FIGC - Nazionali - news https://www.figc.it Wed, 19 Jun 2019 03:45:42 +0200 FIGC Feed Generator Ultime news FIGC.IT IT La prima sconfitta non fa male: vince il Brasile, ma l’Italia vola da prima agli Ottavi https://www.figc.it/it/nazionali/news/la-prima-sconfitta-non-fa-male-vince-il-brasile-ma-l-italia-vola-da-prima-agli-ottavi/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 23:17:02 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/la-prima-sconfitta-non-fa-male-vince-il-brasile-ma-l-italia-vola-da-prima-agli-ottavi/ La prima sconfitta dell’Italia al Mondiale è un ko indolore. Dopo il successo... La prima sconfitta dell’Italia al Mondiale è un ko indolore. Dopo il successo in rimonta all’esordio con l’Australia (2-1) e la vittoria in goleada con la Giamaica (5-0), le Azzurre perdono 1-0 con il Brasile, ma chiudono ugualmente in testa il Gruppo C grazie alla miglior differenza reti, guadagnandosi una settimana piena di recupero prima dell’Ottavo di finale, in programma martedì 25 giugno (ore 18) a Montpellier contro una delle quattro migliori terze classificate (Nigeria e Cina le possibili avversarie). Un’Italia attenta e ordinata riesce a contenere le sudamericane e si arrende solo alla leggendaria Marta, che a un quarto d’ora dal termine trasforma un rigore molto generoso concesso per un lieve contatto tra Linari e Debinha.

"Dispiace per la sconfitta - il commento a caldo di Milena Bertolini - forse sarebbe stato più giusto il pareggio, ma la cosa bella è che siamo prime. Siamo felici, ora dobbiamo riposare e recuperare le energie fisiche e mentali". Tra i 22mila spettatori che hanno gremito gli spalti dello Stade du Hainaut anche tanti tifosi italiani: "E’ stato emozionante - sottolinea la Ct - ci hanno portato tanta gioia". Esulta anche Sara Gama: "Siamo prime, nemmeno nelle più rosee aspettative avremmo immaginato tutto questo. Abbiamo meritato sul campo e credo ci sia margine di miglioramento. Oggi un episodio ha deciso la partita".

Ancora una volta il presidente federale Gabriele Gravina ha assistito al match delle Azzurre dalla tribuna insieme al Dg Marco Brunelli: "E’ una sconfitta indolore - le sue parole - che passa in secondo piano rispetto al primo posto nel girone: un risultato straordinario, impensabile alla vigilia. Le nostre ‘Ragazze Mondiali’ anche questa sera contro un grande Brasile hanno dimostrato di essere un gruppo eccezionale. Mi complimento con loro, con Milena Bertolini e tutto lo staff".

LA PARTITA - La novità di formazione è Valentina Giacinti, la capocannoniera della Serie A per la prima volta in campo dal primo minuto nel 4-3-1-2 dell’Italia, in cui Girelli arretra per ricevere le imbucate di Giugliano e Cernoia mentre Bonansea parte larga per sfruttare al meglio le sue doti migliori: facilità di corsa e dribbling. Dopo la doppietta con la Giamaica ritrova un posto da titolare Aurora Galli, resta fuori Bergamaschi e come laterali di difesa sono confermate Alia Guagni ed Elisa Bartoli. Senza la squalificata Formiga, il Brasile non rinuncia a Marta, anche se la fuoriclasse verdeoro non è al 100% della condizione. In avanti con lei c’è Cristiane, in un 4-4-2 dove in mezzo al campo trovano spazio la milanista Thaisa e Andressinha, con Debinha e Ludmila, quest’ultima chiamata a sostituire l’infortunata Andressa, sulle corsie esterne.

Il Brasile parte forte e Marta con un numero da giocoliera fa subito capire di che pasta è fatta. Ma al 5’ è l’Italia a sfiorare per prima il gol: Giacinti difende bene il pallone e allarga per Bonansea, che calcia sul primo palo trovando la deviazione in angolo di Barbara. Il pubblico sugli spalti si diverte e fa la ola, la partita è vivace ed equilibrata. Al 17’ Laura Giuliani si esalta e con un bel riflesso salva sul colpo di tacco di Debinha per poi deviare sulla parte alta della traversa l’angolo successivo calciato da Marta. La sei volte miglior calciatrice del Mondo gioca a tutto campo, prendendo per mano la squadra. Ma le Azzurre non stanno a guardare e Cernoia con un tiro cross tagliato sfiora il palo alla destra di Barbara. Girelli segna, ma il fuorigioco è netto e non c’è bisogno di aspettare la VAR, poi di testa su angolo di Cernoia per poco non trova il suo quarto gol nel Mondiale. Al 40’ ripartenza da manuale dell’Italia: Cernoia serve Guagni sulla sinistra, cross sul secondo palo per Bonansea che in spaccata impegna Barbara.

Nella ripresa il Brasile spinge sull’acceleratore, andando a caccia dei gol necessari per evitare un probabile scontro frontale negli Ottavi con la Francia. Al 52’ Andressinha colpisce la traversa con una punizione dal limite dell’area, poi Kathellen di testa sfiora il palo. E’ il momento di stringere i denti, Bergamaschi rileva Giacinti e si allarga a destra, con Girelli che sale diventando il terminale offensivo. Nel Brasile Beatriz prende il posto di Cristiane e appena entrata sfiora il gol con un tocco al volo che termina a lato. Al 74’ il Brasile passa in vantaggio: Linari ostacola Debinha, il contatto è lieve ma la messicana Venegas indica il dischetto e Marta spiazza Giuliani. E’ un gol che però non sposta gli equilibri del girone. L’Italia vola da prima a Montpellier e può andare a ricevere l’abbraccio dei suoi tifosi: missione compiuta!

ITALIA-BRASILE 0-1 (0-0 pt)

Rete: 74’ rig. Marta (B)

ITALIA: Giuliani; Guagni, Gama (C), Linari, Bartoli (70’ Boattin); Giugliano, Cernoia, Galli; Girelli (78’ Mauro); Giacinti (63’ Bergamaschi), Bonansea. A disp: Marchitelli, Fusetti, Cimini Tucceri, Rosucci, Parisi, Serturini, Sabatino, Tarenzi, Pipitone. Ct: Milena Bertolini.
BRASILE: Barbara; Tamires, Leticia Santos (76’ Poliana), Kathellen; Monica; Thaisa, Andressinha, Debinha, Ludmila; Marta (C) (83’ Luana), Cristiane (65’ Beatriz). A disp: Aline, Daiane, Andressa, Camila, Raquel Fernandes, Geysie, Leticia. Ct: Vadao.

Arbitro: Lucila Venegas (MES). Assistenti: Mayte Chavez (MES) ed Enedina Caudillo (MES). Quarto ufficiale: Ekaterina Koroleva (USA). VAR: Carlos del Cerro Grande (SPA). AVAR: Luciana Mascarana (URU) e Tiago Martins (POR).

Note: spettatori 21.669. Ammonite: Bartoli (I), Let

]]>
Nazionale di futsal Giovani Esordienti, Italia ko 2-1 con l'Armenia nel primo test https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-di-futsal-giovani-esordienti-italia-ko-2-1-con-larmenia-nel-primo-test/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 21:03:47 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-di-futsal-giovani-esordienti-italia-ko-2-1-con-larmenia-nel-primo-test/ Finisce con una sconfitta di misura la prima amichevole della Nazionale di calcio a cinque “Giovani Esordienti” Finisce con una sconfitta di misura la prima amichevole della Nazionale di calcio a cinque “Giovani Esordienti”. Al Centro Sportivo ‘Novarello-Villaggio Azzurro’ di Granozzo con Monticello, in provincia di Novara, gli Azzurri si arrendono 2-1 all’Armenia: non basta il gol del momentaneo pareggio di Alvise Tenderini alla squadra guidata da Alessio Musti, punita dalle reti - una per tempo - di Henrique Costa da Silva e Saro Galstyan.

Il Commissario Tecnico parte con un quartetto composto da Botosso, Pulvirenti, Baron (capitano) e Biscossi, che agiscono davanti al portiere Lorenzo Pietrangelo. Gli ospiti si portano in vantaggio a metà primo tempo: Costa Da Silva vince un rimpallo e riesce a superare Pietrangelo, firmando l’1-0. è il risultato con cui si va negli spogliatoi.

Nella ripresa, sempre a metà frazione, arriva il pareggio dell’Italia. Tenderini è bravo a rubare un pallone a centro area e insacca l’1-1. L’equilibrio, però, regge meno di cinque minuti, perché Jacopo Lupi perde un pallone a centro area e, dal limite, Galstyan - il capitano ospite - trova il nuovo vantaggio.

Musti chiama time-out e si gioca la carta del portiere di movimento, avanzando Gastaldo per avere il power play. Ma è ancora l’Armenia a “rischiare” di segnare, con lo stesso Gastaldo che compie un miracoloso salvataggio: finisce 2-1 per la nazionale di Ruben Nazaretyan, domani (mercoledì) si replica con gara-2 in programma alle 18.

ITALIA-ARMENIA 1-2 (0-1 p.t.)
ITALIA: Pietrangelo, Botosso, Pulvirenti, Baron, Biscossi, Molaro, Ghouati, Di Guida, D’Eugenio, Tenderini, Gastaldo, Lupi, Caponigro, Cerulli. Ct Musti

ARMENIA: Askadjian, Manukian, Mashumyan, Galstyan, Aslanian, Uzunyan, Costa Da Silva, Sargsyan, Nasibyan, Voskanyan, Bagdasarian, Karapetyan, Nargaryan, Mkrtchyan. Ct. Nazaretyan

MARCATORI: 10’10’’ p.t. Costa Da Silva (A), 10’31’’ s.t. Tenderini (I), 15’21’’ Galstyan (A)

AMMONITI: Baron (I)

ARBITRI: Carmelo Loddo (Reggio Calabria), Rocco Morabito (Vercelli), Carlo Adilardi (Collegno) CRONO: Stefano Pasquino (Nichelino)

]]>
Le convocate per il torneo di calcio dell’Universiade https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-femminile-le-convocate-per-il-torneo-di-calcio-delluniversiade/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 19:45:27 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-femminile-le-convocate-per-il-torneo-di-calcio-delluniversiade/ In vista del raduno di preparazione alla 30ª edizione dell’Universiade, previsto presso il Centro di… In vista del raduno di preparazione alla 30ª edizione dell’Universiade, previsto presso il Centro di Preparazione Olimpica di Formia dal 23 al 29 giugno, il responsabile tecnico della Nazionale Universitaria Femminile, Jacopo Leandri, ha convocato 20 calciatrici. Il gruppo delle azzurre si ritroverà domenica 23 giugno a Roma per poi trasferirsi in serata nella località pontina. Le Azzurre completeranno la seconda parte della preparazione a Fisciano (SA) ed esordiranno il 2 luglio (ore 18.00) contro il Giappone allo stadio “Arechi” di Salerno. Giovedì 4 quindi sarà la volta degli Stati Uniti, incontro in programma al “Ciro Vigorito” di Benevento”. Le successive avversarie dell’Italia saranno determinate in base alla classifica del Girone A. Di seguito la lista delle convocate e il programma completo.  

Portieri: Baldi (Florentia CF), Capelletti (FC Inter)
Difensori: Bursi (Sassuolo), Fusini (Fiorentina), Labate (AS Roma), Mella (Tavagnacco), Pisani, Spinelli (Stade de Reims)
Centrocampisti: Bonfantini (AS Roma), Brustia (FC Inter), Caruso (Juventus), Errico (Tavagnacco), Glionna (Juventus), Marinelli (Inter), Mascarello (Tavagnacco)
Attaccanti: Cambiaghi (Sassuolo), Cantore (Juventus), Ferrato (Sassuolo), Goldoni, Pandini (FC Inter)

Staff

Allenatore: Jacopo Leandri; Assistente all. Viviana Schiavi; Preparatore dei portieri: Mattia Volpi; Preparatore atletico: Franco Olivieri; Medico: Sebastiano Porcino; Fisioterapista: Camillo Piastra; Segretario: Sabrina Filacchione

Programma raduno

Domenica 23/6

17.00Raduno a Roma, a seguire trasferimento al CPO di Formia

 
Lunedì 24/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
                     
Martedì 25/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Mercoledì 27/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Giovedì 27/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  

 

Venerdì 28/6

10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Sabato 29/6
10.00Allenamento
13:45Trasferimento “Villaggio Universitario” - Campus Universitario dell’Università degli Studi di Salerno
             Via Giovanni Paolo II°, 132 – Fisciano (SA)
17.15      Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano
 
Domenica 30/6
16:00         Trasferimento in pullman a Montesarchio (BN)
17.30         Allenamento presso Impianto Sportivo di Montesarchio
 
Lunedì 1/7

11.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Martedì 2/7

18.00Gara ITALIA GIAPPONE - Stadio Comunale  Arechidi Salerno

 

Mercoledì 3/7      

11.30Allenamento presso impianto Sportivo di Fisciano

16.00Trasferimento in Pullman a Napoli
19.30CERIMONIA DI APERTURA  - Stadio Comunale “San Paolo” di Napoli
                       
Giovedì 4/7

21.00Gara USA – ITALIA - (Stadio Comunale  Ciro Vigorito” di Benevento

 

Venerdì 5/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Sabato 6/7
18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Domenica 7/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Lunedì 8/7

Da conf.GARA 3: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base alla classifica del Girone A.

                       
Martedì 9/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Mercoledì 10/7

Da conf.GARA 4: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base al risultato di Gara 3

 

Giovedì 11/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo da definire

 
Venerdì 12/7

Da conf. GARA 5: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base al risultato di Gara 4

 
Sabato 13/7

Programma da definire

                   

Domenica 14/7      
16.00Trasferimento in pullman a Napoli - CERIMONIA DI CHIUSURA, Piazza del Plebiscito

 

Lunedì 15/7

Fine raduno, scioglimento della delegazione e rientro alle rispettive sedi

]]>
Verso le Universiadi. Venti Azzurri in raduno a Roma dal 20 al 25 giugno https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-verso-le-universiadi-venti-azzurri-in-raduno-a-roma-dal-20-al-25-giugno/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 17:40:07 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-verso-le-universiadi-venti-azzurri-in-raduno-a-roma-dal-20-al-25-giugno/ Parte il conto alla rovescia per quello che si preannuncia come uno dei tornei più interessanti e maggiormente seguiti per la qualità, la tradizione... Parte il conto alla rovescia per quello che si preannuncia come uno dei tornei più interessanti e maggiormente seguiti per la qualità, la tradizione e lo spessore tecnico delle nazionali partecipanti: le Universiadi di Napoli, in programma dal 2 al 14 luglio. L’Italia del calcio si sta preparando all’appuntamento. Il tecnico Daniele Arrigoni ha convocato venti calciatori che svolgeranno la preparazione a Roma da giovedì 20 a martedì 25 giugno. Il gruppo si radunerà di nuovo venerdì 28 e il giorno seguente si trasferirà presso il Villaggio Universitario dell’Unità degli Studi di Salerno per l’ultima fase di lavoro in attesa dell’esordio in programma martedì 2 luglio allo stadio Comunale “Arechi” di Salerno (ore 21) contro il Messico.

Successivamente la Nazionale Universitaria affronterà venerdì 5 l’Ucraina. La terza gara si svolgerà il 9 luglio contro una squadra del girone C, la quarta l’11 e la quinta il 13.

Sono dodici le nazionali che si contenderanno la medaglia d'oro: ai nastri di partenza il gotha del calcio mondiale, diviso in quattro gironi da tre squadre. Italia, Brasile, Francia, Argentina e Uruguay (in totale 16 titoli Mondiali), non fanno mistero delle loro ambizioni. La Nazionale Universitaria azzurra andrà a caccia del suo terzo titolo, dopo quelli conquistati nell’edizione casalinga del 1997 a Palermo e nel 2015 in Corea del Sud.

Sono sette gli stadi che ospiteranno le competizioni ufficiali, ai quali si aggiungeranno i campi d'allenamento, sette le città coinvolte con una netta prevalenza della provincia di Salerno presente con l'“Arechi”, il “San Francesco” di Nocera Inferiore, il “Simonetta Lamberti” di Cava de Tirreni, il “Marcello Torre” di Pagani. A completare il quadro il “Vigorito” di Benevento, il “Pinto” di Caserta e il “San Mauro” di Casoria.

Elenco dei convocati

Portieri: Gianluca Marcantognini (Fermana), Tommaso Cucchietti (Alessandria);
Difensori: Filippo Florio (Pordenone), Davide Vitturini (AJ Fano), Riccardo Gatti (Monopoli), Federico Giraudo (Ternana), Alberto Tentardini (Monza), Cesare Pogliano (Reggina);
Centrocampisti: Giorgio Galli (Monza), Riccardo Serena (Padova), Riccardo Collodel (Vibonese), Loris Zonta (LR Vicenza), Roberto Grieco (Fermana), Mario Mercadante (Monopoli), Giovanni Sbrissa (Siena);
Attaccanti: Giuseppe Ungaro (Reggina), Alessandro Galeandro (Albinoleffe), Danilo Ruzzittu (Arzachena), Filippo Strada (Adrense), Matteo Cericola (Rieti).

Staff – Allenatore: Daniele Arrigoni; Vice allenatore: Luigi Corino; Segretario: Fabio Ferappi; Preparatore atletico: Massimo Magrini; Preparatore dei portieri: Stefano Dadina; Medico: Emanuele Fabrizi; Fisioterapista: Giuseppe Pillori; Osservatore: Oriano Renzi.

 

]]>
Di Biagio: “Contro la Polonia è un ottavo di finale, non possiamo sbagliare” https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-di-biagio-contro-la-polonia-un-ottavo-di-finale-non-possiamo-sbagliare/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 17:10:53 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-di-biagio-contro-la-polonia-un-ottavo-di-finale-non-possiamo-sbagliare/ Bologna è pronta di nuovo ad abbracciare e sostenere l’Under 21. Tre giorni dopo la gara d’esordio contro la Spagna, al “Dall’Ara” arriva la Polonia e la... Bologna è pronta di nuovo ad abbracciare e sostenere l’Under 21. Tre giorni dopo la gara d’esordio contro la Spagna, al “Dall’Ara” arriva la Polonia e la posta in palio è sostanziosa. Domani sera (ore 21- diretta RaiUno) si giocano novanta minuti che valgono la qualificazione alla semifinale del Campionato Europeo.

La vittoria contro gli spagnoli ha dato morale e certezze al gruppo azzurro, unito e determinato più di prima. “Contro la Polonia – spiega il tecnico Gigi Di Biagio nella conferenza stampa della vigilia - sarà un ottavo di finale. Per prima cosa non possiamo e non dobbiamo sbagliare, poi aspetteremo il risultato dell’altra partita. Vedo lo sguardo dei miei ragazzi in questi giorni, il loro modo di ascoltarmi, di recuperare e di allenarsi e sono sereno”.

Non si parla di formazione. La partita di domenica ha lasciato il segno in qualche giocatore e il tecnico, prima della scelta finale, vuole valutare bene le condizioni dei singoli: “Ci sono sei o sette giocatori – sottolinea - le cui condizioni fisiche sono da valutare. Mancano trenta ore, c’è ancora un po’ di tempo per decidere, ma lo voglio fare con attenzione. Cambi? Forse due o tre, vedremo”.

Se Bologna è pronta a sostenere l’Italia anche domani sera, gli Azzurrini sono altrettanto pronti all’abbraccio di uno stadio che ha suscitato in tutti una grande emozione, ma che al tempo stesso ha dato la carica giusta per portare a termine l’obiettivo di partenza. Di Biagio, che con la maglia azzurra, ha vissuto tanti di questi momenti, ricorda la sua esperienza di calciatore a Italia ’90. “Mi sembra proprio di rivivere quelle indimenticabili serate – dice – quando eravamo accompagnati da un tifo coinvolgente. Questi ragazzi non erano ancora nati, ma io sento la stessa voglia di appartenenza, come avverto il desiderio della gente di gioire e di festeggiare insieme a noi. Il clima che abbiamo vissuto domenica sera a Bologna, è stato incredibile, mi ha lasciato esterrefatto. Ora dobbiamo essere bravi a cavalcare l’onda”.

Risale a marzo 2017 l’ultima volta che Italia e Polonia si sono trovate di fronte in occasione di una gara amichevole giocata a Cracovia e terminata con la vittoria degli Azzurrini 2-1. Una delle due reti era stata firmata da Lorenzo Pellegrini.

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21

mercoledì 19 giugno 2019
ore 21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

giovedì 20 giugno 2019
16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

venerdì 21 giugno 2019
10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”
a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo
19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

sabato 22 giugno 2019
h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna
domenica 23 giugno 2019
in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;
Eventuale Olimpic Play-Off

28 giugno h. 21.00 a Cesena
Finale Campionato Europeo

30 giugno 20.45 Stadio Friuli di Udine

]]>
Stasera Italia-Brasile, una sfida dal sapore Mondiale: per la prima volta le Azzurre su Rai 1 https://www.figc.it/it/nazionali/news/stasera-italia-brasile-una-sfida-dal-sapore-mondiale-per-la-prima-volta-le-azzurre-su-rai-1/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 16:14:53 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/stasera-italia-brasile-una-sfida-dal-sapore-mondiale-per-la-prima-volta-le-azzurre-su-rai-1/ Martedì 18 giugno 2019 diventerà probabilmente una data storica per il Calcio italiano... Martedì 18 giugno 2019 diventerà probabilmente una data storica per il Calcio italiano. Alle 21 allo ‘Stade du Hainaut’ di Valenciennes, tutto esaurito per l’occasione e dove sono attesi anche il presidente federale Gabriele Gravina e il direttore generale Marco Brunelli, l’Italia affronterà il Brasile nella terza e ultima gara del Gruppo C del Mondiale e per la prima volta una partita della Nazionale Femminile sarà trasmessa in prima serata su Rai 1.

Dopo i 3 milioni e mezzo di telespettatori (23.1% di share) fatti registrare in occasione dell’esordio con l’Australia e i 2 milioni 870 mila (23% di share) del match con la Giamaica, la squadra di Milena Bertolini sbarca sulla rete ammiraglia Rai e punta ad ottenere il record assoluto di ascolti in Italia per una gara di calcio femminile. La direttrice di Rai 1, Teresa De Santis, spiega così i motivi che l’hanno portata a ‘promuovere’ la Nazionale Femminile sul primo canale Rai: "Sono orgogliosa che le Azzurre esordiscano su Rai1 e in prime time con me. È una scelta per la quale ho molto insistito, sono state brave e attorno a loro si è creata un'onda crescente di consenso e interesse".

La sfida con le Verdeoro, che sarà trasmessa anche su Sky Mondiali e Sky Sport 1, sarà decisiva per le sorti del girone: un successo e un pareggio garantirebbero all’Italia il primo posto, con la possibilità di affrontare il 25 giugno a Montpellier una tra Nigeria, Cina e Cile. Anche perdendo di misura la squadra di Milena Bertolini potrebbe restare al comando del Gruppo C qualora nell’altro incontro del girone l’Australia non battesse in goleada la Giamaica. Perdendo stasera con due reti di scarto finirebbe invece sicuramente alla spalle del Brasile (e da seconda affronterebbe la Norvegia il 22 giugno a Nizza) o terza in caso di un netto successo delle australiane. Finire al terzo posto porterebbe quasi sicuramente ad un incrocio proibitivo agli Ottavi con le padrone di casa della Francia, un match che si disputerebbe il 23 giugno a Le Havre. Ma come dice Milena Bertolini "non facciamo calcoli, l’Italia scenderà in campo per vincere". Finora le è riuscito molto bene.

 

 

]]>
Quanto fascino Italia-Brasile, in palio il primato del girone. Bertolini: "Bellissimo viverla da Ct" https://www.figc.it/it/nazionali/news/quanto-fascino-italia-brasile-in-palio-il-primato-del-girone-bertolini-bellissimo-viverla-da-ct/ figc.it Mon, 17 Jun 2019 18:38:15 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/quanto-fascino-italia-brasile-in-palio-il-primato-del-girone-bertolini-bellissimo-viverla-da-ct/ In pochi avrebbero scommesso che l’Italia si sarebbe presentata... In pochi avrebbero scommesso che l’Italia si sarebbe presentata alla vigilia del match con il Brasile avendo il pass per gli Ottavi già in tasca. Ma la doppietta di Barbara Bonansea con l’Australia e i cinque gol rifilati alla Giamaica hanno stravolto il copione di un girone che ora vede le Azzurre in pole position, una posizione da difendere con le unghie domani sera a Valenciennes (ore 21 - diretta su Rai 1 e Sky Mondiali, canale 202) in uno ‘Stade du Hainaut’ gremito e vestito a festa per l’occasione.

Per mantenere il primo posto del girone, che garantirebbe una settimana piena per preparare l’Ottavo di finale da giocare il 25 giugno a Montpellier contro una delle terze dei gruppi A, B o F, basterebbe un pareggio. Anche perdendo di misura l’Italia potrebbe restare al comando del Gruppo C qualora nell’altro incontro del girone l’Australia non battesse in goleada la Giamaica. Milena Bertolini non vuole però fare calcoli: "Affronteremo la partita per vincerla - avverte in conferenza stampa - sapendo che chiudere il girone da primi, secondi o terzi fa un’enorme differenza. Arrivando al terzo posto dovremmo scontrarci con delle super potenze".

Come al solito la Ct non dà indicazioni sulla formazione: "Più tardi abbiamo l’allenamento di rifinitura, domani valuterò chi giocherà sapendo che abbiamo tante calciatrici che possono essere titolari. Italia-Brasile ha grande fascino perché racchiude la storia del Calcio, è bellissimo poterla vivere da Ct. E’ una partita che unirà tanto, ha un valore simbolico molto importante. La squadra sta bene, le ragazze chiaramente sono un po’ affaticate perché abbiamo giocato due partite impegnative dal punto di vista fisico e mentale. Questa gara ci farà capire a che punto siamo nel nostro percorso di crescita, incontriamo una squadra molto forte con giocatrici di grande esperienza e qualità".

Dalla Nazionale di Mancini all’Under 21, vittoriosa ieri contro la Spagna all’esordio nell’Europeo di casa, passando per la Nazionale Femminile e l’Under 20 semifinalista al Mondiale, l’Italia del Calcio sta tornando a far innamorare milioni di tifosi: "E’ importante che le Nazionali stiano facendo vedere un bel gioco - è il pensiero della Ct - e che trasmettano valori come quello di aiutarsi in campo l’un l’altro o come la gioia di stare insieme, tutti aspetti che fanno emozionare e appassionare gli italiani. E poi c’è un gran senso di appartenenza".

Avanti di cinque posizioni nel ranking FIFA (Brasile 10°, Italia 15a) e favorito anche per le agenzie di scommesse, il Brasile non ha mai perso con le Azzurre e vent’anni fa, nel Mondiale statunitense, rifilò all’Italia un secco 2-0: "Ricordo bene quella partita - dichiara Milena Bertolini - così come uno dei miei ricordi più vividi è il match del Mundial ‘82". Anche per Sara Gama la nazionale verdeoro resta favorita: "Sulla carta è più forte di noi, ha grandissime calciatrici che possono metterci in difficoltà. Possiamo prendere questa partita con meno stress e più serenità, ce la possiamo godere, anche se sappiamo bene che differenza faccia arrivare primi, secondi o terzi nel girone". Con Marta si prospetta un altro bel duello: "Incontriamo sempre grandi attaccanti: dopo Kerr e Shaw, che ha lasciato letteralmente il segno (Sara ha ricevuto un calcio sul volto in occasione del match con la Giamaica, ndr), affrontiamo un’altra giocatrice fortissima. Ma non è una sfida tra me e lei, come abbiamo fatto sinora lavoreremo di reparto per cercare di contenerla".

Intanto continua a crescere l’entusiasmo intorno alle Azzurre: dopo aver fatto registrare 3 milioni e mezzo di ascolti per il match con l’Australia e quasi 3 milioni per la gara con la Giamaica, domani la partita con il Brasile oltre che su Sky Mondiali (canale 202) andrà in onda su Rai 1, la rete ammiraglia della Rai che per la prima volta nella storia trasmetterà un incontro della Nazionale Femminile. "Andare su Rai 1 alle nove di sera è qualcosa di storico - sottolinea Milena Bertolini - è molto importante per tutto il movimento perché fa avvicinare sempre di più gli italiani a noi. Ha grande rilevanza in termini sociali e culturali". Ieri sera un milione e mezzo di telespettatori (10% di share) hanno seguito in tarda serata su Rai 1 ‘Ragazze Mondiali’, il documentario girato dalla Direzione Creativa della Rai che racconta il dietro le quinte delle Azzurre in occasione delle amichevoli disputate prima della partenza per la Francia. E domani, c’è da scommetterci, saranno molti di più.

Il programma della Nazionale

Lunedì 17 giugno
Ore 17 - Conferenza Stampa presso lo Stadio du Hainaut (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (aperto i primi 15’)

Martedì 18 giugno
Ore 21 - Gara Italia-Brasile (Stadio du Hainaut)
A seguire conferenza stampa

N.B. Il programma può essere soggetto a variazioni

 

]]>
Under 19 verso la Fase Finale dell’Europeo: Nunziata guiderà gli Azzurrini in Armenia https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-19-verso-la-fase-finale-dell-europeo-nunziata-guiderà-gli-azzurrini-in-armenia/ figc.it Mon, 17 Jun 2019 18:20:35 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-19-verso-la-fase-finale-dell-europeo-nunziata-guiderà-gli-azzurrini-in-armenia/ Sarà Carmine Nunziata a guidare la Nazionale Under 19 alla Fase Finale dell’Europeo di categoria in… Sarà Carmine Nunziata a guidare la Nazionale Under 19 alla Fase Finale dell’Europeo di categoria in programma dal 14 al 27 luglio in Armenia: la FIGC, su proposta del coordinatore delle Nazionali giovanili maschili Maurizio Viscidi, ha deciso di affidare la guida tecnica della squadra, dopo la risoluzione consensuale del contratto con Federico Guidi avvenuta a fine maggio, all’allenatore campano che per due anni di fila ha condotto l’Under 17 al 2° posto nell’Europeo di categoria.

Gli Azzurrini Under 19, vice campioni d’Europa in carica, sono inseriti nel girone A con i campioni in carica del Portogallo, i padroni di casa dell’Armenia e la Spagna. Nell’altro gruppo, figurano invece Rep. Ceca, Irlanda, Norvegia e Francia. Tutte le gare si disputeranno a Yerevan. Al termine della prima fase (14, 17 e 20 luglio le date delle gare dell’Italia), le prime due di ciascun girone si qualificheranno alle semifinali.
Nella scorsa edizione, disputata in Inghilterra, l’Italia si fermò solo in finale, battuta dal Portogallo ai supplementari in una finale appassionante (4-3).

EUROPEO UNDER 19 - IL PROGRAMMA

PRIMA FASE

Domenica 14 Luglio – GIRONE A

Ore 16.45: Armenia – Spagna (Republican Stadium)
Ore 19.00: Italia – Portogallo (Banants Stadium)

Lunedì 15 Luglio – GIRONE B
Ore 16.45: Norvegia - Irlanda (FFA Academy Stadium)
Ore 19.00: Rep. Ceca - Francia (Republican Stadium)

Mercoledì 17 Luglio – GIRONE A
Ore 16.45: Portogallo – Spagna (Banants Stadium)
Ore 19.00: Armenia - Italia (Republican Stadium)

Giovedì 18 Luglio – GIRONE B
Ore 16.45: Rep. Ceca - Norvegia (FFA Academy Stadium)
Ore 19.00: Irlanda - Francia (Banants Stadium)

Sabato 20 Luglio – GIRONE A
Ore 19.00: Portogallo – Armenia (Republican Stadium)
Ore 19.00: Spagna - Italia (FFA Academy Stadium)

Domenica 21 Luglio – GIRONE B
Ore 16.45: Francia - Norvegia (Banants Stadium)
Ore 19.00: Irlanda – Rep. Ceca (FFA Academy Stadium)

SEMIFINALI
Mercoledì 24 Luglio
Ore 16.00: Semifinale 1 (Banants Stadium)
Ore 19.00: Semifinale 2 (Republican Stadium)
La prima del gruppo A affronterà la seconda del gruppo B, la prima del gruppo B affronterà la seconda del gruppo A. L’abbinamento ocn le sedi di gara sarà definito al termine della prima fase

FINALE
Sabato 27 Luglio
Ore 18.30: Republican Stadium

NB: Gli orari indicati sono riportati all’orario CET. Il fuso orario locale è due ore avanti.

 

]]>
Pellegrini festeggia gol e vittoria con un post: “Questi siamo noi!” https://www.figc.it/it/nazionali/news/pellegrini-festeggia-gol-e-vittoria-con-un-post-questi-siamo-noi/ figc.it Mon, 17 Jun 2019 18:09:04 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/pellegrini-festeggia-gol-e-vittoria-con-un-post-questi-siamo-noi/ “Questi siamo noi!”. Il giorno dopo, Lorenzo Pellegrini celebra con un post su Instagram la splendid… “Questi siamo noi!”. Il giorno dopo, Lorenzo Pellegrini celebra con un post su Instagram la splendida rimonta dell’Under 21 contro la Spagna nella notte di Bologna. Una notte colorata di azzurro, novanta minuti per alimentare un sogno, ma soprattutto per prendersi una bella rivincita a due anni di distanza da quella sconfitta in semifinale contro gli spagnoli.

Quella sera in campo c’era anche lui, Lorenzo Pellegrini, come il suo compagno di bottino, Federico Chiesa. Ieri sera sono stati loro a guidare l’Under verso la vittoria: Chiesa prendendola letteralmente per mano e trascinandola con forza al successo con una doppietta, un piccolo capolavoro a cui ha risposto Pellegrini prima procurandosi, e poi realizzando, il rigore del definitivo 3-1.

L’Europeo porta fortuna a Lorenzo. La sua prima volta con la maglia dell’Under 21 risale a marzo 2016, sotto la gestione Di Biagio che lo chiama per le partite di qualificazione all'europeo del 2017 contro Irlanda e Andorra, nelle quali tuttavia non viene impiegato. L’esordio tre mesi dopo, a giugno, nell’amichevole con la Francia, mentre a settembre arriva il primo gol nella gara di qualificazione con Andorra vinta 3-0. Nel 2017 partecipa all’Europeo in Polonia e bagna l’esordio con una rete nella gara vinta 2-0 contro la Danimarca. Proprio come ieri sera. “Non ho mai avuto dubbi – racconta il giocatore – che fosse rigore, ero sicuro che l'arbitro l'avesse fischiato. Sì, il fallo inizia fuori, ma io faccio qualche
altro metro per provare a segnare immaginando che il cross di Orsolini arrivasse in area”.

In Nazionale per le due gare di qualificazione con Grecia e Bosnia Erzegovina, poi il ritorno a casa Under: “Era una cosa che volevo, era scontato per me venire qui e giocare con la squadra. Ho sempre detto al mister che sarei venuto di corsa e contentissimo. Ho trovato un gruppo davvero fantastico, ci stiamo divertendo. Chiesa è un bravissimo ragazzo, il giocatore non devo presentarlo io perché il campo parla chiaro. Ieri ha avuto un atteggiamento da vero leader, da combattente. Gli ho fatto i complimenti e oggi abbiamo riso e scherzato insieme”.

La vittoria contro la Spagna fa crescere l’autostima, ma non fa certo diminuire la determinazione: “Ho avuto modo di seguire i miei compagni anche quando non c'ero. Ieri abbiamo fatto una bella cosa, battendo una squadra forte, ma dobbiamo dare un seguito a questa vittoria”.

Mercoledì la Polonia, non c’è tempo per distrarsi: “E’ la partita più importante – spiega Pellegrini - perché una vittoria ci permetterebbe di andare in semifinale. Grazie al successo di ieri abbiamo qualche consapevolezza in più, perché abbiamo avuto pochi giorni per lavorare tutti insieme e in partite così non sai cosa può succedere. Abbiamo fatto un bel passo, ma se non vinciamo le altre diventerebbe un passo inutile. Il pubblico di Bologna è stato fantastico, non me lo aspettavo. Ci hanno dato la carica, sostenendoci dall’inizio alla fine. E sono convinto che lo faranno anche mercoledì, ne abbiamo bisogno”.

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21

lunedì 17 giugno 2019
16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

martedì 18 giugno 2019
15.30 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
17.30 rifinitura MD-1 Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa, con possibile anticipo della seduta alle h.10.45)

mercoledì 19 giugno 2019
ore 21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

giovedì 20 giugno 2019
16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

venerdì 21 giugno 2019
10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”
a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo
19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

sabato 22 giugno 2019
h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna
domenica 23 giugno 2019
in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;
Eventuale Olimpic Play-Off

28 giugno h. 21.00 a Cesena
Finale Campionato Europeo

30 giugno 20.45 Stadio Friuli di Udine

 

]]>
Boom di ascolti in TV per gli Azzurrini nella gara d’esordio contro la Spagna https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-boom-di-ascolti-in-tv-per-gli-azzurrini-nella-gara-d-esordio-contro-la-spagna/ figc.it Mon, 17 Jun 2019 11:51:42 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-boom-di-ascolti-in-tv-per-gli-azzurrini-nella-gara-d-esordio-contro-la-spagna/ Doppia vittoria per l’Under 21. Gli Azzurrini di Gigi Di Biagio hanno fatto il pieno di ascolti in Tv nella gara di esordio al Campionato Europeo vinta... Doppia vittoria per l’Under 21. Gli Azzurrini di Gigi Di Biagio hanno fatto il pieno di ascolti in Tv nella gara di esordio al Campionato Europeo vinta ieri sera contro la Spagna. Sono stati 5,6 milioni i telespettatori che hanno assistito all’incontro di esordio su RAI 1, per uno share netto del 29,40% superiore al match della Nazionale A Grecia-Italia, e con punte del 30,75% con quasi 6 milioni (5.937.000 per l’esattezza) nella seconda frazione di gioco. Interessante anche il dato pre-partita con l’esibizione del rapper Rocco Hunt, interprete dell’inno ufficiale di UEFA EURO U-21, che ha raggiunto i 3.817.000 spettatori con il 21,60% di share.

Questi dati confermano la straordinaria popolarità riscontrata dalle Nazionali azzurre maschili e femminili in tutte le competizioni – oltre alle European Qualifiers e alla Under 21, l’Euro U17, la Coppa del Mondo U20 e la Coppa del Mondo Femminile - a testimonianza di un ritrovato attaccamento e di una sempre più forte identificazione da parte dei tifosi italiani con i colori azzurri.

L’impegno profuso dalla RAI che ha assicurato agli eventi una copertura di primissimo livello, in particolare proprio nell’EURO U-21 in qualità di host broadcaster, si configura come elemento rilevante nel quadro della strategia di comunicazione verso i tifosi e gli stakeholders della FIGC. Un vero e proprio endorsement particolarmente apprezzato dal pubblico come testimonia il successo del documentario prodotto e realizzato da Direzione Creativa RAI “Ragazze mondiali”, andato in onda ieri su RAI 1 al termine della diretta da Bologna (23.15), che ha riscontrato un audience di 1.500.000 telespettatori per uno share pari al del 10%.

 

 

  

 

 

]]>
Euro 2019, esordio da sogno per gli Azzurrini. Spagna ko 3-1 https://www.figc.it/it/nazionali/news/u21-euro-2019-esordio-da-sogno-per-gli-azzurrini-spagna-ko-3-1/ figc.it Sun, 16 Jun 2019 22:56:56 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/u21-euro-2019-esordio-da-sogno-per-gli-azzurrini-spagna-ko-3-1/ Esordio da sogno per la Nazionale Under 21 nella fase finale del Campionato Europeo 2019, di scena quest’anno in Italia ... Esordio da sogno per la Nazionale Under 21 nella fase finale del Campionato Europeo 2019, di scena quest’anno in Italia e San Marino dal 16 al 30 giugno. A Bologna, gli Azzurrini di Di Biagio battono in rimonta i vice-campioni d’Europa della Spagna ed iniziano nel migliore dei modi il cammino che tutti sognano possa terminare il più tardi possibile.

Un Campionato Europeo, giunto alla sua ventunesima edizione, che prevede la partecipazione di 12 Nazionali e determinerà l’accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020.

È davvero lunga la lista degli incroci, anche recenti, tra queste due Nazionali. Sono undici su ventidue le vittorie della Rojita contro gli Azzurrini che vogliono riscattare le ultime due eliminazioni subite agli Europei proprio ad opera degli iberici. La Spagna è seconda nell’Albo d’Oro di questa competizione, dietro proprio all’Italia, vincitrice in cinque occasioni tra cui anche in terra spagnola, nella finale di Barcellona del 1996.

Dopo la vittoria a sorpresa nel pomeriggio della Polonia sul Belgio, la squadra di Di Biagio è chiamata quindi subito ad una grande prestazione in un Dall’Ara vestito a festa.

Il ct azzurro schiera davanti a Meret, un 4-3-3 a trazione anteriore con Zaniolo e Chiesa alle spalle di Kean; a centrocampo Barella e Pellegrini a supporto del regista e capitano Mandragora. In difesa linea a quattro composta da Calabresi, Mancini, Bonifazi e Di Marco.

Una squadra, insomma, con tanta qualità in ogni reparto. L’avvio degli Azzurrini è veemente ma i ragazzi di de la Fuente non sembrano intimiditi dal calore del pubblico bolognese. Al primo squillo, infatti, l’affondo di Ceballos si conclude con un bolide terra aria sul quale non può arrivare Meret. Doccia gelata per l’Italia che però ha il merito di non disunirsi, nonostante l’entusiasmo degli iberici, abili a limitare il gioco degli Azzurrini. La formazione di Di Biagio non molla e al 36esimo viene premiata dalla caparbietà di Federico Chiesa che dall’out di sinistra, entra in area di rigore, e sorprende sul primo palo Simon. È il gol, il primo dell’attaccante della Fiorentina in questo Europeo, che scaccia via i fantasmi. Da quel momento in poi, infatti, diventa un monologo azzurro che già nel finale di tempo sfiora il raddoppio con Di Marco.

Il meglio però deve ancora venire. Nonostante l’infortunio di Zaniolo, al suo posto dentro Orsolini, nella ripresa gli Azzurrini prendono il sopravvento, grazie anche ad un Federico Chiesa incontenibile che prima va vicino alla doppietta personale e poi la realizza al 64esimo, ribadendo in rete un pallone vagante in area di rigore, dopo i tentativi di Cutrone e Barella. È la rete che fa esplodere la gioia del Dall’Ara e che piega le gambe agli spagnoli, pericolosi soltanto al 77’ con Ceballos. A nove dalla fine, infatti, Pellegrini viene trattenuto in area da Soler: decisivo l’intervento del VAR che spinge l’arbitro ad indicare il dischetto. Dagli undici metri lo stesso Lorenzo Pellegrini non sbaglia chiudendo sul 3-1 l’incontro. Gli ultimi assalti della Nazionale di de la Fuente non producono effetti e così l’Italia può festeggiare per la prima vittoria in questo Europeo e per una piccola rivincita nei confronti della Spagna. Una vittoria ed una serata fantastica per i colori azzurri, come ha voluto sottolineare a fine partita il presidente della Figc Gabriele Gravina: “Voglio ringraziare tutti i ragazzi, la città di Bologna e i tifosi per averci regalato emozioni stupende – ha dichiarato – E’ una notte magica, da incorniciare! La cosa che più mi ha colpito è stata la determinazione degli Azzurrini, delle loro qualità ne eravamo consci, ma ribaltare il risultato così non era davvero facile”.

Un successo che consente alla squadra di Di Biagio di agganciare la Polonia in vetta al girone A. “Abbiamo iniziato male, soffrendo il loro palleggio – ha commentato a fine partita Di Biagio – Poi abbiamo cambiato modulo e abbiamo avuto una reazione incredibile”. Il tecnico azzurro si è soffermato anche sul calore del pubblico del Dall’Ara: “Una cornice stupenda, un pubblico fantastico – ha detto Di Biagio, esaltando poi la prova maiuscola di Federico Chiesa – Non ho parole per lui, ci ha trascinati”.

Al termine dell’incontro ha parlato lo stesso Chiesa: “Sapevamo che sarebbe stato difficile e lo è stato ma abbiamo dimostrato la nostra forza – ha affermato - Adesso subito la testa alla prossima partita, dobbiamo andare in semifinale”. Ora, infatti, appuntamento a mercoledì per la sfida, sempre a Bologna, contro la Polonia, per quello che potrebbe già uno spareggio per la qualificazione alle semifinali.

I gruppi del Campionato Europeo Under 21 2019

Gruppo A: Belgio, ITALIA, Polonia, Spagna

Gruppo B: Austria, Danimarca, Germania, Serbia

Gruppo C: Croazia, Francia, Inghilterra, Romania

 

Prima giornata (16 giugno) 

Polonia-Belgio 3-2

ITALIA-Spagna 3-1

Classifica: ITALIA, Polonia punti 3, Spagna, Belgio 0

 

Seconda giornata (19 giugno)

Ore 18: Spagna-Belgio

Ore 21: ITALIA-Polonia


Terza giornata (22 giugno)

Ore 21: Spagna-Polonia

Ore 21: Belgio-ITALIA

 

N.B. Si qualificano alle semifinali le prime di ogni girone e la miglior seconda classificata

 

 

Elenco dei convocati 

Portieri: Emil Audero (Sampdoria), Alex Meret (Napoli), Lorenzo Montipò (Benevento);
Difensori: Claud Adjapong (Sassuolo), Alessandro Bastoni (Parma), Kevin Bonifazi (Spal), Arturo Calabresi (Bologna), Federico Dimarco (Parma), Gianluca Mancini (Atalanta), Giuseppe Pezzella (Genoa), Filippo Romagna (Cagliari);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Manuel Locatelli (Sassuolo), Rolando Mandragora (Udinese), Alessandro Murgia (Spal), Lorenzo Pellegrini (Roma), Sandro Tonali (Brescia), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Federico Bonazzoli (Padova), Federico Chiesa (Fiorentina), Patrick Cutrone (Milan), Moise Bioty Kean (Juventus), Riccardo Orsolini (Bologna).


Staff – Allenatore: Luigi Di Biagio. Capo delegazione: Massimo Ambrosini; Dirigente accompagnatore: Vincenzo Marinelli; Coordinatore delle Nazionali Giovanili: Maurizio Viscidi; Segretario: Mauro Vladovich; Assistenti allenatore: Massimo Mutarelli, Carmine Nunziata; Preparatori atletici: Vito Azzone, Marco Montini; Preparatore dei portieri: Antonio Chimenti; Match analyst: Filippo Lorenzon e Antonio Gagliardi; Medici: Angelo De Carli e Luca Gatteschi; Nutrizionista: Cristian Petri; Fisioterapisti: Enzo Paolini, Alfonso Casano, Emiliano Bozzetti. Ufficio squadre nazionali: Manfredi Martino. Ufficio Stampa: Alessandro Salerno.

 

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21


lunedì 17 giugno 2019

  1. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
  2. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

martedì 18 giugno 2019

  1. 15.30 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
  2. 17.30 rifinitura MD-1 Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa, con possibile anticipo della seduta alle h.10.45)

 

mercoledì 19 giugno 2019

21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

 

giovedì 20 giugno 2019

  1. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
    h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

 

venerdì 21 giugno 2019

  1. 10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
    h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
  2. 19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”

a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo

  1. 19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

 

sabato 22 giugno 2019

h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna

domenica 23 giugno 2019

in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

 

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;

Eventuale Olimpic Play-Off

 

28 giugno h. 21.00 a Cesena

Finale Campionato Europeo 30 giugno 2019

  1. 20.45 Stadio Friuli di Udine
]]>
Italia-Brasile, una sfida che inizia in hotel. Giugliano: "Siamo forti, facciamo paura a tutti" https://www.figc.it/it/nazionali/news/italia-brasile-una-sfida-che-inizia-in-hotel-giugliano-siamo-forti-facciamo-paura-a-tutti/ figc.it Sun, 16 Jun 2019 15:48:38 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/italia-brasile-una-sfida-che-inizia-in-hotel-giugliano-siamo-forti-facciamo-paura-a-tutti/ Si incrociano nei corridoi dell’albergo, un rapido saluto e poi ognuna per la sua strada... Si incrociano nei corridoi dell’albergo, un rapido saluto e poi ognuna per la sua strada, in attesa di ritrovarsi in campo martedì sera in uno Stade du Hainaut che sarà tutto esaurito per l’occasione. Le Azzurre e le ragazze brasiliane dividono lo stesso hotel a Lille, dove preparano la sfida che deciderà le sorti del Gruppo C: un match da dentro e fuori per le Verdeoro e di fondamentale importanza anche per l’Italia, già qualificata aritmeticamente agli Ottavi di finale, ma che ancora non sa se sarà promossa da prima della classe, da seconda o tra le quattro migliori terze.

Un piazzamento determinante per capire dove si giocherà (a Montpellier il 25 giugno passando da prima, il 22 a Nizza qualificandosi come seconda, il 22 o il 23 a Grenoble o Le Havre da terza) e soprattutto chi incontreremo agli Ottavi: il primo posto garantisce un’avversaria sulla carta più morbida, una delle terze dei gruppi A, B o F, il secondo metterebbe l’Italia di fronte alla seconda del Gruppo A (probabilmente una tra Norvegia e Nigeria), mentre arrivando terze le Azzurre rischierebbero di scontrarsi con le padrone di casa della Francia, una delle grandi favorite alla vittoria del Mondiale. Per chiudere il girone al primo posto alla squadra di Milena Bertolini basta un pareggio con il Brasile, ma anche una sconfitta di misura qualora l’Australia non battesse la Giamaica con 5 o più gol di scarto. Perdendo con una differenza di due reti, l’Italia finirebbe invece alle spalle delle Verdeoro, terza in caso di una vittoria in goleada (4-0) delle australiane.

Tutte combinazioni possibili, con le Azzurre che scopriranno solo martedì sera il loro destino. Intanto cresce l’attesa per il match con il Brasile, che sarà trasmesso in diretta in prima serata (ore 21) su Sky Mondiali e Rai 1, la rete ammiraglia Rai su cui la Nazionale Femminile sbarca per la prima volta nella storia. Nel pomeriggio la squadra sosterrà una seduta di allenamento a Lille, dove domani è in programma anche la rifinitura. In conferenza stampa è invece stata la volta di Manuela Giugliano, tra le migliori in campo nella sfida con la Giamaica.

La centrocampista del Milan, classe 1997 e un talento cristallino racchiuso in 160 centimetri di altezza, ha servito ben tre assist, compresa la splendida palla filtrante che ha consentito ad Aurora Galli di fissare il risultato sul 5-0. Ma non si è limitata a distribuire palloni, salvando anche in un paio di occasioni la porta della quasi omonima Giuliani con dei recuperi prodigiosi: "Non credevo potessimo passare il turno con una partita di anticipo - le parole di Manuela in conferenza stampa - ma ero consapevole del fatto che siamo una squadra forte e che facciamo paura a tutti. Arrivate sin qui punteremo sempre più in alto. Quella con il Brasile è la partita più importante perché vincere darebbe quel qualcosa in più al nostro movimento e farebbe appassionare tanti italiani".

C’è chi la chiama ‘Nuvola Rossa’, chi Gian Burrasca ("in effetti ci assomiglio molto"), due soprannomi che riflettono bene l’energia e l’allegria che riesce a trasmettere: "Ripenso alla mia infanzia, a quando correvo con mio fratello e i miei genitori nel campetto di casa. Da lì è partito tutto". Una famiglia del Sud, trapiantata in Veneto per seguire il papà di Manuela, militare di stanza a Treviso: "I miei sono emozionati, sono sempre con me e mi sostengono in ogni cosa che faccio. Andare via da casa da giovane mi ha aiutata a crescere. E’ bello giocare davanti a tanta gente, non siamo abituate, ma riusciremo a portare anche in Italia tutti questi spettatori. Le nostre armi in più sono la tecnica, la tattica e il fatto che abbiamo la mentalità giusta, non abbiamo paura di affrontare squadre con una fisicità maggiore".

Ha sempre ammirato Del Piero e Pirlo, il brasiliano che le piace di più è Neymar e ha già chiesto alla sua amica Thaisa, compagna di squadra nel Milan, la maglia della leggendaria Marta: "Ho visto Thaisa qui in hotel, le ho detto di stare attenta che siamo forti. Loro sicuramente non vorranno perdere, non dovremo abbassare la concentrazione. Per me è un’emozione unica giocare contro una giocatrice dello spessore di Marta, ho sempre visto i suoi video e le sue partite: è fenomenale". La prima esperienza all’estero è durata poco, a Madrid non si è trovata a suo agio: "E’ stata una scelta affrettata. Ho avuto un po’ paura a confrontarmi con una realtà molto più grande di me e ho deciso di tornare a casa. Oggi sarei pronta, ma qui il movimento sta crescendo, ad oggi posso far tanto per il calcio italiano e aiutare tante bambine a giocare a questo sport bellissimo. La mia prima scelta è l’Italia, anche se si guadagna di meno".

Se non avesse giocato a calcio avrebbe fatto la maestra d’asilo, intanto insegna a tante giovani calciatrici come trattare il pallone: "Mi trovo bene sia da mediano basso che da centrocampista centrale. Devo migliorare nella fase difensiva, oggi è importante saper fare bene le due fasi. Stiamo facendo innamorare anche i francesi? Vogliamo far divertire la gente, l’Italia ha tanta tecnica e la tecnica fa divertire le persone".

Il programma della Nazionale

Domenica 16 giugno
Ore 12.30 - Pranzo
A seguire conferenza stampa con una calciatrice in Hotel
Ore 18 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (chiuso)

Lunedì 17 giugno
Ore 17 - Conferenza Stampa presso lo Stade du Hainaut (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (aperto i primi 15’)

Martedì 18 giugno
Ore 21 - Gara Italia-Brasile (Stade du Hainaut)
A seguire conferenza stampa

N.B. Il programma può essere soggetto a variazioni

 

]]>
Europeo al via, è il momento degli Azzurrini. Di Biagio: “Noi puntiamo al massimo” https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-21-europeo-al-via-il-momento-degli-azzurrini-di-biagio-noi-puntiamo-al-massimo/ figc.it Sat, 15 Jun 2019 19:23:59 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-21-europeo-al-via-il-momento-degli-azzurrini-di-biagio-noi-puntiamo-al-massimo/ Ci siamo. E’ arrivato il momento dell’Under 21, il giorno dell’esordio nel Campionato Europeo ospitato per la prima volta dall’Italia... Ci siamo. E’ arrivato il momento dell’Under 21, il giorno dell’esordio nel Campionato Europeo ospitato per la prima volta dall’Italia. Si parte domani sera con la Spagna (stadio “Dall’Ara” di Bologna ore 21 – diretta RaiUno), rivale in campo e nel numero dei titoli conquistati. Quella Spagna che, precedenti alla mano, ha vinto undici dei ventidue incontri finora disputati. Ma anche quella Spagna seconda nell’Albo d’Oro dell’Europeo Under 21 con quattro titoli conquistati contro i cinque degli Azzurrini che comandano la classifica. E quella Spagna contro la quale nel maggio 1996, nella finale giocata a Barcellona, l’Italia allenata da Cesare Maldini - battendola ai rigori - vinse il suo terzo titolo. Era l’Under dei Panucci, dei Nesta, dei Cannavaro, dei Tommasi, dei Totti; ed era la Spagna di Raul, di Mendieta, di Morientes, di De la Pena. Un grande spettacolo, quella notte.

Sono passati ventitrè anni, gli Azzurrini hanno vinto altri due titoli nel 2000 e nel 2004 e stavolta hanno il vantaggio che in genere si prendono i padroni di casa. Il tecnico Luigi Di Biagio, che siede sulla panchina dell’Under 21 dal luglio 2013, è al suo terzo europeo: nel 2015, in Repubblica Ceca, l’Italia dei giovani fu eliminata nella fase a gironi, ma nel 2017 è arrivata fino alla semifinale, dove fu sconfitta proprio dalla Spagna, l’avversaria di sempre. Ricordi su ricordi. “Sarà il torneo più bello degli ultimi trenta anni – sostiene il tecnico azzurro nella conferenza stampa della vigilia - perché partecipano tutte le migliori nazionali e lo possono vincere almeno 5-6 squadre. Penso a Germania, Francia, Inghilterra e Spagna, oltre a noi. Tutti mi chiedono di vincere, tutti mi dicono che abbiamo una squadra fortissima: io l'ho sempre pensato anche quando magari non eravamo così forti, figuratevi ora. L’ambizione è di ottenere il risultato massimo. Abbiamo lavorato bene, i ragazzi sono in forma, non resta che scendere in campo e provarci con tutte le nostre forze. Fino ad oggi abbiamo fatto un buon percorso, ora ci manca la ciliegina sulla torta”.

Le cinque città che ospitano la competizione – Trieste, Udine, Bologna, Reggio Emilia, Cesena – e San Marino sono pronte. E pronti sono anche gli Azzurrini. “So di avere un'ottima nazionale – dichiara il tecnico - una squadra forte, ma conosco anche la formula di questo Europeo e quali potrebbero essere i rischi. Giochiamo in casa e vedo solo vantaggi: dico che dobbiamo sfruttare questa forza esterna, questo grande entusiasmo. Sono ottimista di natura, tutti ci chiedono di vincere e noi ci proveremo”.

Poche ore e si comincia. Programmi e aspettative lasceranno il posto all’emozione: “Non vediamo l’ora di iniziare. Domani ci aspetta una partita difficile, ma lo sarà anche per loro. Penso che sarà una bellissima partita, tanto spettacolo, cercheremo soprattutto di onorare il calcio. Sarà un’emozione incredibile giocare a Bologna in uno stadio tutto esaurito, sentire l’inno cantato da 30 mila spettatori. Le insidie arrivano dalla formula complicata che non ti permette di sbagliare neanche una gara: in pratica Italia-Spagna è quasi già da dentro o fuori”.

 

 

Inserita nel Gruppo A, dopo l’esordio con la Spagna, l’Italia affronterà la Polonia (mercoledì 19 giugno – ore 21.00 a Bologna) e infine il Belgio (sabato 22 giugno – ore 21.00 a Reggio Emilia). Tutte le gare degli Azzurrini saranno trasmesse in diretta su Rai1. Il torneo - giunto alla sua ventunesima edizione - prevede la partecipazione di 12 Nazionali e determinerà l’accesso ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020.

 

Elenco dei convocati 
Portieri: Emil Audero (Sampdoria), Alex Meret (Napoli), Lorenzo Montipò (Benevento);
Difensori: Claud Adjapong (Sassuolo), Alessandro Bastoni (Parma), Kevin Bonifazi (Spal), Arturo Calabresi (Bologna), Federico Dimarco (Parma), Gianluca Mancini (Atalanta), Giuseppe Pezzella (Genoa), Filippo Romagna (Cagliari);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Manuel Locatelli (Sassuolo), Rolando Mandragora (Udinese), Alessandro Murgia (Spal), Lorenzo Pellegrini (Roma), Sandro Tonali (Brescia), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Federico Bonazzoli (Padova), Federico Chiesa (Fiorentina), Patrick Cutrone (Milan), Moise Bioty Kean (Juventus), Riccardo Orsolini (Bologna).


Staff – Allenatore: Luigi Di Biagio. Capo delegazione: Massimo Ambrosini; Dirigente accompagnatore: Vincenzo Marinelli; Coordinatore delle Nazionali Giovanili: Maurizio Viscidi; Segretario: Mauro Vladovich; Assistenti allenatore: Massimo Mutarelli, Carmine Nunziata; Preparatori atletici: Vito Azzone, Marco Montini; Preparatore dei portieri: Antonio Chimenti; Match analyst: Filippo Lorenzon e Antonio Gagliardi; Medici: Angelo De Carli e Luca Gatteschi; Nutrizionista: Cristian Petri; Fisioterapisti: Enzo Paolini, Alfonso Casano, Emiliano Bozzetti. Ufficio squadre nazionali: Manfredi Martino. Ufficio Stampa: Alessandro Salerno.

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21


sabato 15 giugno 2019
h. 16.45 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
h. 17.30 rifinitura MD-1 presso “Dall’Ara” di Bologna (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

domenica 16 giugno 2019
h..21.00 ITALIA – SPAGNA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

lunedì 17 giugno 2019
h. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

martedì 18 giugno 2019
h. 15.30 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
h. 17.30 rifinitura MD-1 Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa, con possibile anticipo della seduta alle h.10.45)

mercoledì 19 giugno 2019
21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

giovedì 20 giugno 2019
h. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

venerdì 21 giugno 2019
h. 10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
h. 19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”
a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo
h. 19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

sabato 22 giugno 2019
h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna

domenica 23 giugno 2019
in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;

Eventuale Olimpic Play-Off
28 giugno h. 21.00 a Cesena

Finale Campionato Europeo 30 giugno 2019
h. 20.45 Stadio Friuli di Udine

 

]]>
Quasi 3 milioni di telespettatori per la goleada con la Giamaica, la sfida con il Brasile su Rai 1 https://www.figc.it/it/nazionali/news/quasi-3-milioni-di-telespettatori-per-la-goleada-con-la-giamaica-la-sfida-con-il-brasile-su-rai-1/ figc.it Sat, 15 Jun 2019 11:30:17 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/quasi-3-milioni-di-telespettatori-per-la-goleada-con-la-giamaica-la-sfida-con-il-brasile-su-rai-1/ Dopo aver ottenuto la qualificazione aritmetica agli Ottavi di finale del Mondiale grazie al successo sulla Giamaica... Dopo aver ottenuto la qualificazione aritmetica agli Ottavi di finale del Mondiale grazie al successo sulla Giamaica, le Azzurre continuano a far registrare ottimi ascolti. Il match con le ‘Reggae Girlz’, trasmesso ieri pomeriggio in diretta su Rai Due e Sky Mondiali (canale 202), è stato seguito da 2 milioni 870 mila spettatori, con il 23% di share.

Un dato destinato a crescere probabilmente già martedì 18 giugno, quando l’Italia affronterà il Brasile a Valenciennes in una sfida decisiva per il primo posto del girone. La gara con le Verdeoro andrà in onda in prima serata (ore 21) su Sky Mondiali e Rai 1, la rete ammiraglia della Rai che per la prima volta nella storia trasmetterà una partita della Nazionale Femminile. E domenica sera su Rai 1 alle 23.15, dopo la gara d’esordio della Nazionale Under 21 nell’Europeo, andrà in onda ‘Ragazze Mondiali!, un documentario realizzato dalla Direzione Creativa Rai per raccontare le storie e le emozioni delle nuove ‘Sorelle d’Italia’.

In mattinata la squadra ha svolto l’ultimo allenamento allo stadio ‘Jean Boucton’ di Reims e nel primo pomeriggio partirà alla volta di Lille, dove preparerà l’ultima sfida del girone con il Brasile. Ieri la Nazionale ha ricevuto una calorosa accoglienza al ritorno in hotel, dove un centinaio di tifosi hanno salutato il successo sulla Giamaica con applausi e cori all’indirizzo delle ragazze. Poi tutte a cena con il direttore generale Marco Brunelli e il presidente federale Gabriele Gravina, che ha letto alla squadra una lettera scritta dalle detenute del carcere di Rebibbia consegnatagli dal presidente della Camera dei deputati Roberto Fico. Nella lettera viene espressa tutta l’ammirazione per la Nazionale ("siete ragazze fortissime, facciamo un tifo sfegatato"), invitata dopo il Mondiale nell’istituto penitenziario romano.

"L’apprezzamento e il consenso trasversali che le ‘Ragazze Mondiali’ si sono sapute meritare - ha dichiarato Gravina dopo aver brindato con la squadra e tutto lo staff alla qualificazione agli Ottavi di finale - andrebbe adesso accompagnato da un progetto che individui l’equilibrio tra un nuovo status lavorativo che tutto il movimento femminile giustamente rivendica e le note criticità economiche che stanno già condizionando negativamente il sistema professionistico di base. In tempi non sospetti, abbiamo suggerito una proposta che consentirebbe alle società di calcio femminile, così come per il primo livello del professionismo maschile, di attutire l’impatto dei costi del professionismo, beneficiando di un credito d’imposta da reinvestire nel settore giovanile e nelle infrastrutture. Solo così, infatti, si creerebbero le giuste condizioni per riconoscere alle calciatrici tutti i vantaggi del professionismo senza arrestare lo sviluppo di questa splendida disciplina, liberando risorse importanti per stabilizzare la crescita che è sotto gli occhi di tutti. Il calcio femminile ha conquistato il cuore degli italiani e si è meritato questo provvedimento, per le ragazze che lo praticano ad alti livelli e per l’intero movimento che è in forte espansione".

Il programma della Nazionale

Sabato 15 giugno
Ore 11 - Allenamento (aperto i primi 15’)
Ore 12.30 - Pranzo
Ore 14 - Partenza in bus per Lille
Ore 16.45 - Arrivo a Lille

Domenica 16 giugno
Ore 12.30 - Pranzo
A seguire conferenza stampa con una calciatrice in Hotel
Ore 18 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (chiuso)

Lunedì 17 giugno
Ore 17 - Conferenza Stampa presso lo Stadio du Hainaut (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (aperto i primi 15’)

Martedì 18 giugno
Ore 21 - Gara Italia-Brasile (Stadio du Hainaut)
A seguire conferenza stampa

N.B. Il programma può essere soggetto a variazioni

]]>
Campionato del Mondo, Azzurrini fuori dal podio iridato, decisivo il gol di Mina nei supplementari https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-20-campionato-del-mondo-azzurrini-fuori-dal-podio-iridato-decisivo-il-gol-di-mina-nei-supplementari/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 22:52:47 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/under-20-campionato-del-mondo-azzurrini-fuori-dal-podio-iridato-decisivo-il-gol-di-mina-nei-supplementari/ Si arresta ai piedi del podio iridato la cavalcata mondiale degli Azzurrini di Nicolato che escono sconfitti dalla finale 3°/4° posto... Si arresta ai piedi del podio iridato la cavalcata mondiale degli Azzurrini di Nicolato che escono sconfitti dalla finale 3°/4° posto dopo una battaglia di 120’ contro l’Ecuador, non riuscendo così a replicare lo storico bronzo conquistato in Sud Corea due anni fa. Decide una rete di Mina sul finire del primo tempo supplementare, marcata pochi minuti dopo la più clamorosa delle occasioni avuta dall’Italia nel match, rappresentata dal calcio di rigore fallito da Olivieri in apertura di extra time.

Gli Azzurrini arrivavano all’ultimo appuntamento della kermesse iridata con numerose defezioni nell’undici titolare: alle assenze certe della vigilia rappresentate da Bellanova, Frattesi e dall’intero duo d’attacco Scamacca-Pinamonti, con quest’ultimo tornato a casa dopo l’infortunio riscontrato nel raduno dell’Under 21, si è infatti aggiunta quella dell’ultimo minuto rappresentata da Pellegrini, preservato dallo scendere in campo dall’inizio e tenuto come possibile jolly in caso d’emergenza. Per queste ragioni, Nicolato è stato costretto a varare un inedito 3-5-1-1 che vedeva tra i pali Carnesecchi, linea difensiva con Gabbia, Bettella e Colpani, Del Prato nella veste di mediano davanti alla difesa, Candela e Tripaldelli sugli esterni con Esposito ed Alberico mezze ali, in attacco, Capone a supporto di Gori.

Nonostante un assetto tattico quindi pressoché sperimentale, l’inizio dell’Italia è convincente e coraggioso, contraddistinto dalla voglia di alzare il pressing pur subendo talvolta la tecnica in velocità avversaria che, infatti, partorisce la prima occasione del match col velenoso sinistro di Plata che trova pronto Carnesecchi al 12’. È però proprio l’ardore azzurro a propiziare una chance al 20’ con la palla recuperata sulla trequarti ecuadoregna imbucata su Alberico che tenta una conclusione dal limite, pericolosa ma fuori misura. La severa direzione di gara dello spagnolo Gil Manzano dà luogo ad una prima frazione caratterizzata dal gioco molto spezzettato che si trascina fino all’intervallo con un leggero predominio territoriale dei sudamericani ma con gli Azzurrini assolutamente in grado di tenere botta, rispondendo colpo su colpo con buone trame offensive.

La ripresa vede l’Ecuador spingere maggiormente sull’acceleratore anche se le maglie della difesa azzurra riescono a serrarsi con efficacia, costringendo Plata, Cifuentes, Rezabala e Palacios a provare la soluzione balistica dalla distanza. Proprio una di queste, calciata dal centravanti Campana al 55’, fa però correre un brivido lungo la schiena agli Azzurrini che trovano nella reattività di Carnesecchi e nella collaborazione del palo le loro ancore di salvezza. Nicolato corre ai ripari buttando nella mischia Olivieri e Colpani al posto di Gori ed Esposito nell’intento di ridare verve alla formazione azzurra ma i campioni del Sub-20 sudamericano perseverano nel tentare la sorte dalla distanza, stavolta con un pericoloso spiovente del solito Campana che, però, non impensierisce il nostro estremo difensore quando le lancette segnano il minuto 71 sul quadrante. L’infortunio di Tripaldelli costringe anche Pellegrini ad entrare in campo all’82’ nonostante le non perfette condizioni fisiche che ne avevano sconsigliato l’impiego dall’inizio e si assiste, nel mentre, ad una chiusura in crescendo del secondo tempo da parte dell’Italia che approccia così l’extra time stante il perdurare dell’equilibro all’esito dei 90’ regolamentari.

Le buone sensazioni maturate in chiusura di secondo tempo si concretizzano con la più grande delle chance possibili per gli Azzurrini che vede Olivieri protagonista. L’attaccante di proprietà della Juventus riesce a girarsi in area subendo l’atterramento da parte di Quintero al 5’ del primo tempo supplementare: è calcio di rigore. Si incarica della trasformazione lo stesso Olivieri ma Ramirez battezza l’angolo e riesce così a respingere il suo tiro dagli undici metri. Come vuole una regola non scritta del calcio, ad un gol sfiorato corrisponde spesso una rete incassata. Negli ultimissimi istanti del primo tempo supplementare, un pallone buttato in mezzo, deviato dalla stessa retroguardia italiana, viene intercettato in estirada da Mina che trafigge da pochi metri Carnesecchi portando in vantaggio i sudamericani.

L’Italia non ci sta e con le ultime, residue energie di un mese dispendiosissimo, prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, profondendo in campo ogni sforzo possibile fino ad occupare stabilmente la metà campo avversaria. Lo stoicismo degli Azzurrini genera un’occasione per Ranieri al 116’: “up and under” rugbistico che precipita nell’area ecuadoregna, il nostro difensore controlla e gira in porta ma il tiro sibila alla destra del palo difeso da Ramirez. Negli ultimi minuti si va avanti di pura voglia e abnegazione ma agli Azzurrini non riesce la zampata che avrebbe condotto ai calci di rigore.

 

ITALIA-ECUADOR 0-1

Marcatori: 103’ Mina

ITALIA (3-5-1-1): Carnesecchi – Gabbia, Bettella, Ranieri - Candela, Esposito (Colpani 61’), Del Prato, Alberico, Tripaldelli (Pellegrini 82’) - Capone, Gori (Olivieri 61’)

All. Nicolato. A disp.: Plizzari, Buongiorno, Frattesi, Scamacca, Bellanova, Loria

ECUADOR (4-2-3-1): Ramirez – Espinoza (Mina 60’), Porozo, Vallecilla, Palacios – Cifuentes, Alcivar (Loor 112’) – Plata, Rezabala (Quintero 83’), Alvarado Castillo 118’) - Campana

All. Celico. A disp.: Estupinan, Bellolio, Arce, Segura, Lara, Plaza

Arbitro: Gil Manzano (SPA). Assistenti: Nevado Rodriguez (SPA) e Barbero Sevilla (SPA). Quarto uomo: Gholbal (ALG); Var: Hernandez Hernandez (SPA), Al Marri (QAT)

Ammoniti: Candela, Vallecilla, Capone, Quintero, Plata, Olivieri, Gabbia

Espulsi: nessuno

L’elenco dei convocati per il Mondiale

Portieri: Alessandro Plizzari (Milan), Marco Carnesecchi (Atalanta), Leonardo Loria (Juventus);

Difensori: Luca Pellegrini (Cagliari), Alessandro Buongiorno (Carpi), Alessandro Tripaldelli (Crotone), Luca Ranieri (Foggia), Matteo Gabbia (Lucchese), Raoul Bellanova (Milan), Davide Bettella (Pescara), Antonio Candela (Genoa), Enrico Delprato (Atalanta);

Centrocampisti: Salvatore Esposito (Ravenna), Davide Frattesi (Ascoli), Domenico Roberto Alberico (Hoffenheim), Andrea Colpani (Atalanta);

Attaccanti: Gabriele Gori (Livorno), Marco Olivieri (Juventus), Gianluca Scamacca (Sassuolo), Andrea Pinamonti (Frosinone), Christian Capone (Pescara).

Staff – Capo delegazione: Massimo Paganin; Coordinatore squadre nazionali: Maurizio Viscidi; Allenatore: Paolo Nicolato; Vice allenatore: Mirco Gasparetto; Segretario: Fabio Ferappi; Preparatore atletico: Vincenzo Pincolini; Preparatore dei portieri: Matteo Mareggini; Match Analyst: Francesco Bordin; Medici: Matteo Vitali e Luca Labianca; Fisioterapisti: Nicola Sanna e Andrea Mangino; Nutrizionista: Alessio Colli.

]]>
E’ un’Italia da sballo! Cinquina alla Giamaica, le Azzurre volano agli Ottavi del Mondiale https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-femminile-e-un-italia-da-sballo-cinquina-alla-giamaica-le-azzurre-volano-agli-ottavi-del-mondiale/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 20:45:32 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-femminile-e-un-italia-da-sballo-cinquina-alla-giamaica-le-azzurre-volano-agli-ottavi-del-mondiale/ A Reims, dove venivano celebrate le incoronazioni dei re francesi, l’Italia regola la Giamaica con un perentorio 5-0, stacca il pass per... A Reims, dove venivano celebrate le incoronazioni dei re francesi, l’Italia regola la Giamaica con un perentorio 5-0, stacca il pass per gli Ottavi di finale e si candida a diventare reginetta di bellezza di un Mondiale in cui il rosa e l’azzurro si fondono dando vita ad una miscela esplosiva. A regalare la qualificazione alla squadra di Milena Bertolini sono la tripletta di Cristiana Girelli e i due gol messi a segno nella ripresa da Aurora Galli, ma mai come stavolta è giusto sottolineare che è soprattutto il successo di un gruppo di ragazze straordinarie, che danno tutto in campo per poi scatenarsi ballando quella ‘Macarena’ diventata ormai la colonna sonora del loro Mondiale.

Gli elogi piovuti dopo il successo con l’Australia non hanno distratto le Azzurre, che hanno raggiunto il primo obiettivo e che martedì a Valenciennes (ore 21 - diretta su Rai 1 e Sky Mondiali) possono chiudere il girone al primo posto. Basterà un pareggio con il Brasile per volare il 25 giugno a Montpellier in prima classe e affrontare una delle quattro migliori terze classificate.

“Questa partita era fondamentale per passare agli Ottavi – le parole a caldo della Ct Milena Bertolini – e raggiungere quello che per noi è un grande traguardo. Abbiamo sentito la gara a livello emotivo, nel primo tempo eravamo un po' bloccate però siamo state brave. Ci sono tanti aspetti su cui lavorare, ma nei momenti di difficoltà la difesa ha tenuto benissimo. In queste partite è fondamentale vincere, ma anche non prendere gol. Devo fare un plauso a Sara Gama, che è stato un muro invalicabile. Sono molte felice, ho tante emozioni, perché arrivare agli Ottavi è già una grande cosa. Grazie a tutti gli italiani che ci hanno seguito".

Ventotto anni dopo i tre gol messi a segno da Carolina Morace contro Taipei, un’altra azzurra è tornata a realizzare una tripletta: “E’ una grande vittoria – ha dichiarato Cristiana Girelli, premiata come miglior giocatrice del match - abbiamo giocato come se fossimo a zero punti. Questa squadra ha carattere, non era facile mantenere la concentrazione dopo l'entusiasmo della prima partita. Quando si gioca bene è perché la squadra ti permette di farlo, chiunque entra si sente importante e questa è la nostra forza. Siamo contente, ma manca una partita, tosta, contro le brasiliane che sono veramente forti. Ora ricarichiamo le pile e poi ci godiamo questa esperienza. Devo ringraziare i tifosi perché sono venuti in tanti, non ce lo aspettavamo: ci hanno dato una spinta in più. Adesso non vogliamo fermarci qui".

In tribuna hanno esultato con le Azzurre anche il presidente federale Gabriele Gravina e il direttore generale Marco Brunelli: “Sono ragazze splendide – ha sottolineato il numero uno della FIGC dopo essersi complimentato con la squadra – il sogno è diventato realtà perché le prestazioni confermano il valore di questo gruppo. Sono felice per loro e per tutti quelli che si stanno emozionando tifando per le nostre ‘Ragazze Mondiali’. Dobbiamo continuare ad alimentare questo entusiasmo, è giunto il tempo di porci nuovi obiettivi”.

LA PARTITA. Rispetto all’esordio con l’Australia sono due le novità di formazione: Bartoli,  entrata a inizio secondo tempo nel match con le ‘Matildas’, è laterale sinistro di difesa, con Guagni schierata a destra e Bergamaschi che avanza a centrocampo. In avanti tocca invece a Daniela Sabatino, che prende il posto di Ilaria Mauro. Come annunciato da Milena Bertolini sono tutte regolarmente in campo le tre Azzurre in diffida (Gama, Cernoia e Girelli), ma anche il britannico Hue Menzies conferma quanto detto alla vigilia e fa quattro cambi rispetto alla prima uscita con il Brasile: nel 4-4-2 delle caraibiche partono dall’inizio Solaun, Campbell, Adamolekun e Grey, con quest’ultima che va ad affiancare in attacco quella Khadija Shaw che rappresenta il pericolo numero uno per Gama e compagne.

L’Italia inizia con il piglio giusto, aggressiva in avanti e con la ferma volontà di impostare da dietro, a costo di ricorrere frequentemente al retropassaggio a Giuliani. Al 9’ la VAR, grande protagonista in questo Mondiale, entra prepotentemente in scena: Allyson Swaby, difensore della Roma, ferma in area Bonansea, la neozelandese Keighley fa segno di proseguire, ma viene richiamata al monitor per rivedere il contatto e assegna il rigore. Sul dischetto va Girelli, che calcia a mezza altezza alla sinistra di Schneider, che respinge. La disperazione dell’attaccante della Juventus dura però solo pochi secondi perché l’olandese Makkelie, al VAR anche in occasione dell’ultima finale di Champions League tra Liverpool e Tottenham, richiama ancora una volta l’arbitro: Schneider è infatti avanzata di un paio di metri prima del tiro, il rigore è da ripetere e alla seconda occasione Girelli cambia angolo e non sbaglia.

Superiori sia tecnicamente che tatticamente, le Azzurre non si tirano indietro quando c’è da contrastare la fisicità delle caraibiche. Al 25’ arriva il raddoppio ed è ancora una volta Girelli a deviare con la coscia in rete un angolo battuto da Giugliano. L’Italia può chiudere la partita tre minuti più tardi, ma la traversa respinge la conclusione a botta sicura di Daniela Sabatino al termine di una mischia su azione d’angolo. C’è una sola squadra in campo e a mettere in cassaforte il risultato a inizio ripresa è sempre Cristiana Girelli, che sfrutta l’uscita a vuoto di Schneider su uno spiovente di Giugliano e di testa realizza il suo 32° gol in Nazionale. Ventotto anni dopo Carolina Morace una calciatrice della nazionale torna a segnare una tripletta in un Mondiale. Entrano Boattin per Guagni e Galli per Bergamaschi, poi Giugliano salva su Shaw a pochi metri dalla porta e Blackwood con un tiro cross sbilenco centra la traversa. Il 4-0 porta la firma di Aurora Galli, che al 71’ scaglia da fuori area un destro violento che piega le mani a Schneider e si infila sotto l’incrocio dei pali. Milena Bertolini risparmia gli ultimi minuti alla diffidata Girelli, che si gode la standing ovation dei 12mila spettatori presenti allo stade ‘Auguste Delaune’ e l’abbraccio carico d’affetto della sua Ct. All’81’ sale in cattedra Manuela Giugliano, che serve un assist al bacio a Galli per il gol del definitivo 5-0, un bottino importante visto che è la differenza reti il primo criterio in caso di arrivo a pari merito. E così martedì a Valenciennes l’Italia affronterà il Brasile in una sfida che vale il primato del girone, ma comunque vada già sa che non dovrà tornare a casa.

ITALIA-GIAMAICA 5-0 (2-0 pt)

Reti: 12’ rig., 25’  e 46’ Girelli (I), 71’ e 81’ Galli (I)

ITALIA: Giuliani; Guagni (57’ Boattin), Gama (c), Linari, Bartoli; Giugliano, Cernoia, Bergamaschi (65’ Galli); Girelli (72’ Giacinti); Sabatino, Bonansea. A disp: Marchitelli, Cimini Tucceri, Fusetti, Parisi, Rosucci, Serturini, Tarenzi, Mauro, Pipitone. Ct: Milena Bertolini.

GIAMAICA: Schneider; Plummer (c), Blackwood, A. Swaby, C. Swaby (46’Sweatman); Solaun, Asher, Campbell, Adamolekun (73’ Silver); Shaw, Grey (65’ Brown). A disp: McClure, Hudson-Marks, Shim, Brown, Cameron, Bond-Flasza, Carter, Patterson, Matthews, Jamieson. Ct: Hue Menzies

Arbitro: Anna-Marie Keighley (NZL). Assistenti: Sarah Jones (NZL) e Maria Salamina (SAM). Quarto ufficiale: Claudia Umpierrez (URU). VAR: Danny Makkelie (NED). AVAR: Chrysoula Kourompylia (GRE) e Pawel Gil (POL).

Note: spettatori 12.016. Ammonite Schneider (G) e Shaw (G).

Il programma della Nazionale

Sabato 15 giugno
Ore 10 - Allenamento (aperto i primi 15’)
Ore 12.30 - Pranzo
Ore 14 - Partenza in bus per Lille
Ore 16.45 - Arrivo a Lille

Domenica 16 giugno
Ore 12.30 - Pranzo
A seguire conferenza stampa con una calciatrice in Hotel
Ore 18 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (chiuso)

Lunedì 17 giugno
Ore 17 - Conferenza Stampa presso lo Stadio du Hainaut (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (aperto i primi 15’)

Martedì 18 giugno
Ore 21 - Gara Italia-Brasile (Stadio du Hainaut)
A seguire conferenza stampa

N.B. Il programma può essere soggetto a variazioni

 

 

]]>
Verso l’esordio. Mandragora: “Dobbiamo andarci a prendere sul campo quello che vogliamo” https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-verso-l-esordio-mandragora-dobbiamo-andarci-a-prendere-sul-campo-quello-che-vogliamo/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 18:32:49 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-verso-l-esordio-mandragora-dobbiamo-andarci-a-prendere-sul-campo-quello-che-vogliamo/ “Dobbiamo fare leva sulla consapevolezza dei nostri mezzi. Il cammino sarà lungo e tortuoso, quindi allo stesso tempo è... “Dobbiamo fare leva sulla consapevolezza dei nostri mezzi. Il cammino sarà lungo e tortuoso, quindi allo stesso tempo è necessario essere umili e determinati perché arrivare alla finale europea è nelle corde”: a parlare così, in una intervista esclusiva a RaiSport, è il capitano dell’Under 21 Rolando Mandragora, uno dei veterani di questo gruppo. Il suo esordio con questa maglia risale a circa quattro anni fa: era l’agosto 2015, aveva 18 anni e scese in campo a Telki in occasione dell’amichevole in casa dell’Ungheria, terminata 0-0.

Poi per Mandragora, ad aprile 2017, è arrivata la chiamata in Nazionale maggiore e anche quella con l’Under 20 per i Mondiali in Corea del Sud dove lui è capitano e gli Azzurrini si piazzano al terzo posto, storico risultato per la squadra italiana che mai, prima di allora, era riuscita a superare i quarti di finale.

La fascia è nel suo destino. Domenica, con i gradi di capitano, guiderà i compagni contro la Spagna nell’esordio europeo: “Fare il capitano – dice - è per me un grande onore, rappresentare i colori azzurri in una manifestazione come questa mi dà delle sensazioni uniche, mi responsabilizza tantissimo e mi riempie di stimoli. Siamo un gruppo coeso, che ha voglia di fare bene, di essere competitivo, di arrivare fino in fondo e questa deve essere la chiave del nostro europeo. I compagni arrivati dalla Nazionale maggiore sono stati accolti con grande entusiasmo e ci daranno una grossa mano per arrivare all’obiettivo prefissato”.

Le aspettative non mancano: “Penso che contro la Spagna sarà una gara emozionante, abbiamo voglia di iniziare e portare a casa un risultato importante che ci possa permettere di andare avanti. Dobbiamo solo metterci all’opera e andarci a prendere sul campo quello che vogliamo”.

 

Elenco dei convocati 
Portieri: Emil Audero (Sampdoria), Alex Meret (Napoli), Lorenzo Montipò (Benevento);
Difensori: Claud Adjapong (Sassuolo), Alessandro Bastoni (Parma), Kevin Bonifazi (Spal), Arturo Calabresi (Bologna), Federico Dimarco (Parma), Gianluca Mancini (Atalanta), Giuseppe Pezzella (Genoa), Filippo Romagna (Cagliari);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Manuel Locatelli (Sassuolo), Rolando Mandragora (Udinese), Alessandro Murgia (Spal), Lorenzo Pellegrini (Roma), Sandro Tonali (Brescia), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Federico Bonazzoli (Padova), Federico Chiesa (Fiorentina), Patrick Cutrone (Milan), Moise Bioty Kean (Juventus), Riccardo Orsolini (Bologna).


Staff – Allenatore: Luigi Di Biagio. Capo delegazione: Massimo Ambrosini; Dirigente accompagnatore: Vincenzo Marinelli; Coordinatore delle Nazionali Giovanili: Maurizio Viscidi; Segretario: Mauro Vladovich; Assistenti allenatore: Massimo Mutarelli, Carmine Nunziata; Preparatori atletici: Vito Azzone, Marco Montini; Preparatore dei portieri: Antonio Chimenti; Match analyst: Filippo Lorenzon e Antonio Gagliardi; Medici: Angelo De Carli e Luca Gatteschi; Nutrizionista: Cristian Petri; Fisioterapisti: Enzo Paolini, Alfonso Casano, Emiliano Bozzetti. Ufficio squadre nazionali: Manfredi Martino. Ufficio Stampa: Alessandro Salerno.

 

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21


sabato 15 giugno 2019
h. 16.45 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
h. 17.30 rifinitura MD-1 presso “Dall’Ara” di Bologna (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

domenica 16 giugno 2019
h..21.00 ITALIA – SPAGNA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

lunedì 17 giugno 2019
h. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

martedì 18 giugno 2019
h. 15.30 conferenza stampa UEFA presso Stadio “Dall’Ara”
h. 17.30 rifinitura MD-1 Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa, con possibile anticipo della seduta alle h.10.45)

mercoledì 19 giugno 2019
21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

giovedì 20 giugno 2019
h. 16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

venerdì 21 giugno 2019
h. 10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
h. 19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”
a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo
h. 19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

sabato 22 giugno 2019
h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna

domenica 23 giugno 2019
in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;

Eventuale Olimpic Play-Off
28 giugno h. 21.00 a Cesena

Finale Campionato Europeo 30 giugno 2019
h. 20.45 Stadio Friuli di Udine

 

 

 

]]>
Ranking FIFA: continua la scalata dell’Italia che sale al 14° posto https://www.figc.it/it/nazionali/news/ranking-fifa-continua-la-scalata-dell-italia-che-sale-al-14-posto/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 14:29:31 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/ranking-fifa-continua-la-scalata-dell-italia-che-sale-al-14-posto/ Le recenti vittorie con la Grecia e la Bosnia Erzegovina, oltre ad aver garantito all’Italia... Le recenti vittorie con la Grecia e la Bosnia Erzegovina, oltre ad aver garantito all’Italia il primo posto a punteggio pieno nel gruppo J di qualificazione per Euro 202, hanno fatto fare un considerevole salto in avanti alla Nazionale di Mancini nel Ranking Fifa.

Gli Azzurri passano infatti dal 17° al 14° posto scavalcando Cile, Olanda e Svezia e si avvicinano sensibilmente alla Top Ten. Restano invariate le prime tre posizioni, con il Belgio stabilmente al comando, seguito da Francia e Brasile.

Le prime 20 posizioni del Ranking FIFA

1) Belgio 1746 punti (--)
2) Francia 1718 punti (--)
3) Brasile 1681 punti (--)
4) Inghilterra 1652 punti (--)
5) Portogallo 1631 punti (+2)
6) Croazia 1625 punti (-1)
7) Spagna 1617 punti (+2)
8) Uruguay 1615 punti (-2)
9) Svizzera 1605 punti (-1)
10) Danimarca 1589 punti (--)
11) Germania 1582 punti (+2)
11) Argentina 1582 punti (--)
13) Colombia 1580 punti (-1)
14) ITALIA 1569 punti (+3)
14) Olanda 1569 punti (+2)
16) Cile 1561 punti (-1)
17) Svezia 1558 punti (-3)
18) Messico 1557 punti (--)
19) Polonia 1550 punti (+1)
20) Iran 1518 punti (+1)

]]>
Campionato del Mondo. Domani di nuovo l’Ecuador, una sfida per il terzo posto https://www.figc.it/it/nazionali/news/campionato-del-mondo-domani-di-nuovo-l-ecuador-una-sfida-per-il-terzo-posto/ figc.it Thu, 13 Jun 2019 21:55:00 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/campionato-del-mondo-domani-di-nuovo-l-ecuador-una-sfida-per-il-terzo-posto/ La Nazionale Under 20 oggi si è allenata sul campo del Lechia per preparare il match contro l’Ecuador che domani alle 20.30 si disputerà al Gdynya Stadium alle 20.30 (diretta Rai 4 e Sky Sport)... La Nazionale Under 20 oggi pomeriggio si è allenata sul campo del Lechia per preparare il match contro l’Ecuador che domani alle 20.30 si disputerà al Gdynya Stadium alle 20.30 (diretta Rai 4 e Sky Sport). In palio il bronzo mondiale, un risultato che eguaglierebbe quello già raggiunto in Corea del Sud due anni fa, il migliore di sempre, quando la squadra era diretta da Chicco Evani. All’epoca finì ai rigori e l’Italia ebbe la meglio sull’Uruguay anche grazie ai due rigori parati dall’allora giovanissimo Plizzari.

I sudamericani gli Azzurrini li hanno già incontrati a Bydgoszcz, nella seconda partita del torneo iridato vincendo (1-0) ma soffrendo al tempo stesso la loro carica agonistica e valenza tecnica: sempre Plizzari difese i pali parando il rigore di Campana che avrebbe dato il pareggio agli ecuadoregni. Passati agli ottavi tra le migliori quattro terze, gli ecuadoriani hanno battuto l’Uruguay (3-1), gli Usa ai quarti (1-2) e in semifinale hanno impattato la sorpresa Corea del Sud perdendo di misura (1-0).

Il match precedente con l’Ecuador, per stessa ammissione di Paolo Nicolato, avrebbe potuto avere un altro esito e in conferenza stampa oggi pomeriggio ha ribadito il valore assoluto dell’avversario: “Sono molto soddisfatto di come è andato il torneo – ha dichiarato il tecnico Azzurro -  e nella partita di domani affronteremo una squadra molto ostica che ci ha messo in grande difficoltà. Soffriamo molte assenze ma domani metteremo in campo la migliore formazione possibile per chiudere degnamente la competizione”.

Scamacca, Frattesi e Bellanova non potranno essere della partita a causa di infortuni subiti nel corso dell’ultima gara e Pinamonti ha ricevuto la convocazione per l’Under 21 ma Nicolato dimostra tranquillità: “Tutti gli elementi che compongono la rosa sono di alto livello e questa sarà l’occasione per dimostrarlo. Fino ad oggi abbiamo dato sempre il massimo, andando oltre i nostri stessi limiti. E’ straordinario, dato il poco tempo a disposizione, come questo collettivo abbia fatto così presto a conoscersi e ad integrarsi: hanno dovuto imparare a stare insieme in una squadra che è stata rivoluzionata per il 50% dei suoi componenti e giocando è sempre di più aumentato l’affiatamento”. Ma il percorso nella rassegna iridata è stato duro e dispendioso e il tecnico non lo nasconde: “In particolare nell’ultima partita contro l’Ucraina, oltre al massiccio impegno fisico, c’è stato un grosso dispendio emotivo perché è stata una gara che poteva finire in altro modo ed è stata grande la delusione. Ma io, ho grande fiducia nelle capacità di questo gruppo”.

Anche Davide Frattesi era in conferenza stampa e a nome dei suoi compagni, ha ribadito quanto espresso da Nicolato: “ Siamo rimasti molto delusi dall’esito dell’ultimo match contro l’Ucraina, ma come ha detto il mister dobbiamo essere bravi a recuperare le energie fisiche e mentali e terminare questa magnifica esperienza nel modo migliore”.  

Finale Terzo e Quarto Posto
14 giugno: Italia – Ecuador (20.30, Gdynia Stadium) Diretta Rai 4 e Sky Sport

Finale del Campionato del Mondo
15 giugno: Ucraina – Corea del Sud (18.00, Lodz Stadium)

]]>
L’Italia affronta la Giamaica, in palio il pass per gli Ottavi. Bertolini: "E’ la partita più difficile" https://www.figc.it/it/nazionali/news/litalia-affronta-la-giamaica-in-palio-il-pass-per-gli-ottavi-bertolini-e-la-partita-più-difficile/ figc.it Thu, 13 Jun 2019 19:55:49 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/litalia-affronta-la-giamaica-in-palio-il-pass-per-gli-ottavi-bertolini-e-la-partita-più-difficile/ Battere la Giamaica per volare agli Ottavi. E’ questo l’obiettivo dell’Italia, che domani... Battere la Giamaica per volare agli Ottavi. E’ questo l’obiettivo dell’Italia, che domani (ore 18 - diretta su Rai 2 e Sky Mondiali, canale 202) allo stadio ‘Auguste Delaune’ di Reims affronterà le ‘Reggae Girlz’ in un match che nasconde tante insidie. Guai a sottovalutare un’avversaria che occupa solo il 53° posto del ranking FIFA e che al suo debutto assoluto al Mondiale è stata travolta dal Brasile, ma che ha dalla sua entusiasmo, grandi doti atletiche e soprattutto la consapevolezza di giocarsi le ultime chance per poter ancora sperare nella qualificazione. Il successo dell’Australia sul Brasile (3-2) lascia ancora tutto aperto nel girone e dà ulteriore forza al leitmotiv di questi giorni nel ritiro azzurro "Non abbiamo ancora fatto nulla".

"Il nostro obiettivo è passare il turno - le parole in conferenza stampa di Milena Bertolini - vedo le ragazze molto concentrate, sanno che questa partita è la più difficile e che nasconde tante insidie perché la Giamaica è in quarta fascia e non ha lo stesso blasone dell’Australia. Hanno giocatrici di grande velocità e fisicità, qualità che nel calcio femminile fanno la differenza".

La Ct non dà anticipazioni sull’undici che scenderà in campo: "Ho un’idea in mente, ma deciderò solo domani: vedrò come staranno le ragazze, qualcuna è un po’ affaticata, e farò le mie valutazioni". Con la qualificazione ancora tutta da conquistare poco importa che Gama, Cernoia e Girelli siano in diffida: "Domani scenderà in campo la miglior formazione possibile, non faccio calcoli di nessun tipo. Quando abbiamo iniziato il percorso la Giamaica era l’avversaria a cui rubare punti per cercare di passare il turno".

Il Commissario Tecnico giamaicano, il britannico Hue Menzies, ha esaltato l’organizzazione difensiva dell’Italia e speso parole d’elogio per la ‘numero 11’, alias Barbara Bonansea, annunciando anche qualche novità rispetto all’esordio con il Brasile: "Non so se cambieranno modulo o giocatrici - sottolinea Milena Bertolini - noi come sempre dobbiamo pensare prima di tutto a noi, a come impostare la partita, poi in base all’avversario potremo valutare di fare qualche aggiustamento anche nel corso della partita".

Se è vero che a parte il successo delle Azzurre non ci sono state grandi sorprese in questo Mondiale, va detto che non sempre i risultati hanno rispecchiato fedelmente l’andamento delle partite: "Tutte le gare sono state combattute a parte quella degli Stati Uniti. Le squadre favorite hanno vinto, ma andando bene a vedere come sono maturati i risultati, penso ad esempio ai successi di Olanda e Germania su Nuova Zelanda e Spagna, qualcosa cambia, senza dimenticare i vice campioni del mondo del Giappone che hanno pareggiato con l’Argentina".

Seduta in conferenza accanto alla Ct c’è Sara Gama. Anche lei invita alla prudenza: "Non guardiano indietro, ma avanti. La Giamaica non va assolutamente sottovalutata, non c’è pericolo perché siamo consce di dove siamo e sappiamo che dovremo far valere tutta la nostra sapienza tecnico tattica se vogliamo avere la meglio. Quello di domani è un match fondamentale per il passaggio del turno, può essere uno step molto importante".

 

Il programma della Nazionale

Giovedì 13 giugno
Ore 15.30 - Allenamento presso lo Stadio Jean Bucton (aperto i primi 15’)
Ore 18.30 - Conferenza stampa presso lo Stadio Auguste Delaune (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Walk around

Venerdì 14 giugno
Ore 18 - Gara Giamaica-Italia (Stadio Auguste Delaune)
A seguire conferenza stampa

Sabato 15 giugno
Ore 10 - Allenamento (aperto i primi 15’)
Ore 12.30 - Pranzo
Ore 14 - Partenza in bus per Lille
Ore 16.45 - Arrivo a Lille

Domenica 16 giugno
Ore 12.30 - Pranzo
A seguire conferenza stampa con una calciatrice in Hotel
Ore 18 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (chiuso)

Lunedì 17 giugno
Ore 17 - Conferenza Stampa presso lo Stadio du Hainaut (Ct e una calciatrice)
Ore 19 - Allenamento a Le Stadium di Villeneuve d’Ascq (aperto i primi 15’)

Martedì 18 giugno
Ore 21 - Gara Italia-Brasile (Stadio du Hainaut)
A seguire conferenza stampa

N.B. Il programma può essere soggetto a variazioni

]]>