Sicilia

Refugee Teams: conclusa la settima edizione con la Sicilia ancora tra le protagoniste

Per la nostra regione sono giunte all'atto conclusivo Marsala e Raffadali, con i lilibetani giunti addirittura in finale

mercoledì 29 settembre 2021

Refugee Teams: conclusa la settima edizione con la Sicilia ancora tra le protagoniste

Si è conclusa con un risultato più che lusinghiero la settima edizione del progetto Rete Refugee Teams 2021, che ha avuto come atto conclusivo lo splendido scenario dello Stadio dei Marmi di Roma.

La manifestazione, sviluppata dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, in collaborazione con il Ministero dell’Interno, l’ANCI, Cittalia e il Servizio Centrale della Rete SAI, con il supporto dei partner Eni e Puma, rivolto ai minori stranieri, ha visto la Sicilia ancora una volta protagonista: il Sai Siproimi di Marsala si è dovuto arrendere solo in finale a Carmiano che ha prevalso per 2-1. Settimo posto per Raffadali, l'altra siciliana impegnata in queste finali. Degna di nota comunque l’esperienza di entrambi i teams isolani per quanto dimostrato in campo sotto l’occhio attento del coordinatore regionale Stefano Valenti, che ha assistito alla manifestazione parte integrante della Settimana Europea dello Sport, promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, da Sport e Salute e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

Per la Sicilia si è trattato della sesta finale in sette edizioni, quasi un record se si considera che le prime tre edizioni della manifestazione sono state appannaggio della Sicilia, grazie ai successi di Caltagirone (due volte) e, poi, di Vizzini. Quest'ultima edizione ha visto la nostra isola ancora protagonista nel progetto che punta all'integrazione sociale e all'inclusione: ben 30 sono stati i centri Sai - Siproimi partecipanti, di cui uno, quello di Trabia, tutto al femminile che danno la dimensione imponente che negli anni ha assunto questa iniziativa nel territorio siciliano, da sempre particolarmente esposto ai flussi migratori provenienti dal nord-Africa.

Nell'isola il responsabile regionale del progetto è Franco Nucatola coadiuvato da uno staff regionale e periferico di collaboratori. Per quanto concerne l'aspetto tecnico, invece, sono intervenuti alle finali di Roma Carmelo Mirabile, Diego Valenti e Davide Giacomarro.