Attualità

C’è Orsato tra i 36 direttori di gara del Mondiale, per la prima volta anche tre donne arbitro

L’arbitro di Schio rappresenterà l’Italia in Qatar: con lui gli assistenti Carbone e Giallatini e al VAR Irrati e Valeri. Le tre donne arbitro saranno la francese Frappart, la ruandese Mukansanga e la giapponese Yamashita. Collina: “Per noi conta la qualità, non il genere”

giovedì 19 maggio 2022

C’è Orsato tra i 36 direttori di gara del Mondiale, per la prima volta anche tre donne arbitro

Con la Nazionale fuori dal Mondiale, toccherà alla classe arbitrale rappresentare l’Italia in Qatar. Tra i 36 direttori di gara selezionati oggi dalla Commissione Arbitrale FIFA c’è Daniele Orsato, mentre tra i 69 assistenti scelti figurano i nomi di Ciro Carbone e Alessandro Giallatini. Al VAR toccherà invece a Massimiliano Irrati e Paolo Valeri.

"Come sempre abbiamo messo al primo posto la qualità – ha dichiarato il presidente della Commissione Arbitrale FIFA Pierluigi Collina - gli ufficiali di gara selezionati rappresentano il livello più alto dell'arbitraggio a livello mondiale. Il Mondiale del 2018 è stato un grande successo anche grazie all'elevato standard degli arbitraggi e faremo il massimo per fare ancora meglio in Qatar. Vogliamo lavorare ancora più duramente con tutti coloro che sono stati selezionati, monitorandoli nei prossimi mesi. Il messaggio è chiaro: non cullatevi sugli allori, continuare a lavorare sodo e a prepararvi molto seriamente per la Coppa del Mondo".

Sarà un Mondiale storico perché per la prima volta ci saranno anche tre donne arbitro (la francese Stephanie Frappart, la ruandese Salima Mukansanga e la giapponese Yoshimi Yamashita) e altrettante fra gli assistenti di linea (la brasiliana Neuza Back, la messicana Karen Diaz Medina e la statunitense Kathryn Nesbitt).

"In questo modo – ha aggiunto Collina - sottolineiamo chiaramente che per noi conta la qualità e non il genere. Mi auguro che in futuro la selezione di ufficiali di gara femminili d'élite per importanti competizioni maschili sia percepita come una cosa normale e non più come clamorosa. Meritano di essere alla Coppa del Mondo perché si esibiscono costantemente ad un livello davvero alto e questo è il fattore importante per noi”.

Gli ufficiali di gara selezionati parteciperanno a inizio estate a diversi seminari ad Asunción, Madrid e Doha: “Grazie a un innovativo programma di monitoraggio e supporto – ha spiegato il direttore arbitrale della FIFA Massimo Busacca - tutti gli ufficiali di gara possono essere supervisionati dagli istruttori degli arbitri FIFA in modo ancora più stretto e intenso rispetto agli anni precedenti. Questo è un fattore molto importante, dal quale ci aspettiamo notevoli miglioramenti e progressi in vista del Mondiale 2022. Inoltre, ci saranno programmi individuali su misura, in particolare per quanto riguarda la salute e il fitness. Ogni ufficiale di gara sarà attentamente monitorato nei prossimi mesi con una valutazione finale sugli aspetti tecnici, fisici e medici da effettuare poco prima del Mondiale, in modo da averli nelle migliori condizioni quando la palla inizierà a rotolare in Qatar. I punti chiave della preparazione rimangono la protezione dei giocatori e dell'immagine del gioco, la coerenza, l'uniformità, la lettura del gioco dal punto di vista tecnico e tattico e la comprensione delle diverse mentalità dei giocatori e della squadra. Non possiamo eliminare tutti gli errori, ma faremo tutto il possibile per ridurli".

Per l’elenco completo di arbitri, assistenti e video match officials clicca qui