NEWS

Calcioscommesse

Chiesti 3 anni e mezzo per Bonucci, 1 per Pepe. Lecce, rischio LegaPro


Roma 03/08/2012

Nella prima giornata del processo relativo al filone di Bari del calcio scommesse, la Commissione Disciplinare nazionale, presieduta da Sergio Artico, ha accolto le istanze di patteggiamento proposte da 4 club (Sampdoria, Siena, Bari e Portogruaro) e 10 tesserati.

Sono stati accolti i patteggiamenti concordati con la Procura Federale di Sampdoria (1 punto di penalizzazione e ammenda di 30mila euro), Bari (5 punti di penalizzazione e ammenda di 80mila euro), Siena (ammenda di 80mila euro in continuazione con gli altri provvedimenti nei processi precedenti) e Portogruaro (ammenda di 5mila euro). Accolte anche le richieste di patteggiamento di 10 tesserati: Andrea Masiello (2 anni e 2 mesi e ammenda di 30mila euro), Carlo Gervasoni (1 mese in continuazione con gli altri provvedimenti nei processi precedenti), Bortolo Mutti, Marcello Sanfelice e Guido Angelozzi (4 mesi), Filippo Carobbio (2 mesi in continuazione con gli altri provvedimenti nei processi precedenti), Alessandro Parisi (2 anni e ammenda di 10mila euro), Marco Rossi (1 anno e 8 mesi e ammenda di 20mila euro), Marco Esposito (3 mesi e 10 giorni) e Cristian Stellini (6 mesi in continuazione con gli altri provvedimenti nei processi precedenti).
Nella sua requisitoria il Procuratore Federale Stefano Palazzi ha quindi avanzato le richieste di condanna nei confronti di 3 club e 12 tesserati: retrocessione in Lega Pro e 6 punti di penalizzazione per il Lecce, 2 punti di penalizzazione e 50mila euro per il Bologna, ammenda di 50mila euro per l’Udinese, 5 anni di squalifica e preclusione per Pierandrea Semeraro, 4 anni per Nicola Belmonte, 3 anni e 6 mesi per Leonardo Bonucci, Simone Bentivoglio, Salvatore Masiello e Giuseppe Vives, 3 anni per Daniele Portanova, Stefano Guberti e Daniele Padelli,  1 anno per Simone Pepe e Marco Di Vaio, 9 mesi per Antonio Bellavista in continuazione con gli altri provvedimenti nei processi precedenti.

La Commissione, composta dal vice presidente Claudio Franchini, e dai componenti Riccardo Andriani, Marcello Frattali Clementi e Andrea Morsillo, all’inizio del procedimento ha ammesso come parti terze Vicenza, Nocerina, Cesena e Gubbio. Rifiutate le istanze di ammissione presentate da Codacons e Federsupporter.

Il processo riprenderà domani alle ore 9.30 all’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico.