FIGC - Tifosi - news https://www.figc.it Sun, 18 Aug 2019 21:11:24 +0200 FIGC Feed Generator Ultime news FIGC.IT IT Buon compleanno a Gianni Rivera che oggi compie 76 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-gianni-rivera-che-oggi-compie-76-anni-2019/ figc.it Sun, 18 Aug 2019 09:23:31 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-gianni-rivera-che-oggi-compie-76-anni-2019/ Oggi compie gli anni Gianni Rivera, campione d'Europa con la Nazionale nel 1968 e storica bandiera del Milan. Rivera nasce il 18 agosto 1943 ad Alessandria ed è nella sua città natale che inizia a prendere confidenza con quello che diventerà l'amico inseparabile della sua vita professionale: il pallone... Oggi compie gli anni Gianni Rivera, campione d'Europa con la Nazionale nel 1968 e storica bandiera del Milan. Rivera nasce il 18 agosto 1943 ad Alessandria ed è nella sua città natale che inizia a prendere confidenza con quello che diventerà l'amico inseparabile della sua vita professionale: il pallone. Con la maglia dell'Alessandria fa il suo debutto in Serie A non ancora sedicenne, il 2 giugno 1959 nel match terminato 1-1 contro l'Inter. L'anno successivo gioca 25 partite e realizza 6 reti, guadagnandosi il trasferimento al Milan. Il matrimonio tra Rivera e il Milan dura 19 anni, dal 1960 al 1979, per un totale di 658 partite disputate e 164 reti realizzate. In rossonero vince tutto: 3 Scudetti, 2 Coppe dei Campioni, 2 Coppe delle Coppe, una Coppa Intercontinentale, 4 Coppe Italia.

Nel 1969 si aggiudica il Pallone d'Oro precedendo l'altra leggenda azzurra Gigi Riva.

La storia azzurra di Rivera ha inizio il 13 maggio 1962, nell'amichevole Belgio-Italia 1-3. Qualche mese dopo, il 2 dicembre, segna i suoi primi gol in Nazionale, firmando una doppietta nel successo per 6-0 sulla Turchia in una gara di qualificazione agli Europei del 1964. Dopo lo sfortunato Mondiale inglese del '66, prende parte all'Europeo del '68, vinto dall'Italia di Valcareggi: a causa di un infortunio, Rivera non gioca la finale contro la Jugoslavia. Due anni più tardi è protagonista della leggendaria “staffetta” con Sandro Mazzola nel Mondiale messicano. Di quella Coppa del Mondo resta indimenticabile la semifinale vinta 4-3 contro la Germania Ovest, il 17 giugno 1970 a Città del Messico: è Rivera a segnare il gol-partita al minuto 111. La sua esperienza azzurra si conclude il 19 giugno 1974, ancora in un Mondiale, nell'incontro pareggiato 1-1 contro l'Argentina. In totale Rivera vanta 60 presenze e 14 reti in Nazionale.

 

]]>
European Qualifiers: dal lunedì in vendita i biglietti per le gare con Armenia e Finlandia https://www.figc.it/it/tifosi/news/european-qualifiers-dal-lunedì-in-vendita-i-biglietti-per-le-gare-con-armenia-e-finlandia/ figc.it Sat, 17 Aug 2019 10:13:22 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/european-qualifiers-dal-lunedì-in-vendita-i-biglietti-per-le-gare-con-armenia-e-finlandia/ A partire dalle ore 10 di lunedì 19 agosto, fino ad esaurimento, e comunque non oltre le ore 20 di giovedì 29 agosto, sarà possibile acquistare sulla piattaforma www.vivaticket.it i biglietti del settore riservato ai tifosi italiani per le partite di qualificazione al Campionato EURO 2020 Armenia vs Italia... A partire dalle ore 10 di lunedì 19 agosto, fino ad esaurimento, e comunque non oltre le ore 20 di giovedì 29 agosto, sarà possibile acquistare sulla piattaforma www.vivaticket.it i biglietti del settore riservato ai tifosi italiani per le partite di qualificazione al Campionato EURO 2020 Armenia vs Italia, in programma allo Stadio Repubblicano “Vazgen Sargsyan” di Yerevan giovedì 5 settembre con inizio alle 20 locali, e Finlandia vs Italia, che si disputerà al “Tampere Stadium” di Tampere domenica 8 settembre, con inizio alle ore 21.45 locali.

L’acquisto sarà riservato ai cittadini Italiani anche se residenti all’estero secondo le norme vigenti in Italia.

Dopo quasi tre mesi di sosta, gli Azzurri di Roberto Mancini riprendono il cammino nelle qualificazioni a UEFA EURO 2020 forti dei 12 punti in classifica a punteggio pieno che valgono il primato nel Girone J, affrontando in trasferta le due dirette inseguitrici. Gli Armeni di Mkhitaryan con 2 vittorie e altrettante sconfitte occupano attualmente il terzo posto con 6 punti, mentre i finnici, dopo il ko nella gara di esordio a Udine (2-0), hanno inanellato una serie positiva di tre vittorie battendo in sequenza Armenia (0-2), Bosnia-Erzegovina (2-0) e Liechtenstein (0-2) conquistando così un prezioso secondo posto.    

]]>
Buon compleanno a Giorgio Chiellini, Capitano della Nazionale! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-giorgio-chiellini-capitano-della-nazionale-2019/ figc.it Wed, 14 Aug 2019 06:45:22 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-giorgio-chiellini-capitano-della-nazionale-2019/ Il 14 agosto del 1984 nasce a Pisa Giorgio Chiellini, una delle colonne della difesa azzurra nell'ultimo decennio. Cresciuto nel Livorno, debutta ventenne in Serie A con la Fiorentina... Il 14 agosto del 1984 nasce a Pisa Giorgio Chiellini, una delle colonne della difesa azzurra nell'ultimo decennio. Cresciuto nel Livorno, debutta ventenne in Serie A con la Fiorentina.

L'ottima stagione in maglia viola, oltre ad aprirgli le porte della Nazionale, convince la Juventus a puntare su di lui. Nel corso della sua avventura in bianconero da terzino sinistro si trasforma in uno dei centrali più forti d'Europa. Dopo la prima stagione Chiellini decide di ripartire con la Juventus dalla Serie B, arrivando a conquistare in tredici anni 8 Scudetti, 4 Coppa Italia e 4 Supercoppe italiane.

In Nazionale Chiellini inizia la sua trafila dall'Under-15 e veste praticamente la maglia di tutte le selezioni giovanili azzurre, vincendo un Europeo con l'Under-19 ed una medaglia di bronzo ai Giochi di Atene del 2004 con la Nazionale Olimpica. A soli 20 anni debutta in Nazionale maggiore sotto la guida di Marcello Lippi, ma non riesce a conquistare un posto nella spedizione vincente di Germania 2006. Sarà invece tra i grandi protagonisti degli Europei del 2008, dove Roberto Donadoni gli chiede di sopperire all'assenza di Fabio Cannavaro blindando la difesa degli Azzurri, eliminati ai Quarti di finale dalla Spagna soltanto ai calci di rigore. Da allora in poi Chiellini diventa stabilmente il difensore centrale titolare della Nazionale, partecipando alla Confederations Cup del 2009 e ai Mondiali del 2010 in Sudafrica, ancora sotto la guida di Marcello Lippi. Con Cesare Prandelli si laurea vice Campione d'Europa, ma nel corso della manifestazione deve fare i conti con un problema muscolare, che pregiudica il suo rendimento soprattutto nella Finale persa con la Spagna. Dopo gli Europei conquista la medaglia di bronzo nella Confederations Cup del 2013 e prende parte ai Mondiali del 2014 in Brasile. Giorgio è anche uno dei pilastri della Nazionale di Antonio Conte che ben figura al campionato europeo del 2016 in Francia.

Ad oggi conta 103 presenze e 8 gol con la maglia azzurra.

]]>
Buon compleanno a Mario Balotelli, che oggi compie 29 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-mario-balotelli-che-oggi-compie-29-anni-2019/ figc.it Mon, 12 Aug 2019 08:26:01 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-mario-balotelli-che-oggi-compie-29-anni-2019/ Mario Balotelli nasce a Palermo il 12 agosto 1990. Cresce nelle giovanili dell'Inter, con cui esordisce in Serie A, per volere di Roberto Mancini, ad appena 17 anni, il 16 dicembre 2007... Mario Balotelli nasce a Palermo il 12 agosto 1990. Cresce nelle giovanili dell'Inter, con cui esordisce in Serie A, per volere di Roberto Mancini, ad appena 17 anni, il 16 dicembre 2007. Nelle 3 stagioni in maglia nerazzurra conquista ben 6 trofei: 3 scudetti, 1 Supercoppa italiana, 1 Coppa Italia e 1 Champions League. Nell'estate 2010 prova l'esperienza in Inghilterra con il Manchester City, per poi tornare a giocare in Serie A nel gennaio 2013 con il Milan. Il 25 agosto 2014 fa il suo ritorno in Premier League nelle fila del Liverpool, quindi dopo un'ulteriore parentesi sulla sponda rossonera del Naviglio, passa al Nizza, dove realizza 33 gol in 33 partite. Nel gennaio 2019 Mario approda al Marsiglia, con cui colleziona 8 gol in 13 presenze.

Precoce anche il suo esordio in Nazionale maggiore che avviene a 19 anni, il 10 agosto 2010, nell'amichevole contro la Costa d'Avorio disputata a Londra. Un anno dopo arriva anche la gioia del primo gol Azzurro, l'11 novembre 2011, sempre in amichevole contro la Polonia. Partecipa sotto la guida tecnica di Prandelli agli Europei 2012 in Polonia e Ucraina, dove trascina con i suoi gol l'Italia fino alla finalissima persa contro la Spagna. Con 3 reti l'attaccante Azzurro si laurea capocannoniere della rassegna insieme ad altri 5 giocatori, primo italiano a riuscirci nella storia della Nazionale. Importante il suo contributo anche durante le qualificazioni al Mondiale 2014: il 16 ottobre 2012 va a segno a San Siro contro la Danimarca, per poi ripetersi il 26 marzo 2013, rifilando una doppietta a Malta. Protagonista anche durante la Confederations Cup dello stesso anno, dove con 2 gol si conferma capocannoniere dei suoi. Un anno dopo partecipa alla spedizione in Brasile, dove va a segno una volta, all'esordio vincente contro l'Inghilterra.

Ad oggi in Nazionale conta 36 presenze condite da 14 marcature.

]]>
Buon compleanno a Fillippo Inzaghi, Campione del Mondo nel 2006! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fillippo-inzaghi-campione-del-mondo-nel-2006-2019/ figc.it Fri, 09 Aug 2019 08:57:13 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fillippo-inzaghi-campione-del-mondo-nel-2006-2019/ Filippo Inzaghi nasce a Piacenza il 9 agosto 1973. Dopo la crescita nel settore giovanile della stessa società emiliana, inizia a far intravedere le sue straordinarie doti di goleador con Leffe... Filippo Inzaghi nasce a Piacenza il 9 agosto 1973. Dopo la crescita nel settore giovanile della stessa società emiliana, inizia a far intravedere le sue straordinarie doti di goleador con Leffe, Verona e nuovamente Piacenza, prima del tanto atteso esordio in Serie A con il Parma il 27 agosto 1995.

La definitiva consacrazione avviene la stagione successiva con l'Atalanta e il titolo di capocannoniere del campionato con 24 reti. Da lì il grande salto verso la Juventus, con la quale vince uno Scudetto e una Supercoppa italiana. Successivamente si trasferisce al Milan dove milita per ben 11 stagioni, vincendo praticamente tutto: 2 Champions League, 2 Supercoppe europee, un Mondiale per club, 2 scudetti, una Coppa Italia e 2 Supercoppe italiane. In Nazionale, dopo il trionfo all'Europeo Under-21 del 1994, debutta sotto la guida del Ct Cesare Maldini l'8 giugno 1997, nella prestigiosa amichevole Italia-Brasile. Partecipa ai Mondiali di Francia 98 regalando un assist a Roberto Baggio per il secondo gol azzurro contro l'Austria. Ancora qualche mese di attesa e il 18 novembre dello stesso anno arrivano anche i primi gol grazie alla doppietta realizzata in amichevole contro la Spagna.

Agli Europei 2000 mette la sua firma in due occasioni: il rigore decisivo contro la Turchia e il gol nei quarti di finale contro la Romania. Partecipa ai Mondiali 2002 in Giappone e Corea del Sud, e, dopo il titolo di capocannoniere Azzurro con 6 reti alle qualificazioni agli Europei 2004, al Mondiale 2006 in Germania, dove trionfa a quasi 33 anni. Cinquantasette le presenze complessive in Nazionale, condite da 25 gol, numeri che lo collocano al sesto posto nella classifica dei bomber Azzurri di tutti i tempi, alla pari di Adolfo Baloncieri.

]]>
Buon compleanno ad Angelo Di Livio! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-angelo-di-livio/ figc.it Thu, 25 Jul 2019 11:16:52 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-angelo-di-livio/ Angelo Di Livio nasce a Roma il 26 luglio 1966. Cresce nelle giovanili della Roma senza però riuscire ad arrivare in prima squadra. Da lì in poi tanta gavetta... Angelo Di Livio nasce a Roma il 26 luglio 1966. Cresce nelle giovanili della Roma senza però riuscire ad arrivare in prima squadra. Da lì in poi tanta gavetta nelle serie minori, tra Reggiana, Nocerina, Perugia e Padova. All'età di ventisette anni, per volontà di Giovanni Trapattoni, arriva la grande chance della Serie A con la chiamata della Juventus, con la quale nella seconda metà degli anni novanta vince 3 Scudetti, 1 Coppa Italia, 2 Supercoppe italiane, 1 Champions League, 1 Supercoppa UEFA e una Coppa Intercontinentale. Chiude la sua carriera indossando per 6 stagioni la maglia della Fiorentina di cui diventa simbolo e capitano.

Le sue brillanti prestazioni con la Juventus gli valgono la chiamata in Nazionale ad opera di Sacchi, debuttando a 29 anni, il 6 settembre 1995, nella partita Italia-Slovenia. Prende parte all'Europeo 1996 con appunto Sacchi in panchina, al Mondiale 1998 con Cesare Maldini, all'Europeo 2000 con Zoff e a quasi 36 anni al Mondiale 2002 con Trapattoni. Il 18 giugno 2002 gioca la sua 40esima nonché ultima partita in Nazionale negli sfortunati ottavi di finale contro la Corea del Sud.

]]>
Buon compleanno a Daniele De Rossi! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-daniele-de-rossi_2019/ figc.it Wed, 24 Jul 2019 10:23:10 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-daniele-de-rossi_2019/ Il 24 luglio del 1983 nasce a Roma Daniele De Rossi, centrocampista che ha fatto la storia della Roma e della Nazionale... Il 24 luglio del 1983 nasce a Roma Daniele De Rossi, centrocampista che ha fatto la storia della Roma e della Nazionale. Prodotto del vivaio giallorosso, debutta nel calcio professionistico con la sua squadra del cuore all'età di 18 anni, nel corso della gara di Champions League contro l’Anderlecht (1-1), accumulando poi a fine stagione anche 3 presenze in Coppa Italia. Da trequartista nelle giovanili, sotto la guida tecnica di Fabio Capello si impone presto come uno dei mediani più forti nel panorama calcistico internazionale. Dotato di un gran tiro dalla distanza e di un ottimo colpo di testa, De Rossi ottiene la sua definitiva consacrazione con l'arrivo sulla panchina giallorossa di Luciano Spalletti: tra il 2006 ed il 2008, il centrocampista di Ostia conquista con la Roma due Coppe Italia ed una Supercoppa Italiana. Paragonato agli inglesi Gerrard e Lampard, simboli rispettivamente di Liverpool e Chelsea, risulta oggi il terzo calciatore con più presenze in Serie A nella storia della Roma, dopo Francesco Totti e Giacomo Losi. Soprannominato dai tifosi Capitan Futuro, è stato a lungo considerato uno dei migliori centrocampisti al mondo. Dopo 18 stagioni, finisce il sodalizio coi colori giallorossi nel maggio 2019.

Campione d’Europa Under 21 nel 2004 e vincitore della Medaglia di Bronzo alle Olimpiadi dello stesso anno, con la nazionale maggiore fa il suo esordio con gol a 21 anni in Italia-Norvegia (2-1), partita valida per le Qualificazioni al Mondiale 2006. In Germania si laurea Campione del Mondo, segnando uno dei calci di rigore nella finale contro la Francia. Ad Euro 2012 fa parte dell’Italia seconda classificata e viene inserito anche nella Squadra del Torneo UEFA, mentre l’anno successivo arriva il terzo posto alla Confederations Cup in Brasile. È altresì reduce dalla campagna di Euro 2016. Dopo aver partecipato a tutte le competizioni internazionali dal 2006, con 21 gol in 117 partite in maglia azzurra, De Rossi è ad oggi il centrocampista più prolifico nella storia della Nazionale.

]]>
Buon compleanno ad Antonio Cassano e Christian Vieri! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-antonio-cassano-e-christian-vieri_2019/ figc.it Thu, 11 Jul 2019 11:01:26 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-antonio-cassano-e-christian-vieri_2019/ Antonio Cassano (37 anni) nasce a Bari il 12 luglio 1982. Cresce nelle giovanili del Bari con il quale esordisce in Serie A nel 1999 ad appena 17 anni... Antonio Cassano (37 anni) nasce a Bari il 12 luglio 1982. Cresce nelle giovanili del Bari con il quale esordisce in Serie A nel 1999 ad appena 17 anni. In seguito gioca per quattro stagioni e mezzo con la Roma, vincendo la Supercoppa italiana nel 2001. Trasferitosi nel Real Madrid, vince la Liga spagnola 2006-2007. Rientrato in Italia, si rilancia nelle fila della Sampdoria, fino al trasferimento al Milan nel 2011, con cui vince lo Scudetto e la successiva Supercoppa italiana. Veste successivamente le maglie di Inter, Parma e Sampdoria prima di decidere di ritirarsi dal calcio giocato nell’ottobre 2018 dopo una brevissima parentesi estiva nelle fila dell’Hellas Verona. Debutta da giovanissimo anche in Nazionale maggiore, a 21 anni, il 12 novembre 2003 nell’amichevole Polonia-Italia. Dopo averlo fatto esordire, il CT Trapattoni lo convoca per l’Europeo 2004, dove risulta il migliore calciatore della spedizione azzurra, realizzando 2 gol nelle tre partite del primo turno. Grazie alle buone prestazioni con la Sampdoria, l’attaccante barese ritrova la Nazionale dopo più di un anno di assenza, partecipando sotto la guida tecnica di Donadoni agli Europei 2008. Con l’avvento di Prandelli nel 2010, trascina l’Italia alla qualificazione a Euro 2012, laureandosi capocannoniere del gruppo C con 6 gol realizzati. Dopo aver vissuto da protagonista la manifestazione in Polonia e Ucraina, disputa il suo primo e ultimo Mondiale nel 2014 in Brasile, collezionando nella sfortunata partita con l’Uruguay la sua trentanovesima e ultima presenza in Nazionale, con anche all’attivo 10 reti. 

Christian Vieri (46 anni) nasce a Bologna il 12 luglio del 1973. Considerato uno degli attaccanti italiani più forti di sempre, Bobo, così ribattezzato per il nome di suo nonno Bob (celebre calciatore degli Anni Sessanta e Settanta), cresce calcisticamente nel Torino con il quale debutta in Serie A all’età di 18 anni. Dopo varie esperienze nel Pisa, nel Ravenna, nel Venezia e nell’Atalanta, nell’estate del 1996 viene acquistato dalla Juventus. Con i bianconeri, si aggiudica uno Scudetto, una Supercoppa Europea, una Coppa Intercontinentale e disputa la finale di Coppa dei Campioni persa contro il Borussia Dortmund. Al termine della stagione, nella quale realizza 14 gol in 37 partite, si trasferisce in Spagna all’Atletico Madrid dove grazie ai 24 centri in 24 presenze si laurea capocannoniere della Liga, diventando il primo (ed unico) italiano ad aggiudicarsi il Pichichi. Il richiamo dell’Italia è però troppo forte e così l’anno successivo, torna in Serie A indossando la maglia della Lazio, con la quale partecipa al trionfo europeo dei biancocelesti in Coppa delle Coppe. Nell’estate del 1999 Vieri passa poi all’Inter per una cifra record di 90 miliardi di lire: con i nerazzurri, Bobo sfiora la conquista dello scudetto 2001-2002, ma si conferma uno dei migliori bomber italiani in circolazione, come dimostra la vittoria della classifica cannonieri 2002-03. Nelle cinque stagioni con l’Inter, l’attaccante emiliano realizza la bellezza di 123 reti in 190 presenze, impreziosite dalla vittoria della Coppa Italia 2004-05. Terminata la parentesi nerazzurra, il 5 luglio 2005 firma un contratto biennale con il Milan, dove in 14 apparizioni lascia il segno due volte. La storia con i rossoneri dura appena sei mesi, anche perché a gennaio Vieri accetta la chiamata del Monaco, esperienza questa contrassegnata da un brutto infortunio che gli preclude la partecipazione ai Mondiali 2006. Dopo aver onorato le maglie di Atalanta e Fiorentina, nel maggio 2009, all’età di quasi 36 anni, decide di ritirarsi dal calcio giocato. Grande protagonista con l’Under 21 di Cesare Maldini nel trionfo Europeo del 1994, l’attaccante considerato l’erede naturale di Gigi Riva, fa il suo esordio in Nazionale maggiore il 29 marzo del 1997, a soli 23 anni, nel match contro la Moldavia, dove firma la rete numero 1000 della storia azzurra. Convocato per il Torneo di Francia del 1997, prende parte ai Mondiali francesi del 1998 trascinando l’Italia fino agli sfortunati quarti di finale, persi ai calci di rigore contro i padroni di casa transalpini. Assente per infortunio ad Euro 2000, Bobo torna protagonista ai Mondiali Nippo-coreani del 2002, dove realizza quattro marcature raggiungendo così il record italiano di gol nella fase finale della Coppa del Mondo detenuto da Rossi e Baggio (a quota 9 reti). I suoi gol, però, non permettono agli azzurri di andare oltre gli ottavi di finale: anche in questo caso, infatti, sono i padroni di casa della Korea ad eliminarci dalla competizione. Dopo aver partecipato agli Europei del 2004 in Portogallo, il 12 ottobre del 2005 disputa la sua ultima gara in maglia azzurra siglando un gol proprio alla Moldavia, stessa avversaria del giorno del suo debutto. Un gol che per Vieri sarà il 23esimo con la Nazionale, in 49 presenze complessive.

]]>
Buon compleanno a Gianluca Vialli, che oggi compie 55 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-gianluca-vialli-che-oggi-compie-55-anni-2019/ figc.it Tue, 09 Jul 2019 07:58:40 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-gianluca-vialli-che-oggi-compie-55-anni-2019/ Il 9 luglio del 1964 nasce a Cremona Gianluca Vialli, uno dei bomber più vincenti nella storia del nostro calcio nonché membro della Hall of Fame FIGC dal 2015 nella categoria “giocatore italiano”... Il 9 luglio del 1964 nasce a Cremona Gianluca Vialli, uno dei bomber più vincenti nella storia del nostro calcio nonché membro della Hall of Fame FIGC dal 2015 nella categoria “giocatore italiano”.

Cresciuto nella Cremonese, esordisce in Serie A appena ventenne con la maglia della Sampdoria. In coppia con Roberto Mancini guida i blucerchiati alla conquista di tre Coppe Italia, una Coppa delle Coppe, uno Scudetto e ad una storica finale di Coppa dei Campioni persa contro il Barcellona. Con il passaggio alla Juventus aumentano i trofei nella sua bacheca: una Coppa UEFA, uno Scudetto, una Coppa Italia, ma soprattutto una UEFA Champions League da capitano dei bianconeri. A trentadue anni Vialli vola in Inghilterra per chiudere la carriera al Chelsea e con i Blues arriveranno altri successi, alcuni nelle vesti di allenatore-giocatore: una FA Cup, una Coppa di Lega, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa UEFA.

Ai tanti trofei conquistati con le squadre di club non fanno purtroppo da contraltare altrettanti successi in Azzurro. Dopo aver perso ai rigori un Europeo con l'Under 21, esordisce in Nazionale maggiore ventunenne in un'amichevole con la Polonia, strappando poi anche la convocazione per i Mondiali in Messico del 1986. Diventa titolare con Azeglio Vicini, con il quale condivide le delusioni delle sconfitte in Semifinale sia agli Europei del 1988 sia due anni dopo al Mondiale casalingo. Italia '90, in particolare, avrebbe dovuto essere la competizione della sua consacrazione ma, nonostante la conquista del bronzo, l'esplosione di Totò Schillaci lo rilega ad un ruolo più da spalla che da protagonista. Con Arrigo Sacchi, invece, non scatta un buon feeling e Vialli gioca la sua cinquantanovesima ed ultima gara in maglia azzurra il 19 dicembre del 1992 a Malta, dove realizza anche il suo sedicesimo ed ultimo gol azzurro.

]]>
Buon compleanno ad Alberto Gilardino e Gianfranco Zola! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-alberto-gilardino-e-gianfranco-zola/ figc.it Fri, 05 Jul 2019 07:30:00 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-ad-alberto-gilardino-e-gianfranco-zola/ Il 5 luglio del 1982, lo stesso giorno in cui Paolo Rossi rifila una tripletta al Brasile nel Secondo Turno del Mondiale di Spagna, nasce a Biella Alberto Gilardino, non a caso uno dei quindici attaccanti più prolifici nella storia azzurra... Il 5 luglio del 1982, lo stesso giorno in cui Paolo Rossi rifila una tripletta al Brasile nel Secondo Turno del Mondiale di Spagna, nasce a Biella Alberto Gilardino, non a caso uno dei quindici attaccanti più prolifici nella storia azzurra. Appena diciassettenne il giorno dell'esordio in Serie A con la maglia del Piacenza, il “Violinista” esplode quattro stagioni dopo con il Parma, trampolino di lancio per il suo arrivo in una big. È il Milan a puntare su di lui e con i rossoneri conquista una UEFA Champions League, una Supercoppa UEFA ed un Mondiale per club FIFA. Tuttavia è il quadriennio viola 2008/2012 quello dove il suo rendimento si innalza a livelli di eccellenza con una media realizzativa vicina alle 0,5 reti a partita che contribuisce ai successi della Fiorentina di Prandelli, stabilmente ai vertici del calcio italiano e capace di calcare anche i campi della Champions League.

In Nazionale Gilardino scrive la storia dell'Under 21, diventando con diciannove gol realizzati il miglior marcatore di tutti i tempi degli Azzurrini e guidandoli anche alla vittoria dell'Europeo nel 2004. Dopo il bronzo olimpico di Atene, Marcello Lippi lo lancia in Nazionale maggiore a 22 anni contro la Norvegia e nel 2006 diventa Campione del Mondo in Germania, segnando anche nel corso del torneo uno dei suoi diciannove gol azzurri. Partecipa poi ad un altro Mondiale e a due Confederations Cup, prima di disputare la sua cinquantasettesima e ultima gara azzurra a Copenhagen con la Danimarca nell'ottobre del 2013.

Un anno dopo riesce comunque ad aggiungere un altro trofeo alla sua già prestigiosa bacheca, grazie alla vittoria della Chinese Super League con il Guangzhou Evergrande, allenato proprio dall'ex ct azzurro Lippi. Dopo una stagione a Palermo, l'attaccante si accasa a Empoli per poi trasferirsi nella finestra invernale del calciomercato al Pescara. Nell'ottobre 2017, passa allo Spezia, che lo svincola a salvezza conquistata. Nel settembre 2018 annuncia il suo ritiro dal calcio giocato.

Il 5 luglio del 1966 nasce ad Oliena, in provincia di Nuoro, Gianfranco Zola, uno dei talenti più puri prodotti dal calcio italiano. Cresciuto in diverse squadre della Sardegna, arriva in Serie A a 23 anni quando il Napoli lo acquista dalla Torres per affiancarlo a Diego Armando Maradona, dal quale erediterà poi la prestigiosa maglia numero 10 dei partenopei. Al suo primo anno conquista lo Scudetto, vincendo qualche mese dopo anche la Supercoppa Italiana. Dopo quattro stagioni il Napoli, sull'orlo del fallimento, è costretto a venderlo al Parma, con il quale metterà in bacheca una Supercoppa UEFA ed una Coppa UEFA, prima di emigrare in Inghilterra. Al Chelsea diventa uno dei migliori giocatori di tutti i tempi della Premier League, al punto da ricevere anche l'onorificenza di Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico. Il bottino con i Blues è di 2 Coppe d'Inghilterra, 1 Coppa di Lega, 1 Community Shield, 1 Coppa delle Coppe ed 1 Supercoppa UEFA.

Nonostante i tanti successi a livello di club, Zola non ha avuto la stessa fortuna in Nazionale. Lanciato da Arrigo Sacchi, ha la sua grande chance al Mondiale del 1994, ma la sua avventura negli Stati Uniti dura soltanto dodici minuti prima di un'ingiusta espulsione ricevuta nel corso del match degli Ottavi contro la Nigeria. Due anni dopo, agli Europei in Inghilterra, fallisce invece l'occasione di portare l'Italia ai Quarti di finale, sbagliando un rigore con la Germania. Nel 1997, dopo aver deciso con una delle sue dieci reti azzurre uno dei classici confronti tra Inghilterra e Italia a Wembley, Zola gioca la sua trentacinquesima ed ultima partita in Nazionale.

Chiusa la carriera da calciatore al Cagliari, diventa collaboratore tecnico della Nazionale Under 21 allenata da Pierluigi Casiraghi. Un'esperienza importante, che aiuterà Zola ad intraprendere due anni dopo la carriera di allenatore in prima che lo ha visto sulle panchine di West Ham, Watford, Cagliari, Al-Arabi e Birmingham City. Durante la stagione appena archiviata è stato assistente allenatore di Maurizio Sarri al Chelsea, conquistando l’Europa League.

]]>
Buon compleanno a Giampiero Boniperti per i suoi 91 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-giampiero-boniperti-per-i-suoi-91-anni/ figc.it Thu, 04 Jul 2019 09:44:18 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-giampiero-boniperti-per-i-suoi-91-anni/ Giampiero Boniperti è nato a Barengo il 4 luglio del 1928. Capitano della Nazionale e storica bandiera della Juventus da calciatore, ha ricoperto negli anni il ruolo di presidente onorario del club bianconero... Giampiero Boniperti è nato a Barengo il 4 luglio del 1928. Capitano della Nazionale e storica bandiera della Juventus da calciatore, ha ricoperto negli anni il ruolo di presidente onorario del club bianconero.

Soprannominato "Marisa", per i suoi boccoli biondi, ha sempre legato il suo nome a quello della Juventus, nella quale mosse i primi passi da calciatore professionista a partire dal 1946. Celebre per aver composto il Trio Magico, insieme a John Charles e Omar Sivori, ha collezionato con la Vecchia Signora 469 presenze, condite da ben 188 reti, alcune di queste necessarie per la conquista di cinque Scudetti e due Coppe Italia.

Sin da subito nel giro dell'Italia di Vittorio Pozzo, è risultato uno dei cardini della Nazionale orfana del Grande Torino, tanto da guadagnarsi già nel 1952 la fascia da capitano. Presente a due edizioni della Coppa del Mondo, ha disputato in azzurro 38 presenze nelle quali ha realizzate 8 reti complessive, unico calciatore dell'Italia ad aver segnato un gol in tre decenni differenti (dagli anni Quaranta agli anni Sessanta).

Terminata la carriera da calciatore, nel 1971 Boniperti assume la carica da presidente del club torinese, fino al 1990. La sua presidenza è considerata una delle più vincenti della storia bianconera: nove scudetti, due Coppe Italia, una Coppa Intercontinentale, una Coppa dei Campioni, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea ed una Coppa Uefa.

Inserito nel 2004 nella lista dei 125 migliori calciatori della storia, nel 2012 è entrato a far parte della Hall of Fame del calcio italiano, per la categoria Dirigente.

]]>
Il Mondiale delle Azzurre in numeri, statistiche e curiosità https://www.figc.it/it/tifosi/news/il-mondiale-delle-azzurre-in-numeri-statistiche-e-curiosità/ figc.it Tue, 02 Jul 2019 13:10:08 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/il-mondiale-delle-azzurre-in-numeri-statistiche-e-curiosità/ Il Mondiale delle Azzurre si è concluso sullo scoglio olandese, ma sono state moltissime le immagini e le emozioni che hanno segnato per sempre questo percorso, generando un’alchimia perfetta tra squadra, staff e tifosi... Il Mondiale delle Azzurre si è concluso sullo scoglio olandese, ma sono state moltissime le immagini e le emozioni che hanno segnato per sempre questo percorso, generando un’alchimia perfetta tra squadra, staff e tifosi. Una sinergia capace di portare il calcio femminile in prima pagina e creando i presupposti per un'ulteriore fase di crescita del movimento stesso. Archiviata questa stupenda parentesi è, quindi, giunto il momento di fare “due conti”, approfondendo anche i numeri di questo sogno iridato che le Azzurre ci hanno fatto vivere.

Innanzitutto, col raggiungimento dei quarti di finale, l’Italia eguaglia il suo miglior risultato di sempre nella kermesse, sinora datato 1991, anche se manca ancora in un Mondiale il primo successo contro una rappresentativa del Vecchio Continente. Le Azzurre, tuttavia, oltre alla granitica difesa più volte celebrata (2 clean sheet all’attivo), hanno dimostrato di essere chirurgiche in fase offensiva vantando una percentuale realizzativa del 21,9%, inferiore solo a Norvegia (27,3%) e Stati Uniti (22%). Inoltre, la nostra Nazionale ha dimostrato grande resilienza e una condizione atletica capace di farla finire spesso in crescendo, con 6 dei 9 gol messi a referto nelle seconde frazioni di gioco, uno ogni 2.6 tiri nello specchio.

Particolari sono i primati di Aurora Galli: unica giocatrice ad aver segnato due reti da fuori area sinora nell’intero panorama della competizione e fantastica subentrante, dato che le sue tre reti sono arrivate tutte quando Aurora è entrata a partita in corso, per giunta con sole 4 conclusioni scoccate.

Anche Laura Giuliani può vantare un dato molto gratificate, quello del portiere con la percentuale di parate più alta del Mondiale (83%, ex aequo con Schult); insieme a Elena Linari, Sara Gama, Valentina Cernoia e Manuela Giuliano, fa inoltre parte delle 5 giocatrici sempre in campo durante tutto il percorso transalpino.

]]>
Buon compleanno a Paolo Maldini, icona del calcio azzurro e mondiale! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-paolo-maldini-icona-del-calcio-azzurro-e-mondiale-2019/ figc.it Wed, 26 Jun 2019 11:43:57 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-paolo-maldini-icona-del-calcio-azzurro-e-mondiale-2019/ Compie 51 anni il celebre terzino nato a Milano, che ha fatto le fortune del Milan e della Nazionale con cui è sceso in campo 126 volte con 7 gol all'attivo Oggi festeggiamo i 51 anni di Paolo Maldini. Giocatore iconico, precursore dei tempi, leader tecnico ed emotivo del Milan e della Nazionale, nasce a Milano il 26 giugno del 1968. Figlio d'arte ma capace di andare oltre la seppur gloriosa orma lasciata dal papà Cesare, tra l'altro Ct azzurro dell'indimenticabile parabola di vittorie europee targata Under 21 nel quadriennio 1992-1996, imponendo un nuovo standard nel ruolo di terzino e poi di centrale difensivo. 25 anni di Milan con 647 apparizioni in rossonero e una bacheca stracolma di successi nazionali e internazionali che lo hanno condotto sulle vette più alte dell'universo calcistico; 14 anni di Nazionale con 126 maglie azzurre indossate, 76 da Capitano, due trionfi sfiorati, quello del Mondiale americano 1994 e quello di Euro 2000. Numeri impressionanti, unici che non potevano che spalancargli la porta della "Hall of Fame del Calcio italiano", con l'induzione datata 2012. Tanti auguri, Paolo!

]]>
Buon compleanno a Fabio Capello, eroe di Wembley nel 1973! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fabio-capello-eroe-di-wembley-nel-1973-2019/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 08:57:11 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fabio-capello-eroe-di-wembley-nel-1973-2019/ Il 18 giugno del 1946 a Pieris, in provincia di Gorizia, nasce Fabio Capello, protagonista di tante pagine importanti nella storia del calcio italiano... Il 18 giugno del 1946 a Pieris, in provincia di Gorizia, nasce Fabio Capello, protagonista di tante pagine importanti nella storia del calcio italiano. Fa il suo esordio in Serie A non ancora diciottenne con la maglia della SPAL, ma il grande salto arriva a 21 anni quando approda alla Roma di Helenio Herrera, squadra con la quale conquisterà la Coppa Italia.

Con la Juventus arriveranno poi tre Scudetti, prima del passaggio al Milan che porterà Capello a mettere le mani sul suo quarto titolo di Campione d'Italia e la sua seconda Coppa nazionale. L'esordio in maglia azzurra avviene durante il periodo in bianconero, in occasione della gara contro il Belgio che segna l'eliminazione dell'Italia dagli Europei del '72. Pur non riuscendo a conquistare trofei con la Nazionale, Capello passa alla storia per i suoi gol contro l'Inghilterra nel 1973: quello a Torino, che contribuisce al primo successo assoluto degli Azzurri contro i britannici, e la rete decisiva a Wembley cinque mesi dopo per il primo trionfo italiano in terra d'Albione.

Tra le illustri vittime preferite di Capello figura anche il Brasile, contro il quale realizza altre due delle sue otto reti totali in trentadue presenze azzurre.

]]>
Tanti gol ed emozioni per la sfida tra il Fan Club della Nazionale e i ragazzi di ‘Freed by Football’ https://www.figc.it/it/tifosi/news/tanti-gol-ed-emozioni-per-la-sfida-tra-il-fan-club-della-nazionale-e-i-ragazzi-di-freed-by-football/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 13:52:41 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/tanti-gol-ed-emozioni-per-la-sfida-tra-il-fan-club-della-nazionale-e-i-ragazzi-di-freed-by-football/ Nel pomeriggio che ha preceduto la partita degli Azzurri di Roberto Mancini contro la Bosnia Erzegovina, è andata in scena una sfida speciale all’insegna del fair play, nella quale la forza aggregativa ed educativa del Calcio hanno offerto il proprio massimo splendore... Nel pomeriggio che ha preceduto la partita degli Azzurri di Roberto Mancini contro la Bosnia Erzegovina, è andata in scena una sfida speciale all’insegna del fair play, nella quale la forza aggregativa ed educativa del Calcio hanno offerto il proprio massimo splendore.

Sul campo della società Lascaris di Torino si sono affrontate la rappresentativa del Fan Club della Nazionale e la squadra del progetto ‘Freed by Football, l’iniziativa nata dalla collaborazione tra il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria e la FIGC per l’educazione e la riabilitazione di ragazzi destinatari di provvedimenti giudiziari. La gara - organizzata dal FIGC Vivo Azzurro e dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC - ha visto la partecipazione di 14 tifosi provenienti da tutta Italia e di 21 giovani calciatori, di età compresa tra i 12 e i 18 anni, a Torino per assistere alla partita della Nazionale contro la Bosnia Erzegovina, accompagnati da Claudio Romeo, tirocinante del Presidente, dr. Roberto Di Bella, ideatore e referente del progetto ‘Freed by Football’ per il TribunaleMinorile di Reggio Calabria.

Sul campo - alla presenza del presidente del Settore Giovanile e Scolastico, Vito Tisci - è stata partita vera, con la Nazionale dei Tifosi passata in vantaggio nei primi minuti di gioco, ma che ha poi subito il ritorno della rappresentativa di ‘Freed by Football’, capace di imporsi con un rotondo 4-1. Alla fine tanti sorrisi e l’abbraccio in campo tra tutti i partecipanti, protagonisti di un bel pomeriggio di sport che ha confermato una volta in più la preziosa funzione sociale del Calcio.

Fan Match Vivo Azzurro vs Freed by Football

]]>
Buon compleanno a Massimo Oddo che compie 43 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-massimo-oddo-che-compie-43-anni/ figc.it Fri, 14 Jun 2019 08:46:11 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-massimo-oddo-che-compie-43-anni/ Massimo Oddo nasce a Pescara il 14 giugno 1976. Cresce nelle giovanili del Renato Curi e successivamente del Milan, ma al Fiorenzuola vive la sua prima esperienza tra i professionisti nel campionato di Serie C1... Massimo Oddo nasce a Pescara il 14 giugno 1976. Cresce nelle giovanili del Renato Curi e successivamente del Milan, ma al Fiorenzuola vive la sua prima esperienza tra i professionisti nel campionato di Serie C1. Dopo una lunga gavetta, trascorsa tra Monza, Prato, Lecco e Napoli, nel 2000 esordisce nella massima Serie con il Verona mettendosi in mostra come uno dei migliori terzini del campionato. Gioca poi con Lazio, Milan, Bayern Monaco, chiudendo la carriera di calciatore a Lecce. In Nazionale debutta a 26 anni il 21 agosto 2002, in occasione dell'amichevole Italia-Slovenia. Partecipa all'Europeo 2004 sotto la gestione Trapattoni, e dopo anche a Germania 2006 laureandosi campione del mondo con gli Azzurri di Lippi. Nello stesso anno, il 7 ottobre, arriva anche la gioia del suo primo gol nel 2-0 contro l'Ucraina. Il 6 febbraio 2008, contro il Portogallo, Oddo saluta la maglia Azzurra giocando la 34esima nonché ultima gara in Nazionale.

]]>
Buon compleanno a Lorenzo Insigne che compie 28 anni! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-lorenzo-insigne-che-compie-28-anni-2019/ figc.it Tue, 04 Jun 2019 08:09:19 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-lorenzo-insigne-che-compie-28-anni-2019/ Lorenzo Insigne nasce a Napoli il 4 giugno del 1991. Prodotto del settore giovanile del club partenopeo, nel 2008 debutta con la squadra Primavera, con la quale realizza, nel campionato 2009-10, 15 reti complessive... Lorenzo Insigne nasce a Napoli il 4 giugno del 1991. Prodotto del settore giovanile del club partenopeo, nel 2008 debutta con la squadra Primavera, con la quale realizza, nel campionato 2009-10, 15 reti complessive. L’esordio con la Prima squadra arriva, invece, il 24 gennaio del 2010, in occasione della vittoria degli azzurri sul campo del Livorno. Dopo aver disputato gli ultimi sei mesi in prestito alla Cavese, in Lega Pro, l’anno successivo si trasferisce a Foggia. Ad allenare la formazione rossonera c’è Zdenek Zeman, che esalta le sue qualità tecniche: in Puglia, Insigne colleziona 33 presenze, ma soprattutto sigla 19 gol in campionato e 7 in Coppa Italia. Il feeling con mister Zeman, si consacra un anno più tardi a Pescara, dove insieme a Ciro Immobile e Marco Verratti, lo scugnizzo napoletano si rende protagonista della promozione nella massima serie della formazione abruzzese, lasciando il segno con 18 reti e 14 assist.

Inevitabile così nella stagione 2012-13 il suo ritorno al Napoli. Prima con Mazzarri e poi con Benitez, Insigne diventa presto il secondo calciatore italiano (dopo Antonio Di Natale) ad aver segnato nella stessa annata calcistica, in Serie A, Champions League, Europa League e Coppa Italia. Vice-campione d’Italia nella Serie A 2012-13, annovera nella sua bacheca anche una Coppa Italia 2013/14 ed una Supercoppa Italiana 2014. Con l’arrivo di Sarri, Lorenzo diventa stabilmente titolare nel tridente partenopeo, e chiude il campionato 2015-16 con 12 gol e 10 assist, quello 2016-17 con addirittura 18 reti e 9 assist.

Dal 2010 nel giro della Nazionale Under 20, fa il suo esordio con l’Under 21 il 16 ottobre 2011, in occasione della partita contro il Liechtenstein. Dopo aver siglato 7 gol in 15 presenze, conclude la sua partentesi con gli azzurrini laureandosi vice-campione d’Europa nella rassegna continentale del 2013 svoltasi in Israele.

Il 2 settembre del 2012, all’età di 21 anni, Insigne riceve così la prima chiamata della Nazionale maggiore di Cesare Prandelli, che lo convoca per le partite contro Bulgaria e Malta, valida per le qualificazioni ai Mondiali 2014, competizione alla quale partecipa due anni più tardi disputando una sola gara. Anche Antonio Conte lo chiama a far parte della spedizione agli Europei di Francia 2016. Ad oggi conta 30 presenze in maglia azzurra e quattro gol.

]]>
Buon compleanno a Luigi Di Biagio, allenatore dell'Under 21! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-luigi-di-biagio-allenatore-dellunder-21-2019/ figc.it Mon, 03 Jun 2019 09:33:36 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-luigi-di-biagio-allenatore-dellunder-21-2019/ Luigi Di Biagio nasce a Roma il 3 giugno 1971. Ex centrocampista caratterizzato da spiccate doti di interdizione e duttilità, ha militato, tra le altre, nella Roma e nell’Inter nonché nel gruppo azzurro... Luigi Di Biagio nasce a Roma il 3 giugno 1971. Ex centrocampista caratterizzato da spiccate doti di interdizione e duttilità, ha militato, tra le altre, nella Roma e nell’Inter nonché nel gruppo azzurro. Dal luglio 2013 ricopre l’incarico di tecnico dell’Under 21.

Dopo aver compiuto l’intera trafila delle giovanili biancocelesti, esordisce nella massima serie proprio con la Lazio in occasione del match contro la Juventus dell’11 giugno 1989. Passa in prestito al Monza dove resta tre stagioni tra Serie B e C1 per poi far ritorno in A nelle fila del Foggia, sotto la guida di Zeman che lo converte al ruolo di mediano. Seguono quattro annate con la maglia della Roma e altrettante con quella dell’Inter, che lo consacrano ai massimi livelli; quindi due anni al Brescia, che fungono da prologo all’ultimo da professionista con la maglia dell’Ascoli.

Lascia il calcio giocato nel 2007. Con la maglia della Nazionale debutta il 28 gennaio 1998 in occasione dell’amichevole vinta per 3-0 contro la Slovacchia, per poi essere selezionato da Cesare Maldini in vista della spedizione mondiale transalpina dell’estate seguente, terminata con l’eliminazione ai calci di rigore dei quarti di finale contro i Bleus. Raggiunge le finale di Euro 2000 e rientra nel gruppo composto da Giovanni Trapattoni per il Mondiale di Giappone e Corea del 2002. In totale, si contano 31 presenze e due reti con l’Italia.

Dopo alcune esperienze nei settori giovanili, nel luglio 2011 diventa responsabile della selezione Under 20 per poi succedere due anni dopo a Devis Mangia come tecnico dell’Under 21, incarico che ricopre attualmente. Con gli Azzurrini raggiunge la semifinale continentale nel 2017, persa contro la Spagna e si prepara a condurre il gruppo nell’imminente kermesse europea in programma tra pochi giorni nel nostro Paese. Nei mesi di febbraio e marzo 2018 ha anche assunto l’incarico di Ct ad interim della Nazionale maggiore in occasione delle amichevoli contro Argentina e Inghilterra.

]]>
Buon compleanno a Luca Toni, attaccante Campione del Mondo nel 2006! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-luca-toni-attaccante-campione-del-mondo-nel-2006-2019/ figc.it Sun, 26 May 2019 07:57:32 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-luca-toni-attaccante-campione-del-mondo-nel-2006-2019/ Luca Toni nasce a Pavullo nel Frignano il 26 maggio 1977. Cresciuto nel vivaio modenese, bagna il suo esordio proprio con i colori gialloblu, nella stagione 1994/1995 in C1... Luca Toni nasce a Pavullo nel Frignano il 26 maggio 1977. Cresciuto nel vivaio modenese, bagna il suo esordio proprio con i colori gialloblu, nella stagione 1994/1995 in C1. Non arriva giovanissimo alla ribalta, il suo primo acuto, infatti, è quello targato 1999/2000: 15 gol col Treviso in Serie B che lo mettono nel mirino degli osservatori e lo conducono la stagione seguente in Serie A con la maglia del Vicenza. Passato per due stagioni al Brescia dove lascia intravedere il suo potenziale, esplode definitivamente ed in modo fragoroso nel Palermo. Nel 2003/2004 abbraccia coi siciliani la sfida di puntare alla Serie A ed i fatti gli hanno dato ragione. Trascina i rosanero alla vittoria del campionato con 30 gol e torna nella massima divisione marcandone altri 20 nella stagione successiva che portano il Palermo addirittura in Coppa UEFA.

Nel 2005 passa alla Fiorentina entrando nel giro della Nazionale, sarà la sua stagione "aurea". Con 31 reti in campionato si aggiudica la Scarpa d'Oro ma è il 9 luglio successivo che tocca la vetta più alta che un calciatore possa mai immaginare di scalare, alzando nel cielo di Berlino la Coppa del Mondo con la maglia azzurra, al termine di una cavalcata epica che ebbe la sua nemesi nella finale contro la Francia, un successo capace di ripagare un'intera Nazione delle delusioni degli anni precedenti in una notte che resterà immortalata negli annali del calcio.

Collezionerà 47 presenze con 16 gol in azzurro. Forse ancora affascinati da questo corazziere capace di muoversi con sapienza anche fuori dall'area di rigore, i dirigenti del Bayern, a distanza di un anno da quel trionfo su suolo tedesco, decidono di portarlo in Baviera. Anche li, tanto per cambiare, segna gol a ripetizione tanto da diventare un beniamino del pubblico, protagonista addirittura di un tormentone musicale.

Nel gennaio 2010 torna in Italia e sfiora un clamoroso Scudetto con la Roma, sfumato sul più bello: il suo rimpianto più grande dirà. Passa al Genoa e poi alla Juventus ed ha il privilegio di siglare il primo gol che lo Stadium abbia visto entrare nelle proprie reti, nella partita inaugurale contro il Notts County del settembre 2011. Va a giocare negli emirati, nelle fila dell'Al-Nasr lasciando presagire la fine del proprio viaggio calcistico. Nulla di più sbagliato. Torna di nuovo in maglia Viola all'inizio della stagione 2012/2013 e segna a poco più di un minuto dal suo esordio-bis a Firenze, il lupo il vizio davvero non ha intenzione di perderlo. Si accasa quindi alla neopromossa Hellas Verona e vive letteralmente due stagioni clamorose con 44 gol messi in cascina ed il titolo di capocannoniere 2013/2014. Chiude col calcio giocato al termine della scorsa stagione timbrando il cartellino per la 324esima volta all'ultima giornata contro la Juventus, seppur al termine di un'annata condizionata da noie fisiche continue. Lo fa nel modo dei fuoriclasse, con coraggio: un "cucchiaio" dagli 11 metri che fa esplodere la standing ovation del "Bentegodi", gremito per tributare l'ultimo saluto a un campione vero.

]]>
38^ giornata di campionato: i consigli per il Fantacalcio https://www.figc.it/it/tifosi/news/38-giornata-di-campionato-i-consigli-per-il-fantacalcio-2019/ figc.it Fri, 24 May 2019 10:08:11 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/38-giornata-di-campionato-i-consigli-per-il-fantacalcio-2019/ Stagione che non smette di emozionare quella che andrà in archivio domenica. Pass europei e permanenza nella massima serie, infatti, sono ancora in palio... Stagione che non smette di emozionare quella che andrà in archivio domenica. Pass europei e permanenza nella massima serie, infatti, sono ancora in palio. Perfetto rush finale anche per voi fanta-allenatori, alle prese con le ultime decisioni di questa annata.

PORTIERI

Gollini è una scelta pressoché obbligata con l’Atalanta, ormai a un passo dalla storia. Se siete amanti del rischio, Dragowski è la vostra opzione di giornata: dovesse concretizzarsi il miracolo salvezza per l’Empoli, potrebbe essere lui l’eroe di giornata. Pinsoglio è l’occasione super low cost per eccellenza: Allegri ha da tempo detto che avrebbe avuto la possibilità di scendere in campo e, quindi, dovrà essere questa la sua chance di timbrare il cartellino con la Juventus.

DIFENSORI

Nonostante l’evidente flessione del Torino in queste ultime uscite, Ola Aina è invece in un ottimo periodo: schieratelo. Spinazzola ormai non può essere più considerato una mera alternativa ad Alex Sandro e chiudendo la stagione magari con un bonus potrebbe pesantemente insidiare la titolarità del brasiliano. Reduce dal bonus pesante dell’ultimo turno, Criscito è determinato a fare l’impresa portando il Genoa alla salvezza nella cruciale sfida di Firenze.

CENTROCAMPISTI

Sarà l’ultima di De Rossi con la Roma: ogni romantico non potrà lasciarlo fuori dal suo fanta XI. Anche per Barella pare essere il giorno del commiato dalla sua Cagliari: che possa affiancare alle grandi prestazioni cui ci ha abituato anche un bonus? Andate dritti su Pulgar, uno dei segreti nemmeno troppo nascosti del Bologna.

ATTACCANTI

Stefano Okaka è letteralmente on fire, ha trascinato a suon di gol l’Udinese alla salvezza e non può per nessuna ragione essere estromesso dalle vostre scelte. Ilicic è probabilmente l’MVP dell’Atalanta e chiudere con l’acquisizione del pass per la Champions League vorrebbe dire consacrarlo definitivamente, magari con l’ennesima rete stagionale. Decisamente ritrovato il Mertens di questa piovosa primavera: dopo mesi di corrente alternata è tornato centrale nel progetto tattico partenopeo.

]]>