0 la Guinea.

La Fifa in questo Mondiale ha introdotto una novità tecnologica importante con la Var (Video Assistant Referee) che, dopo aver superato la sua fase sperimentale, per la prima volta viene utilizzata in una importante competizione internazionale. Ieri, due interventi rilevanti: nel corso della partita tra la Repubblica di Corea e la Guinea, un gol dei padroni di casa è stato annullato dopo che nell'azione della rete, è stata rilevata una irregolarità; nella partita tra Argentina e Inghilterra è stato espulso un giocatore sudamericano, Lautaro Martinez, dopo che l'arbitro aveva fermato il gioco per controllare sul monitor una sua azione fallosa compiuta ai danni di un avversario.

Sarà possibile seguire le imprese degli Azzurrini dato che le tre partite dell’Italia nel girone preliminare saranno trasmesse in diretta da Eurosport.

L’elenco dei convocati 
Portieri: Samuele Perisan (Udinese), Andrea Zaccagno (Pro Vercelli); Alessandro Plizzari (Milan);
Difensori: Mauro Coppolaro (Latina), *Federico Dimarco (Empoli), Riccardo Marchizza (Roma), Giuseppe Pezzella (Palermo), Giuseppe Scalera (Fiorentina), Leonardo Sernicola (Fondi), Filippo Romagna (Brescia);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Alfredo Bifulco (Carpi), Paolo Ghiglione (Spal), Rolando Mandragora (Juventus), **Simone Minelli (Albinoleffe), Matteo Pessina (Como), Mattia Vitale (Cesena);
Attaccanti:  Giuseppe Antonio Panico (Cesena), Riccardo Orsolini (Ascoli), Andrea Favilli (Ascoli), Luca Vido (Cittadella).

*si aggregherà ai compagni al termine degli impegni con le rispettive squadre di club
**sconvocato causa infortunio, al suo posto convocato Francesco Cassata (Ascoli)

Staff – Allenatore: Alberico Evani; Assistente allenatore: Luigi Amleto Garzya; Segretario: Aldo Blessich; Vincenzo Pincolini; Preparatore dei portieri: Gian Matteo Mareggini; Medici: Vincenzo Santoriello e Lorenzo Ticca; Fisioterapista: Giuseppe Galli; Addetto stampa: Giuseppe Ingrati; Nutrizionista: Alessio Colli; Match analyst: Francesco Bordin. 
 
Il calendario del Gruppo D della Coppa del Mondo FIFA
 
Prima giornata (21 maggio)
ITALIA-Uruguay (ore 20 locali, le 13 italiane - Suwon - diretta su Eurosport 2)
Sudafrica-Giappone (ore 17 locali, le 10 italiane – Suwon)
 
Seconda giornata (24 maggio)
Sudafrica-ITALIA (ore 17 locali, le 10 italiane – Suwon - diretta su Eurosport 1)
Uruguay-Giappone (ore 20 locali, le 13 italiane – Suwon)
 
Terza giornata (27 maggio)
Giappone-ITALIA (ore 20 locali, le 13 italiane – Cheonan - diretta su Eurosport 2)
Sudafrica-Uruguay (ore 20 locali, le 13 italiane – Incheon)