FIGC - Tutto il sito - news https://www.figc.it Wed, 19 Jun 2019 05:52:38 +0200 FIGC Feed Generator Ultime news FIGC.IT IT Ultimo Open Day dei Centri Federali Territoriali della Toscana https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/toscana/news/open-day-cft-pisa/ figc.it Wed, 19 Jun 2019 09:00:00 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/toscana/news/open-day-cft-pisa/ Oggi, al CFT di San Giuliano Terme ultimo degli Open Day programmati in Toscana per la stagione Spor… Oggi, al CFT di San Giuliano Terme ultimo degli Open Day programmati in Toscana per la stagione Sportiva 2018-19.

Alla presenza dello staff al completo le cinque società invitate, accompagnate da calciatori e calciatrici degli anni 2005, 2006 e 200, drigenti, tecnici e genitori si sono da prima incontrati nella sala riunione per assistere alla presentazione del progetto e delle iniziative annesse. 

A turno e per competenza hanno preso la parola le componenti tecnica, organizzativa e dell'area psicologica dello staff.

Successivamente tutti i ragazzi e ragazze sono scesi in campo per prendere parte ad un allenamento "tipo" previsto per le categorie di base.

Gli Open Day riprenderanno in tutti i CFT nel mese di settembre con l'avvio delle attività sportive previste per la stagione sportiva 2019/20.

 

]]>
La prima sconfitta non fa male: vince il Brasile, ma l’Italia vola da prima agli Ottavi https://www.figc.it/it/nazionali/news/la-prima-sconfitta-non-fa-male-vince-il-brasile-ma-l-italia-vola-da-prima-agli-ottavi/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 23:17:02 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/la-prima-sconfitta-non-fa-male-vince-il-brasile-ma-l-italia-vola-da-prima-agli-ottavi/ La prima sconfitta dell’Italia al Mondiale è un ko indolore. Dopo il successo... La prima sconfitta dell’Italia al Mondiale è un ko indolore. Dopo il successo in rimonta all’esordio con l’Australia (2-1) e la vittoria in goleada con la Giamaica (5-0), le Azzurre perdono 1-0 con il Brasile, ma chiudono ugualmente in testa il Gruppo C grazie alla miglior differenza reti, guadagnandosi una settimana piena di recupero prima dell’Ottavo di finale, in programma martedì 25 giugno (ore 18) a Montpellier contro una delle quattro migliori terze classificate (Nigeria e Cina le possibili avversarie). Un’Italia attenta e ordinata riesce a contenere le sudamericane e si arrende solo alla leggendaria Marta, che a un quarto d’ora dal termine trasforma un rigore molto generoso concesso per un lieve contatto tra Linari e Debinha.

"Dispiace per la sconfitta - il commento a caldo di Milena Bertolini - forse sarebbe stato più giusto il pareggio, ma la cosa bella è che siamo prime. Siamo felici, ora dobbiamo riposare e recuperare le energie fisiche e mentali". Tra i 22mila spettatori che hanno gremito gli spalti dello Stade du Hainaut anche tanti tifosi italiani: "E’ stato emozionante - sottolinea la Ct - ci hanno portato tanta gioia". Esulta anche Sara Gama: "Siamo prime, nemmeno nelle più rosee aspettative avremmo immaginato tutto questo. Abbiamo meritato sul campo e credo ci sia margine di miglioramento. Oggi un episodio ha deciso la partita".

Ancora una volta il presidente federale Gabriele Gravina ha assistito al match delle Azzurre dalla tribuna insieme al Dg Marco Brunelli: "E’ una sconfitta indolore - le sue parole - che passa in secondo piano rispetto al primo posto nel girone: un risultato straordinario, impensabile alla vigilia. Le nostre ‘Ragazze Mondiali’ anche questa sera contro un grande Brasile hanno dimostrato di essere un gruppo eccezionale. Mi complimento con loro, con Milena Bertolini e tutto lo staff".

LA PARTITA - La novità di formazione è Valentina Giacinti, la capocannoniera della Serie A per la prima volta in campo dal primo minuto nel 4-3-1-2 dell’Italia, in cui Girelli arretra per ricevere le imbucate di Giugliano e Cernoia mentre Bonansea parte larga per sfruttare al meglio le sue doti migliori: facilità di corsa e dribbling. Dopo la doppietta con la Giamaica ritrova un posto da titolare Aurora Galli, resta fuori Bergamaschi e come laterali di difesa sono confermate Alia Guagni ed Elisa Bartoli. Senza la squalificata Formiga, il Brasile non rinuncia a Marta, anche se la fuoriclasse verdeoro non è al 100% della condizione. In avanti con lei c’è Cristiane, in un 4-4-2 dove in mezzo al campo trovano spazio la milanista Thaisa e Andressinha, con Debinha e Ludmila, quest’ultima chiamata a sostituire l’infortunata Andressa, sulle corsie esterne.

Il Brasile parte forte e Marta con un numero da giocoliera fa subito capire di che pasta è fatta. Ma al 5’ è l’Italia a sfiorare per prima il gol: Giacinti difende bene il pallone e allarga per Bonansea, che calcia sul primo palo trovando la deviazione in angolo di Barbara. Il pubblico sugli spalti si diverte e fa la ola, la partita è vivace ed equilibrata. Al 17’ Laura Giuliani si esalta e con un bel riflesso salva sul colpo di tacco di Debinha per poi deviare sulla parte alta della traversa l’angolo successivo calciato da Marta. La sei volte miglior calciatrice del Mondo gioca a tutto campo, prendendo per mano la squadra. Ma le Azzurre non stanno a guardare e Cernoia con un tiro cross tagliato sfiora il palo alla destra di Barbara. Girelli segna, ma il fuorigioco è netto e non c’è bisogno di aspettare la VAR, poi di testa su angolo di Cernoia per poco non trova il suo quarto gol nel Mondiale. Al 40’ ripartenza da manuale dell’Italia: Cernoia serve Guagni sulla sinistra, cross sul secondo palo per Bonansea che in spaccata impegna Barbara.

Nella ripresa il Brasile spinge sull’acceleratore, andando a caccia dei gol necessari per evitare un probabile scontro frontale negli Ottavi con la Francia. Al 52’ Andressinha colpisce la traversa con una punizione dal limite dell’area, poi Kathellen di testa sfiora il palo. E’ il momento di stringere i denti, Bergamaschi rileva Giacinti e si allarga a destra, con Girelli che sale diventando il terminale offensivo. Nel Brasile Beatriz prende il posto di Cristiane e appena entrata sfiora il gol con un tocco al volo che termina a lato. Al 74’ il Brasile passa in vantaggio: Linari ostacola Debinha, il contatto è lieve ma la messicana Venegas indica il dischetto e Marta spiazza Giuliani. E’ un gol che però non sposta gli equilibri del girone. L’Italia vola da prima a Montpellier e può andare a ricevere l’abbraccio dei suoi tifosi: missione compiuta!

ITALIA-BRASILE 0-1 (0-0 pt)

Rete: 74’ rig. Marta (B)

ITALIA: Giuliani; Guagni, Gama (C), Linari, Bartoli (70’ Boattin); Giugliano, Cernoia, Galli; Girelli (78’ Mauro); Giacinti (63’ Bergamaschi), Bonansea. A disp: Marchitelli, Fusetti, Cimini Tucceri, Rosucci, Parisi, Serturini, Sabatino, Tarenzi, Pipitone. Ct: Milena Bertolini.
BRASILE: Barbara; Tamires, Leticia Santos (76’ Poliana), Kathellen; Monica; Thaisa, Andressinha, Debinha, Ludmila; Marta (C) (83’ Luana), Cristiane (65’ Beatriz). A disp: Aline, Daiane, Andressa, Camila, Raquel Fernandes, Geysie, Leticia. Ct: Vadao.

Arbitro: Lucila Venegas (MES). Assistenti: Mayte Chavez (MES) ed Enedina Caudillo (MES). Quarto ufficiale: Ekaterina Koroleva (USA). VAR: Carlos del Cerro Grande (SPA). AVAR: Luciana Mascarana (URU) e Tiago Martins (POR).

Note: spettatori 21.669. Ammonite: Bartoli (I), Let

]]>
Pordenone di nuovo in finale. Sfida al Renate per il titolo italiano https://www.figc.it/it/giovani/news/pordenone-di-nuovo-in-finale-sfida-al-renate-per-il-titolo-italiano/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 22:16:08 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/news/pordenone-di-nuovo-in-finale-sfida-al-renate-per-il-titolo-italiano/ Sarà Pordenone-Renate la gara... Sarà Pordenone-Renate la sfida scudetto Under 17 di Serie C. Nella due semifinali disputate a Savignano e Russi, friuliani e brianzoli superano rispettivamente Juve Stabia e Paganese, conquistando il pass per la gara di venerdì che si disputerà sempre allo stadio Capanni di Ravenna.

Nella sfida del pomeriggio, i Campioni in carica guidati da Pillin hanno la meglio sui campani al termine di un incontro deciso da due ripartenze. Dopo un avvio privo di particolari emozioni, al 14’ il Pordenone sblocca la gara con Carli, che sfrutta un lancio preciso, vince un rimpallo, si invola verso la porta avversaria e batte il numero 1 Esposito. La formazione di Castellammare non si scompone e inizia a produrre gioco, costringendo i friulani a difendersi in massa nella loro metà campo. Un assedio che, grazie all’ottima difesa avversaria, non viene premiato con il pari e la prima frazione di gioco si conclude con il Pordenone in vantaggio. Nella ripresa la trama non cambia e nonostante i continui sforzi, la Juve Stabia non riesce a infrangere il muro friulano impensierendo oltremodo l’estremo difensore Plai. Al 65’ l’episodio che chiude partita e qualificazione: ennesimo contropiede del Pordenone, spunto di Lanzri sulla sinistra che supera Esposito e deposita in rete con un preciso diagonale. Il 2-0 consegna ai friulani l’accesso alla seconda finale scudetto consecutiva. Al termine della gara, bel gesto di fair-play dei calciatori della Juve Stabia, che formano un cordone all’ingresso degli spogliatoi per applaudire gli avversari.

Conquista la finale scudetto anche il Renate, con molti dei suoi ragazzi Campioni d'Italia Under 16 di Serie C la scorsa stagione. Nel match di Russi, buon approccio brianzoli, opposti alla Paganese, pericolosi nei primi minuti con i difensori Zalli e Manarelli. Al 26' è proprio Zalli a sbloccare la gara con un colpo di testa vincente sugli sviluppi di un corner. L'unico sussulto della Paganese arriva con Cavucci anticipato all’ultimo istante da un’uscita coraggiosa del portiere Proverbio.
Nella ripresa la sfida si accende di intensità, non mancano contatti decisi in mezzo al campo, ma latitano le occasioni.  A 5' dal termine il Renate chiude il discorso qualificazione con il neoentrato Tramuntoli, che sfrutta un assist di Manarelli e in completa solitudine si presenta davanti al portiere avversario e sigla il 2-0 regalando ai suoi la qualificazione alla finale che vale il titolo italiano 2018/2019. 

 

JUVE STABIA - PORDENONE 0-2

JUVE STABIA: Esposito, Boccia (81′ Solimeno), Todisco, Mangini (85′ Celentano), Di Pasquale, Luongo, Pulcino (46′ Pascale), Falasca, Stoecklin (81′ Chierchia), Guarracino, Masotta (72′ Gaudino). A disposizione: Domigno, Zaccariello, D’Aniello, Selvaggio. All. Sacco.
PORDENONE: Plai, Basso, Sandoletti, Sautto (67′ Bottani), Capraro, Trentin, Cassaro (54′ Lazri), Cucchisi, Carli, Morandini (54′ Mandato), Cescon (75′ Tirelli). A disposizione: Pagnucco, Comand, Amakini, Del Savio, Turchetto. All. Pillin.
MARCATORI: 14′ Carli (P), 80′ Lanzri (P)

 

RENATE - PAGANESE 2-0

RENATE: Proverbio, Iovine, Manarelli, Cisternino (dal 89′ Petito), Zalli, D’Ovidio, Fischetti (dal 89′ Maffia), Colombo, Ripamonti (dall’82 Galatà), Bianchi (dal 89′ Doumbia), Nespoli (dal 67′ Tramutoli). All. Robbiati
PAGANESE: Bovenzi, Tomolillo, Di Palma, Del Gesso, Orta (dal 86′ Perretti), Cardinale, Padolino (dal 77′ Caso), Sepe, Gondola (dal 77′ Picardi), De Biase (dal 46′ Criscuolo), Cavucci (dal 77′ Naso). All. Finestra
MARCATORI: 26′ Zalli (R), 85′ Tramutoli (R)

 

]]>
Nazionale di futsal Giovani Esordienti, Italia ko 2-1 con l'Armenia nel primo test https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-di-futsal-giovani-esordienti-italia-ko-2-1-con-larmenia-nel-primo-test/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 21:03:47 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-di-futsal-giovani-esordienti-italia-ko-2-1-con-larmenia-nel-primo-test/ Finisce con una sconfitta di misura la prima amichevole della Nazionale di calcio a cinque “Giovani Esordienti” Finisce con una sconfitta di misura la prima amichevole della Nazionale di calcio a cinque “Giovani Esordienti”. Al Centro Sportivo ‘Novarello-Villaggio Azzurro’ di Granozzo con Monticello, in provincia di Novara, gli Azzurri si arrendono 2-1 all’Armenia: non basta il gol del momentaneo pareggio di Alvise Tenderini alla squadra guidata da Alessio Musti, punita dalle reti - una per tempo - di Henrique Costa da Silva e Saro Galstyan.

Il Commissario Tecnico parte con un quartetto composto da Botosso, Pulvirenti, Baron (capitano) e Biscossi, che agiscono davanti al portiere Lorenzo Pietrangelo. Gli ospiti si portano in vantaggio a metà primo tempo: Costa Da Silva vince un rimpallo e riesce a superare Pietrangelo, firmando l’1-0. è il risultato con cui si va negli spogliatoi.

Nella ripresa, sempre a metà frazione, arriva il pareggio dell’Italia. Tenderini è bravo a rubare un pallone a centro area e insacca l’1-1. L’equilibrio, però, regge meno di cinque minuti, perché Jacopo Lupi perde un pallone a centro area e, dal limite, Galstyan - il capitano ospite - trova il nuovo vantaggio.

Musti chiama time-out e si gioca la carta del portiere di movimento, avanzando Gastaldo per avere il power play. Ma è ancora l’Armenia a “rischiare” di segnare, con lo stesso Gastaldo che compie un miracoloso salvataggio: finisce 2-1 per la nazionale di Ruben Nazaretyan, domani (mercoledì) si replica con gara-2 in programma alle 18.

ITALIA-ARMENIA 1-2 (0-1 p.t.)
ITALIA: Pietrangelo, Botosso, Pulvirenti, Baron, Biscossi, Molaro, Ghouati, Di Guida, D’Eugenio, Tenderini, Gastaldo, Lupi, Caponigro, Cerulli. Ct Musti

ARMENIA: Askadjian, Manukian, Mashumyan, Galstyan, Aslanian, Uzunyan, Costa Da Silva, Sargsyan, Nasibyan, Voskanyan, Bagdasarian, Karapetyan, Nargaryan, Mkrtchyan. Ct. Nazaretyan

MARCATORI: 10’10’’ p.t. Costa Da Silva (A), 10’31’’ s.t. Tenderini (I), 15’21’’ Galstyan (A)

AMMONITI: Baron (I)

ARBITRI: Carmelo Loddo (Reggio Calabria), Rocco Morabito (Vercelli), Carlo Adilardi (Collegno) CRONO: Stefano Pasquino (Nichelino)

]]>
Le convocate per il torneo di calcio dell’Universiade https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-femminile-le-convocate-per-il-torneo-di-calcio-delluniversiade/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 19:45:27 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-femminile-le-convocate-per-il-torneo-di-calcio-delluniversiade/ In vista del raduno di preparazione alla 30ª edizione dell’Universiade, previsto presso il Centro di… In vista del raduno di preparazione alla 30ª edizione dell’Universiade, previsto presso il Centro di Preparazione Olimpica di Formia dal 23 al 29 giugno, il responsabile tecnico della Nazionale Universitaria Femminile, Jacopo Leandri, ha convocato 20 calciatrici. Il gruppo delle azzurre si ritroverà domenica 23 giugno a Roma per poi trasferirsi in serata nella località pontina. Le Azzurre completeranno la seconda parte della preparazione a Fisciano (SA) ed esordiranno il 2 luglio (ore 18.00) contro il Giappone allo stadio “Arechi” di Salerno. Giovedì 4 quindi sarà la volta degli Stati Uniti, incontro in programma al “Ciro Vigorito” di Benevento”. Le successive avversarie dell’Italia saranno determinate in base alla classifica del Girone A. Di seguito la lista delle convocate e il programma completo.  

Portieri: Baldi (Florentia CF), Capelletti (FC Inter)
Difensori: Bursi (Sassuolo), Fusini (Fiorentina), Labate (AS Roma), Mella (Tavagnacco), Pisani, Spinelli (Stade de Reims)
Centrocampisti: Bonfantini (AS Roma), Brustia (FC Inter), Caruso (Juventus), Errico (Tavagnacco), Glionna (Juventus), Marinelli (Inter), Mascarello (Tavagnacco)
Attaccanti: Cambiaghi (Sassuolo), Cantore (Juventus), Ferrato (Sassuolo), Goldoni, Pandini (FC Inter)

Staff

Allenatore: Jacopo Leandri; Assistente all. Viviana Schiavi; Preparatore dei portieri: Mattia Volpi; Preparatore atletico: Franco Olivieri; Medico: Sebastiano Porcino; Fisioterapista: Camillo Piastra; Segretario: Sabrina Filacchione

Programma raduno

Domenica 23/6

17.00Raduno a Roma, a seguire trasferimento al CPO di Formia

 
Lunedì 24/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
                     
Martedì 25/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Mercoledì 27/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Giovedì 27/6
10.00Allenamento
17.00Allenamento  

 

Venerdì 28/6

10.00Allenamento
17.00Allenamento  
 
Sabato 29/6
10.00Allenamento
13:45Trasferimento “Villaggio Universitario” - Campus Universitario dell’Università degli Studi di Salerno
             Via Giovanni Paolo II°, 132 – Fisciano (SA)
17.15      Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano
 
Domenica 30/6
16:00         Trasferimento in pullman a Montesarchio (BN)
17.30         Allenamento presso Impianto Sportivo di Montesarchio
 
Lunedì 1/7

11.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Martedì 2/7

18.00Gara ITALIA GIAPPONE - Stadio Comunale  Arechidi Salerno

 

Mercoledì 3/7      

11.30Allenamento presso impianto Sportivo di Fisciano

16.00Trasferimento in Pullman a Napoli
19.30CERIMONIA DI APERTURA  - Stadio Comunale “San Paolo” di Napoli
                       
Giovedì 4/7

21.00Gara USA – ITALIA - (Stadio Comunale  Ciro Vigorito” di Benevento

 

Venerdì 5/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Sabato 6/7
18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Domenica 7/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Lunedì 8/7

Da conf.GARA 3: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base alla classifica del Girone A.

                       
Martedì 9/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo di Fisciano

 

Mercoledì 10/7

Da conf.GARA 4: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base al risultato di Gara 3

 

Giovedì 11/7

18.30Allenamento presso Impianto Sportivo da definire

 
Venerdì 12/7

Da conf. GARA 5: L’orario e lo stadio di svolgimento saranno stabiliti in base al risultato di Gara 4

 
Sabato 13/7

Programma da definire

                   

Domenica 14/7      
16.00Trasferimento in pullman a Napoli - CERIMONIA DI CHIUSURA, Piazza del Plebiscito

 

Lunedì 15/7

Fine raduno, scioglimento della delegazione e rientro alle rispettive sedi

]]>
Prima amichevole per le Rappresentative https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/under-16-femminile/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 18:30:34 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/under-16-femminile/ In occasione del torneo Eusalp 2019, svoltosi la scorsa settimana in val del Chiese, si sono incontr… In occasione del torneo Eusalp 2019, svoltosi la scorsa settimana in val del Chiese, si sono incontrate per la prima volta le Rappresentative under 16 femminili del CPA di TRENTO e del CPA di BOLZANO; una sfida amichevole che ha evidenziato un gioco di costruzione con palla a terra piacevole da vedere, unito ad un grande fair play. 
Un'esperienza che ha dimostrato la grande condivisione tra le due selezioni, trasmettendo la sensazione di essere un’unica famiglia, molto attiva sul territorio per promuovere il calcio femminile.
Grazie alle società, dirigenti, genitori e staff che hanno reso possibile l’attività.
#togetherweplaystrong
#calciofemminile

]]>
Verso le Universiadi. Venti Azzurri in raduno a Roma dal 20 al 25 giugno https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-verso-le-universiadi-venti-azzurri-in-raduno-a-roma-dal-20-al-25-giugno/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 17:40:07 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-universitaria-verso-le-universiadi-venti-azzurri-in-raduno-a-roma-dal-20-al-25-giugno/ Parte il conto alla rovescia per quello che si preannuncia come uno dei tornei più interessanti e maggiormente seguiti per la qualità, la tradizione... Parte il conto alla rovescia per quello che si preannuncia come uno dei tornei più interessanti e maggiormente seguiti per la qualità, la tradizione e lo spessore tecnico delle nazionali partecipanti: le Universiadi di Napoli, in programma dal 2 al 14 luglio. L’Italia del calcio si sta preparando all’appuntamento. Il tecnico Daniele Arrigoni ha convocato venti calciatori che svolgeranno la preparazione a Roma da giovedì 20 a martedì 25 giugno. Il gruppo si radunerà di nuovo venerdì 28 e il giorno seguente si trasferirà presso il Villaggio Universitario dell’Unità degli Studi di Salerno per l’ultima fase di lavoro in attesa dell’esordio in programma martedì 2 luglio allo stadio Comunale “Arechi” di Salerno (ore 21) contro il Messico.

Successivamente la Nazionale Universitaria affronterà venerdì 5 l’Ucraina. La terza gara si svolgerà il 9 luglio contro una squadra del girone C, la quarta l’11 e la quinta il 13.

Sono dodici le nazionali che si contenderanno la medaglia d'oro: ai nastri di partenza il gotha del calcio mondiale, diviso in quattro gironi da tre squadre. Italia, Brasile, Francia, Argentina e Uruguay (in totale 16 titoli Mondiali), non fanno mistero delle loro ambizioni. La Nazionale Universitaria azzurra andrà a caccia del suo terzo titolo, dopo quelli conquistati nell’edizione casalinga del 1997 a Palermo e nel 2015 in Corea del Sud.

Sono sette gli stadi che ospiteranno le competizioni ufficiali, ai quali si aggiungeranno i campi d'allenamento, sette le città coinvolte con una netta prevalenza della provincia di Salerno presente con l'“Arechi”, il “San Francesco” di Nocera Inferiore, il “Simonetta Lamberti” di Cava de Tirreni, il “Marcello Torre” di Pagani. A completare il quadro il “Vigorito” di Benevento, il “Pinto” di Caserta e il “San Mauro” di Casoria.

Elenco dei convocati

Portieri: Gianluca Marcantognini (Fermana), Tommaso Cucchietti (Alessandria);
Difensori: Filippo Florio (Pordenone), Davide Vitturini (AJ Fano), Riccardo Gatti (Monopoli), Federico Giraudo (Ternana), Alberto Tentardini (Monza), Cesare Pogliano (Reggina);
Centrocampisti: Giorgio Galli (Monza), Riccardo Serena (Padova), Riccardo Collodel (Vibonese), Loris Zonta (LR Vicenza), Roberto Grieco (Fermana), Mario Mercadante (Monopoli), Giovanni Sbrissa (Siena);
Attaccanti: Giuseppe Ungaro (Reggina), Alessandro Galeandro (Albinoleffe), Danilo Ruzzittu (Arzachena), Filippo Strada (Adrense), Matteo Cericola (Rieti).

Staff – Allenatore: Daniele Arrigoni; Vice allenatore: Luigi Corino; Segretario: Fabio Ferappi; Preparatore atletico: Massimo Magrini; Preparatore dei portieri: Stefano Dadina; Medico: Emanuele Fabrizi; Fisioterapista: Giuseppe Pillori; Osservatore: Oriano Renzi.

 

]]>
Le maglie firmate da Quagliarella, Bernardeschi e Chiesa all’asta per la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro https://www.figc.it/it/formazione-ed-eventi/news/le-maglie-firmate-da-quagliarella-bernardeschi-e-chiesa-all-asta-per-la-fondazione-piemontese-per-la-ricerca-sul-cancro/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 17:24:21 +0200 https://www.figc.it/it/formazione-ed-eventi/news/le-maglie-firmate-da-quagliarella-bernardeschi-e-chiesa-all-asta-per-la-fondazione-piemontese-per-la-ricerca-sul-cancro/ In occasione della gara Italia-Bosnia a Torino, per il sesto anno consecutivo, la FIGC ha rinnovato la partnership con la Fondazione Piemontese per la... In occasione della gara Italia-Bosnia a Torino, per il sesto anno consecutivo, la FIGC ha rinnovato la partnership con la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro sostenendo le attività di raccolta fondi. Oltre alle 20 esperienze VIP con walkabout allo stadio messi all’asta tramite piattaforma online Charity Stars, durante la gara dell'11 giugno, i giocatori Quagliarella, Bernardeschi e Chiesa hanno autografato le loro maglie rendendo i cimeli unici, disponibili tramite asta online. L’intero ricavato sarà devoluto ai progetti di ricerca e assistenza promossi dalla Fondazione presso l’Istituto di Candiolo, polo di eccellenza di riferimento nazionale e riconosciuto a livello internazionale specializzato nel trattamento delle patologie oncologiche.

Ecco i link per partecipare alle aste:

Maglia Quagliarella

https://www.charitystars.com/product/maglia-authentic-quagliarella-italia-autografata-it

Maglia Bernardeschi

https://www.charitystars.com/product/maglia-authentic-bernardeschi-italia-autografata-it

Maglia Chiesa

https://www.charitystars.com/product/maglia-authentic-chiesa-italia-autografata-it

]]>
Di Biagio: “Contro la Polonia è un ottavo di finale, non possiamo sbagliare” https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-di-biagio-contro-la-polonia-un-ottavo-di-finale-non-possiamo-sbagliare/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 17:10:53 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/nazionale-under-21-di-biagio-contro-la-polonia-un-ottavo-di-finale-non-possiamo-sbagliare/ Bologna è pronta di nuovo ad abbracciare e sostenere l’Under 21. Tre giorni dopo la gara d’esordio contro la Spagna, al “Dall’Ara” arriva la Polonia e la... Bologna è pronta di nuovo ad abbracciare e sostenere l’Under 21. Tre giorni dopo la gara d’esordio contro la Spagna, al “Dall’Ara” arriva la Polonia e la posta in palio è sostanziosa. Domani sera (ore 21- diretta RaiUno) si giocano novanta minuti che valgono la qualificazione alla semifinale del Campionato Europeo.

La vittoria contro gli spagnoli ha dato morale e certezze al gruppo azzurro, unito e determinato più di prima. “Contro la Polonia – spiega il tecnico Gigi Di Biagio nella conferenza stampa della vigilia - sarà un ottavo di finale. Per prima cosa non possiamo e non dobbiamo sbagliare, poi aspetteremo il risultato dell’altra partita. Vedo lo sguardo dei miei ragazzi in questi giorni, il loro modo di ascoltarmi, di recuperare e di allenarsi e sono sereno”.

Non si parla di formazione. La partita di domenica ha lasciato il segno in qualche giocatore e il tecnico, prima della scelta finale, vuole valutare bene le condizioni dei singoli: “Ci sono sei o sette giocatori – sottolinea - le cui condizioni fisiche sono da valutare. Mancano trenta ore, c’è ancora un po’ di tempo per decidere, ma lo voglio fare con attenzione. Cambi? Forse due o tre, vedremo”.

Se Bologna è pronta a sostenere l’Italia anche domani sera, gli Azzurrini sono altrettanto pronti all’abbraccio di uno stadio che ha suscitato in tutti una grande emozione, ma che al tempo stesso ha dato la carica giusta per portare a termine l’obiettivo di partenza. Di Biagio, che con la maglia azzurra, ha vissuto tanti di questi momenti, ricorda la sua esperienza di calciatore a Italia ’90. “Mi sembra proprio di rivivere quelle indimenticabili serate – dice – quando eravamo accompagnati da un tifo coinvolgente. Questi ragazzi non erano ancora nati, ma io sento la stessa voglia di appartenenza, come avverto il desiderio della gente di gioire e di festeggiare insieme a noi. Il clima che abbiamo vissuto domenica sera a Bologna, è stato incredibile, mi ha lasciato esterrefatto. Ora dobbiamo essere bravi a cavalcare l’onda”.

Risale a marzo 2017 l’ultima volta che Italia e Polonia si sono trovate di fronte in occasione di una gara amichevole giocata a Cracovia e terminata con la vittoria degli Azzurrini 2-1. Una delle due reti era stata firmata da Lorenzo Pellegrini.

Programma Fase Finale Campionato Europeo Under 21

mercoledì 19 giugno 2019
ore 21.00 ITALIA – POLONIA presso lo Stadio “Dall’Ara” di Bologna
a seguire conferenza stampa post gara

giovedì 20 giugno 2019
16.30 incontro stampa con un calciatore presso Isokinetic di Castedebole
h. 17.30 allenamento presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)

venerdì 21 giugno 2019
10.45 rifinitura MD-1 presso c.s. Casteldebole (aperto i primi 15 minuti alla stampa)
h. 18.00 trasferimento per Stadio “Città del Tricolore”
19.15 walk around presso Stadio “Città del Tricolore”
a seguire trasferimento presso Hotel Boiardo
19.30 conferenza stampa UEFA Stadio “Città del Tricolore”

sabato 22 giugno 2019
h..21.00 BELGIO – ITALIA presso lo Stadio “Città del Tricolore” di Reggio Emilia
a seguire conferenza stampa post gara, trasferimento a Bologna
domenica 23 giugno 2019
in caso di eliminazione rientro presso le rispettive sedi

Semifinali
27 giugno con modalità comunicate successivamente dalla UEFA;
Eventuale Olimpic Play-Off

28 giugno h. 21.00 a Cesena
Finale Campionato Europeo

30 giugno 20.45 Stadio Friuli di Udine

]]>
Under 17 serie C - Oggi le semifinali scudetto: Renate-Paganese e Juve Stabia-Pordenone https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/umbria/news/under-17-serie-c-oggi-le-semifinali-scudetto2019-06-18/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 16:20:33 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/umbria/news/under-17-serie-c-oggi-le-semifinali-scudetto2019-06-18/ Prima gara alle 17.30 a Savignano, seconda semifinale alle 20.30 a Russi Dopo il lunedì riservato alle semifinali del Campionato Under 17 A e B, in calendario un martedì dedicato alla stessa categoria ma in versione Serie C. a Savignano sul Rubicone e a Russi si giocheranno Juve Stabia-Pordenone e Renate-Paganese.

JUVE STABIA
I giovani gialloneri, che hanno chiuso al secondo posto nel Girone D la regular season (alle spalle della Paganese), sono reduci da due turni di playoff complicati. In particolare il primo, gli ottavi di finale, contro il Vicenza. Senza l’abitudine a giocarsi questo tipo di partite di post season, le Vespette sono riuscite poi nell’impresa di eliminare una delle favorite, il Catania dominatore del Girone E, che si era qualificato senza perdere nemmeno una partita (18 vittorie e 2 pari) al termine della stagione regolare. Avranno dalla loro certamente un grandissimo entusiasmo e la voglia di scrivere pagine nuove nella storia del club campano.

PORDENONE
Favorito nella sfida contro la Juve Stabia è però il Pordonone campione d’Italia in carica nella categoria, che 12 mesi fa superava con un netto 3-0 il Prato ed ora si ripropone con tutte le carte in regola per il bis. Stagione particolare, più altalenante, quella dei giovani Ramarri friulani: solo 3° posto nel Girone B, alle spalle di Sudtirol e Vicenza, in regular season. Prima di due turni playoff al cardiopalma, con gare di andata straripanti e enormi rischi di rimonta avversaria nei ritorni, contro Pontedera e lo stesso Sudtirol. In questo caso, oltre ai valori tecnici, anche l’entusiasmo di un ambiente che ha visto la Prima Squadra salire in Serie B per la prima volta in quasi 100 anni di storia, farà la sua parte.

RENATE
I lombardi, dopo una stagione vissuta alle spalle dello scatenato Novara nel Girone A, si sono tolti grandi soddisfazioni nei quarti e agli ottavi: travolto il Siena con un doppio 3-1, i ragazzi di mister Robbiati – non a caso soprannominati Le Pantere – sono riusciti poi ad avere la meglio della Feralpi Salò, in un derby regionale da brivido. Deciso, dopo il KO per 1-0 dell’andata, dalla doppietta di Bianchi al ritorno, per un 3-1 che regala ai nerazzurri la possibilità (come detto per la Juve Stabia) di scrivere un pezzo di storia per la società, sognando lo Scudetto.

PAGANESE
Saranno gli azzurro-stellati, primi nel Girone D dopo le 20 partite di stagione regolare, a contendere al Renate il posto più ambito, il pass per la finalissima. Regolato l’Arezzo negli ottavi, i campani sono riusciti ad imporsi di misura sulla Reggina nel ritorno dei quarti, dopo una partita pazza ed emozionante in terra calabrese, con la girandola di punteggio fermata sul 3-3. Ora, dopo l’impresa dei ragazzi dell’Under 15, qualificatisi per la finale-Scudetto del loro campionato, contro il Piacenza, c’è da scommettere che anche i 2002 vorranno seguire il loro tragitto e rendere pazzesca la stagione per il settore giovanile del club.

]]>
Stasera Italia-Brasile, una sfida dal sapore Mondiale: per la prima volta le Azzurre su Rai 1 https://www.figc.it/it/nazionali/news/stasera-italia-brasile-una-sfida-dal-sapore-mondiale-per-la-prima-volta-le-azzurre-su-rai-1/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 16:14:53 +0200 https://www.figc.it/it/nazionali/news/stasera-italia-brasile-una-sfida-dal-sapore-mondiale-per-la-prima-volta-le-azzurre-su-rai-1/ Martedì 18 giugno 2019 diventerà probabilmente una data storica per il Calcio italiano... Martedì 18 giugno 2019 diventerà probabilmente una data storica per il Calcio italiano. Alle 21 allo ‘Stade du Hainaut’ di Valenciennes, tutto esaurito per l’occasione e dove sono attesi anche il presidente federale Gabriele Gravina e il direttore generale Marco Brunelli, l’Italia affronterà il Brasile nella terza e ultima gara del Gruppo C del Mondiale e per la prima volta una partita della Nazionale Femminile sarà trasmessa in prima serata su Rai 1.

Dopo i 3 milioni e mezzo di telespettatori (23.1% di share) fatti registrare in occasione dell’esordio con l’Australia e i 2 milioni 870 mila (23% di share) del match con la Giamaica, la squadra di Milena Bertolini sbarca sulla rete ammiraglia Rai e punta ad ottenere il record assoluto di ascolti in Italia per una gara di calcio femminile. La direttrice di Rai 1, Teresa De Santis, spiega così i motivi che l’hanno portata a ‘promuovere’ la Nazionale Femminile sul primo canale Rai: "Sono orgogliosa che le Azzurre esordiscano su Rai1 e in prime time con me. È una scelta per la quale ho molto insistito, sono state brave e attorno a loro si è creata un'onda crescente di consenso e interesse".

La sfida con le Verdeoro, che sarà trasmessa anche su Sky Mondiali e Sky Sport 1, sarà decisiva per le sorti del girone: un successo e un pareggio garantirebbero all’Italia il primo posto, con la possibilità di affrontare il 25 giugno a Montpellier una tra Nigeria, Cina e Cile. Anche perdendo di misura la squadra di Milena Bertolini potrebbe restare al comando del Gruppo C qualora nell’altro incontro del girone l’Australia non battesse in goleada la Giamaica. Perdendo stasera con due reti di scarto finirebbe invece sicuramente alla spalle del Brasile (e da seconda affronterebbe la Norvegia il 22 giugno a Nizza) o terza in caso di un netto successo delle australiane. Finire al terzo posto porterebbe quasi sicuramente ad un incrocio proibitivo agli Ottavi con le padrone di casa della Francia, un match che si disputerebbe il 23 giugno a Le Havre. Ma come dice Milena Bertolini "non facciamo calcoli, l’Italia scenderà in campo per vincere". Finora le è riuscito molto bene.

 

 

]]>
Entrato in vigore il nuovo Codice di Giustizia FIGC: completato l’iter di riforma https://www.figc.it/it/federazione/news/entrato-in-vigore-il-nuovo-codice-di-giustizia-figc-completato-l-iter-di-riforma/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 15:31:31 +0200 https://www.figc.it/it/federazione/news/entrato-in-vigore-il-nuovo-codice-di-giustizia-figc-completato-l-iter-di-riforma/ Con la pubblicazione del Comunicato Ufficiale n. 139A è entrato da ieri in vigore il nuovo Codice di Giustizia FIGC, già approvato dal Consiglio... Con la pubblicazione del Comunicato Ufficiale n. 139A è entrato da ieri in vigore il nuovo Codice di Giustizia FIGC, già approvato dal Consiglio Federale nella riunione del 30 maggio scorso e ratificato dalla Giunta del CONI nella riunione  dell’11 giugno. “Si è completato un iter complesso, in un tempo record - dichiara il Presidente della FIGC Gabriele Gravina – e per questo desidero ringraziare la Giunta del CONI e il Presidente Malagò per la celere ratifica del nuovo Codice di Giustizia Sportiva. Abbiamo mantenuto gli impegni presi, sarà un passo determinante per garantire celerità e certezza nell’amministrazione della giustizia endofederale”.

Il nuovo Codice di giustizia sportiva disciplina le fattispecie dei comportamenti rilevanti sul piano disciplinare e regola l'ordinamento processuale sportivo nonché lo svolgimento dei procedimenti innanzi agli organi del sistema della giustizia sportiva della FIGC. Il Codice non si applica ai procedimenti relativi alle violazioni delle norme sportive antidoping, nonché agli organi competenti per l'applicazione delle corrispondenti sanzioni. Si applica alle società, ai dirigenti, agli atleti, ai tecnici, agli ufficiali di gara e ad ogni altro soggetto che svolge attività di carattere agonistico, tecnico, organizzativo, decisionale o comunque rilevante per l’ordinamento federale. Il Codice si applica, inoltre, ai soci e non soci cui è riconducibile, direttamente o indirettamente, il controllo delle società, alle persone comunque addette a servizi delle società stesse e a coloro che svolgono qualsiasi attività all'interno o nell'interesse di una società o comunque rilevanti per l'ordinamento federale. Per tutto quanto non previsto dal Codice, si applicano le disposizioni del Codice CONI.

Il nuovo Codice di Giustizia Sportiva è pubblicato sul sito della FIGC nell’area Federazione/Norme.

]]>
Il fair play della Spagna: perde, ma scrive sulla lavagna “Grazie Bologna” https://www.figc.it/it/federazione/news/euro-under-21-il-fair-play-della-spagna-perde-ma-scrive-sulla-lavagna-grazie-bologna/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 15:04:09 +0200 https://www.figc.it/it/federazione/news/euro-under-21-il-fair-play-della-spagna-perde-ma-scrive-sulla-lavagna-grazie-bologna/ Lo spettacolo del “Dall'Ara” domenica sera, con lo stadio che ha applaudito l'inno della Spagna copr… Lo spettacolo del “Dall'Ara” domenica sera, con lo stadio che ha applaudito l'inno della Spagna coprendo con un boato i primi accenni di fischi, e con le bandierine spagnole sventolate dal pubblico dei distinti, ha fatto colpo sulla squadra del ct De La Fuente e su tutta la delegazione. Prima di andarsene, gli avversari degli Azzurrini hanno pulito il loro spogliatoio e hanno scritto «Grazie Bologna» sulla lavagna. Particolare di non poco conto, visto che avevano perso 3-1 dopo essere passati in vantaggio, e la delusione doveva essere cocente. Una sola risposta possibile al loro grande fair play: gracias España. 

E' la dimostrazione che il rispetto genera rispetto, e che l'eredità che la FIGC vuole lasciare con il primo Europeo Under 21 organizzato in casa - un nuovo modo di tifare, di accogliere e di includere - sta diventando qualcosa di tangibile. E di contagioso: ieri sera nella tribuna dello stadio “Friuli” di Udine la delegazione danese ha prima cantato il suo inno e poi, con lo stesso ardore, ha accompagnato l'inno tedesco. 

Domani lo stadio “Dall'Ara” si prepara ad accogliere la Polonia, seconda avversaria dell'Italia, con un'altra serata indimenticabile: stadio pieno, ottomila bandiere polacche, una per ciascun posto del settore Distinti e l'invito a tutti a replicare quello che domenica sera ha emozionato i trentamila presenti al Dall'Ara e i quasi 6 milioni di telespettatori di RaiUno. E dunque un lungo applauso durante l'inno dei nostri avversari e bandiere della Polonia al vento nei distinti. Come direbbe Rocco Hunt: benvenuti in Italy.

 

 

]]>
Domani a Bologna la fase finale del torneo. Giovedì la gara che vale il titolo https://www.figc.it/it/giovani/news/domani-a-bologna-la-fase-finale-del-torneo-giovedì-la-gara-che-vale-il-titolo/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 13:02:57 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/news/domani-a-bologna-la-fase-finale-del-torneo-giovedì-la-gara-che-vale-il-titolo/ Ultimo atto del Progetto Rete!... Ultimo atto del Progetto Rete!, con la fase nazionale che inizierà da domani 19 giugno presso il Centro Federale Territoriale di Corticella (BO). Giovedì 20, le gare che determineranno la graduatoria finale delle sei formazioni rappresentanti dei Centri Sprar che si sono aggiudicati le precedenti tappe interregionali - Caltanissetta, Milazzo, Trento, Altosannio e Carmiano - oltre a Lodi a cui è stata riconosciuta la Fair Play Wild Card.

L'evento di Bologna rappresenta il giusto epilogo di un percorso durato mesi e di un'edizione di un'attività, fortemente voluta dalla Federazione, e portata avanti grazie alla collaborazione con il Ministero dell'Interno, l'Anci e il Sistema Sprar/Siproimi e al supporto di partner come Eni e Puma, finalizzata a favorire i processi di inclusione e integrazione attraverso il calcio. I numeri parlano del progresso di un progetto che in cinque anni ha coinvolto circa duemila giovani minori stranieri e che in termini di partecipazione manifesta una crescita costante a ogni edizione: 237 nel 2015, 280 nel 2016, 397 nel 2017, 508 nel 2018 e 560 nel 2019.
I risultati sul campo, durante le sedute tecniche in loco, la sinergia con le società del territorio e la passione che i protagonisti di Rete! mettono negli allenamenti e nelle gare raccontano, poi, la bontà di un progetto va oltre gli aspetti puramente sportivi e che i numeri non riescono sufficientemente a rappresentare. 

Appuntamento a Corticella, sede di uno dei 4 CFT istituiti in Emilia Romagna, dove le sei finaliste daranno vita a una due giorni di sport e inclusione per aggiudicarsi il successo finale. Caltanissetta, che ha trionfato nell'evento che ha, di fatto, aperto il torneo, disputato a Gela, affronterà la formazione di Trento, che si è aggiudicata il raggruppamento di Milano, e la squadra di Carmiano, alla sua prima partecipazione alla fase finale, grazie al successo nella tappa di Noicattaro. Nel secondo gruppo, Milazzo, giunta seconda nel 2018, e con alle spalle due successi consecutivi nelle fasi interregionali dell'area Sicilia Nord, Altosannio, che come lo scorso anno ha avuto la meglio nel proprio raggruppamento, e Lodi, campione in carica e ripescata grazie alla Fair Play Wild Card.

Calcio d'inizio alle ore 15.30, per un torneo che si articolerà attraverso lo svolgimento di due triangolari, al termine dei quali le due migliori classificate accederanno alle semifinali che metteranno in palio la sfida valida per il primo posto. Le gare finali si svolgeranno la mattina seguente, con il match per il 5° e 6° posto e, contemporaneamente le due sfide che valgono l'accesso alla finalissima. La partita valida per il titolo di Rete! 2019 si disputerà alle ore 12.00, al termine della quale si svolgerà la cerimonia di premiazione alla presenza del Presidente Federale, Gabriele Gravinae  del Presidente SGS, Vito Tisci. 
In occasione dell’ultimo atto del torneo, i giovani atleti avranno inoltre l’opportunità di assistere alla gara valida per la fase finale del Campionato Europeo Under 21 tra Italia e Polonia.

]]>
Oggi le semifinali scudetto: Renate-Paganese e Juve Stabia-Pordenone https://www.figc.it/it/giovani/news/oggi-le-semifinali-scudetto-renate-paganese-e-juve-stabia-pordenone/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 12:39:29 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/news/oggi-le-semifinali-scudetto-renate-paganese-e-juve-stabia-pordenone/ Dopo il lunedì riservato alle semifinali... Dopo il lunedì riservato alle semifinali del Campionato Under 17 A e B, in calendario un martedì dedicato alla stessa categoria ma in versione Serie C. a Savignano sul Rubicone e a Russi si giocheranno Juve Stabia-Pordenone e Renate-Paganese.

JUVE STABIA
I giovani gialloneri, che hanno chiuso al secondo posto nel Girone D la regular season (alle spalle della Paganese), sono reduci da due turni di playoff complicati. In particolare il primo, gli ottavi di finale, contro il Vicenza. Senza l’abitudine a giocarsi questo tipo di partite di post season, le Vespette sono riuscite poi nell’impresa di eliminare una delle favorite, il Catania dominatore del Girone E, che si era qualificato senza perdere nemmeno una partita (18 vittorie e 2 pari) al termine della stagione regolare. Avranno dalla loro certamente un grandissimo entusiasmo e la voglia di scrivere pagine nuove nella storia del club campano.

 

PORDENONE
Favorito nella sfida contro la Juve Stabia è però il Pordonone campione d’Italia in carica nella categoria, che 12 mesi fa superava con un netto 3-0 il Prato ed ora si ripropone con tutte le carte in regola per il bis. Stagione particolare, più altalenante, quella dei giovani Ramarri friulani: solo 3° posto nel Girone B, alle spalle di Sudtirol e Vicenza, in regular season. Prima di due turni playoff al cardiopalma, con gare di andata straripanti e enormi rischi di rimonta avversaria nei ritorni, contro Pontedera e lo stesso Sudtirol. In questo caso, oltre ai valori tecnici, anche l’entusiasmo di un ambiente che ha visto la Prima Squadra salire in Serie B per la prima volta in quasi 100 anni di storia, farà la sua parte.

 

RENATE
I lombardi, dopo una stagione vissuta alle spalle dello scatenato Novara nel Girone A, si sono tolti grandi soddisfazioni nei quarti e agli ottavi: travolto il Siena con un doppio 3-1, i ragazzi di mister Robbiati – non a caso soprannominati Le Pantere – sono riusciti poi ad avere la meglio della Feralpi Salò, in un derby regionale da brivido. Deciso, dopo il KO per 1-0 dell’andata, dalla doppietta di Bianchi al ritorno, per un 3-1 che regala ai nerazzurri la possibilità (come detto per la Juve Stabia) di scrivere un pezzo di storia per la società, sognando lo Scudetto.

 

PAGANESE
Saranno gli azzurro-stellati, primi nel Girone D dopo le 20 partite di stagione regolare, a contendere al Renate il posto più ambito, il pass per la finalissima. Regolato l’Arezzo negli ottavi, i campani sono riusciti ad imporsi di misura sulla Reggina nel ritorno dei quarti, dopo una partita pazza ed emozionante in terra calabrese, con la girandola di punteggio fermata sul 3-3. Ora, dopo l’impresa dei ragazzi dell’Under 15, qualificatisi per la finale-Scudetto del loro campionato, contro il Piacenza, c’è da scommettere che anche i 2002 vorranno seguire il loro tragitto e rendere pazzesca la stagione per il settore giovanile del club.

]]>
Sabato la cerimonia delle Benemerenze, premiati dirigenti e società https://www.figc.it/it/giovani/news/sabato-la-cerimonia-delle-benemerenze-premiati-dirigenti-e-società/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 12:07:18 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/news/sabato-la-cerimonia-delle-benemerenze-premiati-dirigenti-e-società/ Si svolgerà il prossimo 22 giugno... Si svolgerà il prossimo 22 giugno, presso la sala “Olimpico” dell’Holiday Inn Rome – Eur Parco dei Medici, l'annuale cerimonia delle Benemerenze, l'evento organizzato dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC e dalla Lega Nazionale Dilettanti, per premiare i Dirigenti Federali con almeno 20 anni di attività, i Dirigenti di Società con almeno 20 anni di attività, le Società con almeno 75 anni di attività e leSocietà con almeno 100 di attività. 

Per il Settore Giovanile e Scolastico saranno premiati, alla presenza del Presidente Gravina, del Presidente LND Sibilia, del Presidente SGS Tisci e del Segretario SGS Di Gioia complessivamente 52 Dirigenti - 14 Federali e  38 di Società - e 2 Società Sportive.

"Per il Settore Giovanile e Scolastico, e il mondo della Federazione e della LND in generale, questo è un appuntamento molto importante - ha dichiarato Vito Tisci, Presidente SGS - La cerimonia della Benemerenze rappresenta l'attestazione del gran lavoro svolto dalle figure dirigenziali che operano sia a livello federale che nelle società e, non di meno, di quanto sviluppato direttamente dai nostri club. Sono orgoglioso di poter essere qui in veste di Presidente del Settore Giovanile e Scolastico e poter dare il giusto riconoscimento a persone con cui da anni portiamo avanti idee e progetti per la crescita dell'intero movimento giovanile operando in tutto il territorio. Ringrazio pertanto i dirigenti e le società presenti, pregando di estendere le mie parole a tutti i collaboratori che hanno permesso il raggiungimento di questi importanti risultati".

]]>
Buon compleanno a Fabio Capello, eroe di Wembley nel 1973! https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fabio-capello-eroe-di-wembley-nel-1973-2019/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 08:57:11 +0200 https://www.figc.it/it/tifosi/news/buon-compleanno-a-fabio-capello-eroe-di-wembley-nel-1973-2019/ Il 18 giugno del 1946 a Pieris, in provincia di Gorizia, nasce Fabio Capello, protagonista di tante pagine importanti nella storia del calcio italiano... Il 18 giugno del 1946 a Pieris, in provincia di Gorizia, nasce Fabio Capello, protagonista di tante pagine importanti nella storia del calcio italiano. Fa il suo esordio in Serie A non ancora diciottenne con la maglia della SPAL, ma il grande salto arriva a 21 anni quando approda alla Roma di Helenio Herrera, squadra con la quale conquisterà la Coppa Italia.

Con la Juventus arriveranno poi tre Scudetti, prima del passaggio al Milan che porterà Capello a mettere le mani sul suo quarto titolo di Campione d'Italia e la sua seconda Coppa nazionale. L'esordio in maglia azzurra avviene durante il periodo in bianconero, in occasione della gara contro il Belgio che segna l'eliminazione dell'Italia dagli Europei del '72. Pur non riuscendo a conquistare trofei con la Nazionale, Capello passa alla storia per i suoi gol contro l'Inghilterra nel 1973: quello a Torino, che contribuisce al primo successo assoluto degli Azzurri contro i britannici, e la rete decisiva a Wembley cinque mesi dopo per il primo trionfo italiano in terra d'Albione.

Tra le illustri vittime preferite di Capello figura anche il Brasile, contro il quale realizza altre due delle sue otto reti totali in trentadue presenze azzurre.

]]>
Progetto Rete 2019 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/progetto-rete/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 07:50:15 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/progetto-rete/ Prenderà il via mercoledì 19 giugno, presso il Centro Federale Territoriale di Corticella (BO), la f… Prenderà il via mercoledì 19 giugno, presso il Centro Federale Territoriale di Corticella (BO), la fase finale del Progetto Rete!, l’iniziativa sviluppata dalla FIGC attraverso il Settore Giovanile e Scolastico in collaborazione con il Ministero dell’Interno, l’ANCI e il Sistema SPRAR/SIPROIMI e grazie al supporto di Eni e Puma, nell’ambito della attività di responsabilità sociale.

In campo le sei formazioni rappresentati di altrettanti progetti Sprar, che grazie ai successi nelle rispettive fasi interregionali, hanno guadagnato l’accesso all’appuntamento finale di un torneo che nel corso della stagione ha coinvolto oltre 500 giovani stranieri, accolti in 49 strutture di tutto il territorio italiano. Un successo, in termini di partecipazione in costante crescita, e che negli ultimi 5 anni ha permesso a circa 2.000 ragazzi di prendere parte a un’iniziativa, diventata un vero e proprio modello a livello internazionale e orientata a favorire l’integrazione e l’inclusione sociale attraverso il calcio. Un format articolato in specifiche fasi regionali, sviluppate in loco dai Coordinamenti SGS Regionali dei
territori coinvolti e 5 tappe interregionali che hanno definito il quadro delle 6 squadre protagoniste della finale di Corticella.

A scendere in campo mercoledì dalle ore 15.00 le formazioni di Caltanissetta, Milazzo, Altosannio, Carmiano, Gardolo e Lodi, campione in carica. Al termine della prima giornata di gare, tutti i partecipanti potranno assistere alla gara della fase finale del Campionato Europeo U21 tra Italia e Polonia. Giovedì 20 giugno dalle ore 10.00 gli incontri per stabilire la graduatoria finale, con la sfida per il titolo in programma alle ore 12.00. A conclusione della manifestazione la cerimonia di premiazione per tutti i ragazzi e gli staff, alla presenza delle autorità federali.

]]>
Grassroots Festival https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/grassroots-festival/ figc.it Tue, 18 Jun 2019 07:40:54 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/territorio/mappa-del-territorio/trento/news/grassroots-festival/ Sabato 15 e domenica 16 giugno si è svolto a Coverciano, presso il Centro Tecnico Federale, la 11^ e… Sabato 15 e domenica 16 giugno si è svolto a Coverciano, presso il Centro Tecnico Federale, la 11^ edizione del Grassroots Festival, rassegna calcistico-promozionale promossa dal Settore Giovanile e Scolastico della FIGC.
A rappresentare la nostra Provincia, ha partecipato la Società AC Trento con la propria formazione militante nei tornei Pulcini, che a primavera si è aggiudicata la fase provinciale del #Grassroots Challenge.
Per il CPA di Trento-SGS, hanno accompagnato la comitiva i Collaboratori, prof. Bruno Zucchelli e Athos Grandi.
]]>
Seconda finale consecutiva per la Roma, sfida con l'Inter per il titolo italiano https://www.figc.it/it/giovani/news/seconda-finale-consecutiva-per-la-roma-sfida-con-linter-per-il-titolo-italiano/ figc.it Mon, 17 Jun 2019 23:15:57 +0200 https://www.figc.it/it/giovani/news/seconda-finale-consecutiva-per-la-roma-sfida-con-linter-per-il-titolo-italiano/ Inter e Roma si qualificano... Inter e Roma si qualificano alla finale scudetto in programma il prossimo 20 giugno a Ravenna, per quella che rappresenterà una vera e propria rivincita della semifinale dello scorso anno vinta dai giallorossi, attuali Campioni d’Italia in carica. Nella gara del pomeriggio disputata a Santarcangelo i nerazzurri superano i vice campioni dell’Atalanta, al termine di una gara sempre sotto controllo e vinta meritatamente. Più combattuta e avvincente la semifinale tra i giallorossi e il Napoli andata in scena allo stadio Benelli, dove la Roma ha avuto la meglio sui partenopei per 2-1.

Primi minuti di gioco di matrice interista, con la formazione di Zanchetta costantemente nella metà campo avversaria. Una superiorità premiata al 13’ dalla rete del vantaggio di Esposito, arrivata su calcio di rigore per un evidente fallo di mano in area. L’Atalanta impiega diversi minuti a rientrare in partita, rendendosi davvero pericolosa solo al 39’ al termine di una grandissima azione corale conclusa dal numero 10 che trova però l’opposizione di Nozza Bielli.
Chiuso in vantaggio il primo tempo, l’Inter imprime alla gara il medesimo abbrivio anche nella ripresa, trovando il 2-0 già al 52’. Notevole spunto del 10 nei pressi del limite dell’area, sinistro a incrociare e gran risposta del numero 1 atalantino. Sugli sviluppi del corner, girata a di Cortinovis, lasciato solo sul secondo palo, e 2-0 per la formazione nerazzurra. La reazione bergamasca non porta particolari rischi alla porta difesa da Stankovic e all’81’ l’Inter chiude definitivamente l’esito della semifinale ancora con Esposito, bravo a sfruttare un’azione di contropiede e a beffare il portiere orobico con un tocco d’esterno dalla sinistra. Negli ultimi dieci minuti di gara si registrano due espulsioni per l’Atalanta e altrettante ulteriori occasioni per i nerazzurri che al triplice fischio possono festeggiare l’approdo alla finale scudetto.

Allo stadio Benelli di Ravenna scendono in campo il miglior attacco di tutto il campionato, quello giallorosso (126 gol per una media superiore alle 5 marcature a partita), e la miglior difesa, quella degli azzurri (18 gol in 24 giornate). Prima occasione dopo pochi minuti per la Roma che colpisce due volte la traversa nella stessa azione, con Milanese prima e Zalewski poi, con la palla che in entrambe le conclusioni rimbalza non lontano dalla linea di porta. Il vantaggio mancato carica i capitolini che al 10′ si rendono ancora pericolosi con una rovesciata di Bove sugli sviluppi di un corner. Roma ancora pericolosa 5 minuti dopo con Cancellieri, che sfrutta un velo di Bove ma manca la rete di poco. A inizio ripresa è il Napoli a sfiorare il vantaggio con Cavallo, che dalla destra rientra e con un mancino a giro colpisce il palo. La sfuriata partenopea non allarma oltremodo i Campioni d'Italia, che riprendono in mano la gara e al 65' trovano la rete dell'1-0. Il numero 8 Bove riceve un pallone in area, salta un avversario e con un destro preciso supera Maione. Immediata, però, la reazione partenopea: ripartenza improvvisa, altro legno di Cavallo da pochi passi i ribattuta vincente di D'Agostino. Trascorrono appena sessanta secondi e la Roma torna in vantaggio grazie a una prodezza di Ciervo: il numero 18 giallorosso, entrato da poco, raccoglie un assist di Bove e con un grande esterno a giro trova l'angolo lontano, battendo l'impotente Maione. E' la rete che porta la Roma a difendere il titolo italiano nella finalissima di Ravenna

 

INTER - ATALANTA 3-0

INTER: Stankovic, Dimarco, Moretti, Squizzato (dal 81′ Casadei), Cester, Cortinovis, Pirola, Mirarchi (dal 81′ Wieser), Esposito (dal 86′ Sakho), Bonfanti (dal 65′ Gnonto), Oristanio (dal 65′ Simic). All. Zanchetta
ATALANTA: Nozza Bielli, Ruggeri, Renault (dal 46′ Viviani), Panada, Scanagatta, Cittadini, Roma (dal 61′ Meraglia), Repa (dal 61′ Reda), Traore, Faye (dal 81′ Giovane), Sidibe. All. Bosi
MARCATORI: 15′ e 80′ Esposito (I), 53′ Cortinovis (I)

 

ROMA - NAPOLI 2-1

ROMA: Boer, Tomassini, Suffer, Tripi, Buttaro, Astrologo (85′ Ciucci), Cancellieri (57′ Ciervo), Bove, Agostinelli, Milanese, Zalewski. A disposizione: Trovato, Morichelli, Muteba, Aglietti, Carlucci, Travaglini, Tueto Fotso. All. Piccareta.
NAPOLI: Maione, Parisi, Romano, Ceparano, Costanzo, D’Onofrio, Cavallo (81′ Carbone), Virgilio (81′ Altomare), Montaperto (61′ Mancino A.), Marrazzo (64′ D’Agostino), Cioffi. A disposizione: Mancino V., Musella, Sepe, Somma, Cretela. All. Carnevale.
MARCATORI: 70′ Bove (R), 73′ (D’Agostino (N), 74′ Ciervo (R)

]]>