NEWS

Calcioscommesse

No al patteggiamento per Conte, - 6 il Siena, Grosseto rischio Lega Pro


Roma 01/08/2012

Nella prima giornata del processo relativo al filone di Cremona del calcio scommesse che si è svolta presso l’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico, la Commissione Disciplinare nazionale, presieduta da Sergio Artico, ha accolto le istanze di patteggiamento proposte da 4 club (Siena, Torino, Varese e Albinoleffe) e da 11 tesserati, preventivamente concordate con la Procura federale e illustrate in aula dal Procuratore Stefano Palazzi.
E’ stato respinto invece il patteggiamento avanzato dal tecnico della Juventus Antonio Conte (3 mesi di squalifica e 200 mila euro di ammenda).  I legali della Juventus hanno chiesto la ricusazione della Commissione, un’istanza dichiarata inammissibile dalla stessa Commissione Disciplinare.

In apertura la Commissione ha accolto le istanze di patteggiamento di Torino e Varese, penalizzate di 1 punto in classifica da scontare nella prossima stagione e con un’ammenda di 30mila euro. Subito accolte anche le richieste di patteggiamento concordate con la Procura di 7 tesserati: Filippo Carobbio (4 mesi), Angelo Esmael Junior Da Costa (3 mesi e ammenda di 30mila euro),  Daniele Faggiano (4 mesi inibizione), Carlo Gervasoni (3 mesi), Alejandro Marcelo Paez Larrondo (3 mesi e 20 giorni e ammenda di 30mila euro), Luigi Sala (2 anni) e Cristian Stellini (2 anni e 50mila euro di ammenda).
La Commissione ha invece inizialmente respinto il patteggiamento del Siena, che aveva concordato con il Procuratore Federale una penalizzazione di 5 punti da scontare nel prossimo campionato e 40 mila euro di multa. Respinti, oltre a quello di Conte, anche i patteggiamenti avanzati da Angelo Alessio, Giorgio D’Urbano, Dario Passoni, Mirco Poloni e Marco Savorani.
Dopo la riformulazione delle istanze di patteggiamento da parte di Palazzi, la Commissione Disciplinare ha accolto quella del Siena (6 punti di penalità e ammenda di 20mila euro), dell’Albinoleffe (1 punto di penalità e 30mila euro di ammenda), di Dario Passoni (6 mesi e 15 giorni), Mirco Poloni (6 mesi), Marco Savorani (5 mesi e 10 giorni) e Giorgio D'Urbano (5 mesi e 10 giorni). Il Procuratore Federale nella sua requisitoria ha poi avanzato le richieste di condanna: retrocessione in Lega Pro e penalizzazione in classifica di 3 punti per il Grosseto, 4 punti di penalizzazione da scontare nella prossima stagione per il Novara e un’ammenda di 10mila euro per l’Ancona.

La Commissione, composta dal vice presidente Claudio Franchini, e dai componenti Amedeo Citarella, Gianfranco Tobia e Federico Vecchio all’inizio del procedimento aveva rigettato le istanze di stralcio presentate dal Torino e dai calciatori Alessandro Pellicori e Cristian Bertani. Ammesse come parti terze Cesena, Gubbio, Nocerina e Vicenza.
Domani alle 9.30 all’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico si terrà la seconda udienza per quanto riguarda il filone di Cremona, mentre venerdì 3 e sabato 4 agosto si terranno le udienza relative al filone di Bari.